Ultime Notizie da Foggia e dalla provincia di Foggia

Rassegna della stampa locale e comunicati delle Associazioni di Foggia e della provincia di Foggia

Siti web e servizi internet - il tuo business online

Per le vostre vacanze in Thailandia : THAILANDIA , VIAGGIO THAILANDIA , THAILANDIA VACANZE ,

BANGKOK THAILANDIA , ISOLA DI PHUKET

Tour e vacanze in Thailandia

Apertura della campagna estiva con giardino all'aperto!!!
La perla di Damal, pizzeria con forno a legna a Foggia  La perla di Damal, pizzeria con forno a legna a Foggia

Studio Fitness a Foggia e' un' isola dove il piacere di ritrovare la bellezza si sposa con il relax e la distensione di corpo e mente
Sala attrezzi Idromassaggio - Sauna - Solarium viso e corpo - Poltrona massaggiante - Bagnoturco  - Fitbox - Ginnastica dolce - Ginnastica posturale - Spinning - Total Body


Foggia cresce? leggi le email o invia un email a info@foggiaweb.it

FOGGIA – Rapinò una donna insieme al complice, arrestato 21enne

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Le avevano strappato la borsa dal braccio

È stato arrestato dai carabinieri di San Severo, Giuseppe Pensa, 21 anni, per una rapina ai danni di un’anziana donna consumata insieme al complice Carmine Del Priore, 21 anni, già bloccato in flagranza di reato.

LA RAPINA. Lo scorso 15 settembre i militari avevano assistito, in via Don Minzoni, ad una rapina ai danni di una donna. I due giovani, dopo averla strattonata con violenza facendola cadere a terra, le avevano strappato la borsa che teneva al braccio.

L’IDENTIFICAZIONE. I carabinieri erano riusciti a bloccare Del Priore, mentre cercava di fuggire, il complice invece era riuscito a far perdere le proprie tracce. La vittima aveva riconosciuto Pensa nell’altro rapinatore fuggito e il giovane era stato successivamente bloccato mentre passeggiava tra le vie del centro.

Tiziana Cuttano da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA -Piano Aeroporti, Lupi esclude il Gino Lisa. Landella: “Decisione grave”

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Sull’esclusione dell’aeroporto Gino Lisa dagli scali di interesse nazionale nel Piano del Ministero dei Trasporti, il sindaco Landella: «Decisione grave, che penalizza e mortifica la Capitanata »

Il sindaco di Foggia, Franco Landella, denuncia il mancato inserimento dell’aeroporto Gino Lisa nella lista degli scali di interesse nazionale presentata dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, che declassa la struttura foggiana ad aeroporto regionale.

FRANCO LANDELLA. Nonostante gli appelli, gli studi tecnici, gli incontri ed i confronti istituzionali, il governo nazionale ha mortificato il diritto della Capitanata all’ammodernamento ed al potenziamento delle sue infrastrutture e della sua rete di trasporti, nel colpevole disinteresse della Regione Puglia. Avevamo chiesto al viceministro Riccardo Nencini, in un incontro svolto a Roma, lo scorso mese di luglio, al quale parteciparono anche il sottosegretario alle Riforme, on. Ivan Scalfarotto, ed il presidente della Camera di Commercio, Fabio Porreca, che l’aeroporto di Foggia potesse rientrare tra gli scali di interesse nazionale anche in considerazione dalla sua appartenenza al “Comprehensive Network” della rete “Ten-T”, approvata da Parlamento europeo, Commissione europea e Consiglio dei ministri europeo in via definitiva nel dicembre del 2013.

Ma ciò evidentemente non è bastato, se la bozza visionata quel giorno ha confermato come aeroporti di interesse nazionale scali come Cuneo, Crotone, Comiso, Taranto, Salerno, Parma, aerostazioni che non hanno volumi di traffico storici rilevanti né collocati in aree con un potenziale di traffico, un numero residenti e flussi turistici superiori a quello di Foggia, né distanti da altri scali più di quanto Foggia lo sia da Bari. Guarda caso di Firenze, città natale del presidente del Consiglio Matteo Renzi, è stato invece promosso tra gli aeroporti strategici assieme a quello di Pisa, nonostante un volume di passeggeri di gran lunga inferiore rispetto ad altre località».

Il sindaco Landella, inoltre, ricorda che sul punto ha sollecitato più volte il governatore pugliese Nichi Vendola, affinché intervenisse in modo più deciso e consono nei confronti del ministero dei Trasporti «allo scopo di inserire anche il “Gino Lisa”, al pari di tutti gli altri aeroporti pugliesi, tra gli scali di interesse nazionale. Un iter che ci era stato prospettato in modo chiaro ed ufficiale dal viceministro Nencini e che il presidente della Regione ha inteso esperire trasmettendo poche righe inviate al ministro Lupi, affermando tra l’altro di aver saputo solo da organi di stampa di questa necessità. Fatto assolutamente grave per un presidente di Regione.

Ma evidentemente Foggia e la Capitanata non sono sufficientemente meritorie di attenzione da parte del presidente Nichi Vendola, che qualche settimana fa ha però trovato il tempo di giungere in città per “benedire” una iniziativa imprenditoriale privata che punta alla riattivazione dei voli (sperando forse di sfruttare questa vetrina in chiave propagandistico-elettorale), ma che non risolve il problema dell’allungamento della pista del nostro aeroporto, presupposto fondamentale per il funzionamento a pieno regime dello scalo della Capitanata, né della sua funzione nel sistema aeroportuale nazionale.

Mi sarei aspettato che la Regione Puglia, e soprattutto i rappresentanti della provincia di Foggia che siedono in Giunta a Bari, prestassero maggiore attenzione e dimostrassero un impegno concreto sul tema. Invece ci siamo scontrati con l’indifferenza di chi, evidentemente, considera il potenziamento infrastrutturale del nostro territorio una sorta di intralcio fastidioso; con chi crede che le istanze della Capitanata possano essere difese con poche righe scritte con fastidio ed inviate al Ministero per avanzare una richiesta così importante, che avrebbe meritato ben altro atteggiamento, tanto sul fronte politico quanto dal punto di vista delle argomentazioni tecniche. È un comportamento che mi indigna, come sindaco di Foggia e come cittadino della Capitanata.

Faccio appello dunque al presidente della Camera di Commercio, Fabio Porreca, a tutti i parlamentari foggiani e pugliesi ed ai rappresentanti del territorio alla Regione Puglia al fine di intensificare in modo congiunta un’azione politica finalizzata alla revisione e alla modifica del piano nazionale degli aeroporti. Il “Gino Lisa” non può essere escluso da questa catalogazione, oltre che per gli argomenti già evidenziati, anche per alcuni elementi che il piano stesso richiama.

Va ricordato che gli altri scali considerati di interesse nazionale, operano in larga parte grazie ai finanziamenti che Aeroporti di Puglia, società controllata al 99% dalla Regione Puglia, assegna a compagnie low cost straniere, come conferma il recente stanziamento di 85 milioni di euro a favore di Ryan Air per i prossimi 5 anni. Un sostegno finanziario che nel Piano nazionale del ministero è definito testuale “distorsione del mercato”.

Per far sentire la nostra voce in modo ancora più forte credo che sia ormai indifferibile organizzare una grande manifestazione a Roma, difendendo il diritto al potenziamento infrastrutturale della Capitanata e della sua rete di trasporti. Come ho già detto in altre occasioni, non si tratta di una questione meramente campanilistica, ma di un tema centrale per lo sviluppo della provincia di Foggia e, più in generale, dell’intera Puglia, sia per quel che concerne il comparto turistico sia per ciò che riguarda il settore dell’agro-industriale.

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Droga sull’asse Campania-Capitanata, 7 arresti, 2 del Foggiano

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

IN seguito ad una vasta operazione dei Carabinieri di Nocera Inferiore è stata smantellata una rete di spaccio di sostanze stupefacenti tra la Campania e il foggiano. 7 le persone arrestate dai militari su provvedimento del tribunale di Nocera Inferiore. Gli arresti sono stati eseguiti a San Marzano sul Sarno (Salerno), Boscoreale (Napoli), a Chieuti e a Torremaggiore. Un indagato è finito in carcere, sei ai domiciliari, mentre per tre è scattato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L’operazione ha visto l’impiego di un centinaio di militari che hanno effettuato anche diverse perquisizioni.
I provvedimenti cautelari arrivano da un’inchiesta nata nel 2013 sulle tracce di un giro di spaccio di sostanze stupefacenti con base nell’agro nocerino-sarnese, ma con ramificazione fino all’Alto Tavoliere.
Importante il giro di droga stroncato dai Carabinieri: nel corso dell’attività, infatti, sono stati sequestrati 420 grammi di cocaina, con l’esecuzione in flagranza di reato di quattro arresti.

 

Tutti campani gli indagati ad eccezione del torremaggiorese Cistone Antonio, classe 1981, e del chieutino Di Pietro Alessio, classe 1975, i quali ricevevano dalla Campania importanti quantitativi di cocaina da immettere sul mercato locale. Entrambi gli arrestati sono stati sottoposti ai domiciliari.

da Stato Quotidiano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

Volare da Foggia: al via le prenotazioni, ma solo sul sito di Air Vallée

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Dal 27 ottobre Blue Wings Air attiverà i primi voli dall’aeroporto ‘Gino Lisa’ ma per ora è possibile prenotare solo sul sito della Air Vallée.

Se sul sito web di Blue Wings Air, la società che gestirà la programmazione dei collegamenti aerei da e per Foggia, per ora non è possibile cliccare sulla ‘Biglietteria Online’, è tutto pronto invece sul sito di Air Vallée, la compagnia aerea italiana che effettuerà i voli. I collegamenti, come annunciato dalla Blue Wings Air, saranno attivati il prossimo 27 Ottobre.

Le tratte. Con un aeromobile ‘Fokker 50’ biturbo elica da 50 posti, Air Vallée garantirà – per la Blue Wings Air – due voli settimanali per Milano (il lunedì e il venerdì) e dal 6 dicembre anche un volo settimanale per Torino (ogni sabato).

Gli orari. Per il volo Foggia-Milano la partenza è prevista alle ore 7, l’arrivo alle ore 9. Per il volo Milano – Foggia, partenza ore 18, arrivo ore 20. Per il volo Foggia-Torino, partenza ore 8 arrivo ore 10, Torino – Foggia partenza ore 11 arrivo ore 13 per un costo di 130 euro a tratta.

da Il Resto del Gargano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Blue Wings Air è di parola o quasi: sito web attivo, ma a metà

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Come promesso dalla stessa società inglese, da ieri 1° ottobre il sito web di Blue Wings Air è attivo, ma a mezzo servizio.

Un aereo che sorvola il centro di Vieste. Così si presenta l’home page del sito web di Blue Wings Air, la società di brokeraggio che gestirà la programmazione dei collegamenti aerei da e per Foggia. Subito dopo però compare la scritta: “Attenzione. Il sito è in fase di aggiornamento. Per qualsiasi comunicazione, scrivere a: info@bluewingsair.com. Ci scusiamo per il disagio.”

Effettivamente al momento non sono cliccabili le sezioni riguardanti la ‘Biglietteria on line’ ma intanto è possibile prenotare sul sito di Air Vallèe, la compagnia aerea che effettuerà i voli. Impossibile anche cliccare i contenuti nelle sezioni ‘Voli-Prenotazioni’ o trovare notizie su ‘Info-Note legali’. Si scopre però che oltre alle due tratte ormai note – Milano e Torino – esistono ufficialmente anche le destinazioni di Mostar e Spalato.

Le uniche sezioni attive sono ‘Chi siamo’ e ‘Voli Charte’. Nella prima sezione la società gestita da Italiani si presenta ufficialmente:

“Blue Wings Air – si legge nel sito – è una company inglese a capitale interamente privato con sede a Londra, che attraverso accordi con vettori aerei di primaria importanza, opera nel trasporto di persone a corto raggio”.

Nella sezione si precisa inoltre che l’azienda è nata per “offrire servizi di trasporto aereo charter e leisure on-demand”, ma oltre a svolgere la normale attività di trasporto aereo opera anche nel settore del brokeraggio di aeromobili e nelle attività di non aviario.

Oltre ad essere menzionate le basi su cui si fonda la mission aziendale (cortesia, affidabilità, efficienza e professionalità) si legge anche che Blue Wings Air, con l’obiettivo di riattivare l’operatività dei voli dall’aeroporto Gino Lisa di Foggia, nel 2014 ha sottoscritto un accordo commerciale con la compagnia aerea italiana Air Vallèe, attiva nel trasporto aereo da molti anni e in possesso di regolare certificazione di operatore aereo (COA).

Si ribadisce inoltre quanto è noto già dalla conferenza stampa del 12 settembre 2014, ovvero che Blue Wings Air, in collaborazione con Aeroporti di Puglia, ha presentato i nuovi voli per Milano e dal prossimo 6 dicembre per Torino, oltre alla possibilità di effettuare voli charter per altre destinazioni. I nuovi voli saranno operati, con l’utilizzo di un aeromobile Fokker 50 da cinquanta posti. La sede operativa in Italia è presso l’Aeroporto Gino Lisa di Foggia in Viale degli Aviatori.

Come è scritto anche nel sito stesso, il portale è stato creato da Marco Fracchiolla e da alcune ricerche emerge che il dominio di www.bluewingsair.com è stato registrato il 23 settembre 2013 sempre da Marco Fracchiolla.

da Il RestodelGargano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

MANFREDONIA – spaccio droga, 2 arresti, 4 indagati; anche donna 79enne

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

 GLI agenti dei Commissariati di P.S. di Manfredonia e San Severo hanno dato esecuzione stamani all’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Rosina Troiano, di 79 anni, e di Francesco Saverio Fiale, di anni 50, entrambi con precedenti penali. Sempre nell’ambito della stessa operazione, sono stati notificati gli avvisi di conclusione delle indagini ad altri 4 soggetti, di Manfredonia e San Severo, indagati nell’ambito dello stesso procedimento penale.
L’accusa per tutti gli indagati è quella di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, in particolar modo eroina. Tra gli indagati vi è anche il San Severese Spinazzola Giovanni arrestato di recente dagli agenti del Commissariato di San Severo poiché accusato di essere l’esecutore materiale dell’omicidio, avvenuto agli inizi di settembre, del suo concittadino D’Antuono Giovanni.

L’INDAGINE. L’indagine, oltre ad essere condotta con le modalità classiche: pedinamento e osservazione, si avvaleva anche dell’ausilio di attività tecniche, sottoponendo ad intercettazione telefonica le utenze in uso agli indagati.
L’indagine si è sviluppata nel settembre 2013, quando da attività investigativa, personale della Squadra di P.G. del Commissariato P.S. di Manfredonia appurava che Fiale Francesco Saverio, annoverante numerosi pregiudizi di polizia in materia di stupefacenti, aveva intrapreso una fiorente attività di spaccio del genere eroina e che questi non era dedito al solo spaccio al dettaglio, bensì inserito in un collaudato sodalizio. Gli agenti hanno accertato che l’uomo era complice di Cotrufo Michele e la coniuge Troiano Rosina, già più volte arrestati per reati inerenti gli stupefacenti.

Questi ultimi, considerata la loro anziana età, si avvalevano della complicità di Fiale per compiere approvvigionamenti all’ingrosso presso i vicini comuni in particolar modo San Severo.
La collaborazione di Fiale si intensificava in seguito all’arresto, operato dagli agenti del Commissariato di Manfredonia, di alcuni fiancheggiatori perché colti in flagranza di reato mentre trasportavano eroina agli anziani coniugi.
Monitorando Fiale gli agenti sono riusciti ad individuare i principali canali di approvvigionamento dello stupefacente utilizzati da quest’ultimo. In diverse circostanze, durante i suoi spostamenti, Fiale è stato pedinato mentre a bordo della sua vettura si portava a San Severo per la fornitura dello stupefacente.
L’attività congiunta del Commissariato di Manfredonia e San Severo consentiva di individuavate tra i fornitori di Fiale gli indagati: Spinazzola Giovanni e Totta Daniele, entrambi di San Severo. A riscontro dell’attività di indagine sono stati eseguiti sequestri di sostanze stupefacenti sia nei confronti dei fornitori che nei confronti di alcuni consumatori, che venivano sorpresi subito dopo l’acquisto dello stupefacente.
Il sequestro più ingente di stupefacente avveniva in data 17.02.2014, quando gli agenti del Commissariato P.S. di Manfredonia procedevano all’arresto di Cotrufo Michele e Troiano Rosina, in quanto a seguito della perquisizione della loro abitazione, rinvenivano e sequestravano sostanza stupefacente del tipo eroina quantificata complessivamente in grammi 68, di cui grammi 14,50 suddivisi in 42 dosi, la restante parte in due pietre solide, tutto l’occorrente per il confezionamento e lo spaccio della droga e la somma di euro 695,00 suddivisa in banconote di vario taglio, provento dello spaccio.
Con l’operazione odierna gli inquirenti hanno inferto un duro colpo all’attività di spaccio posta in essere dai coniugi presso la loro abitazione divenuta ormai un punto di riferimento per i tossicodipendenti del luogo per quanto riguarda l’acquisto dell’eroina. Dopo le formalità di rito Troiano Rosina e Fiale Francesco Saverio sono stati sottoposti agli arresti domiciliari e nei prossimi giorni verranno interrogati dal G.I.P. che ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare.

FOTOGALLERY

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

da Stato Quotidiano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

Vieste/ Allerta per rischio idrogeologico, idraulico e per eventi meteo

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

II Settore – Lavori Pubblici – Manutenzione del Patrimonio – Protezione Civile – Arredo Urbano – Viabilità – Pubblica Illuminazione – Urbanistica – Pianificazione Generale e di dettaglio – Edilizia Pubblica e Privata – Sicurezza sul Lavoro – Cimitero -

Prot.N. 17811

OGGETTO:Allerta per rischio idrogeologico, idraulico e per eventi meteo avversi nel Comune di Vieste.
Si invita a diramare la presente nota informativa alla cittadinanza.
Dai comunicati del Centro Funzionale Decentrato del Servizio Protezione Civile regionale si informa che sono in atto condizioni di allerta meteo con – criticità moderata per rischio idrogeologico , con assunzione del livello di allerta nella fase di Attenzione – per eventi meteo avversi a partire dalle ore 8.00 del 02/10/2014 e per le successive 12 ore , e dalle previsioni meteorologiche assunte sul sito internet www.ilmeteo.it tali condizioni potranno ulteriormente permanere.
Si prevedono Precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati moderati . Fenomeni accompagnati da frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.
I fenomeni potrebbero causare allagamenti urbani ed extraurbani, principalmente in corrispondenza di aree depresse e nella zone a rischio allagamento del PAI.
Zone urbane (zona Pantanello , zona Scialara, L.mare Europa con aree adiacenti,zona compresa fra via R.Bonghi-via Tantimonaco-Via Pizzomunno-via S.Pellico ) con difficoltà di smaltimento delle acque nelle reti di drenaggio urbano .
Zone extraurbane(zona Pilone del Prete-Masuliane- Macchia di Mauro- Gioia-Focareta, Spacco-S.Luca-Lavavola-Calma-Le Mezzane-PaludeMolinella, S.Lucia-Scialmarino-S.Maria-MontincelloPiano Piccolo, Sfinalicchio, Risega-Macchia Pastinella, Campi)con difficoltà di smaltimento delle acque nel reticolo idrografico dei bacini minori e, dilavamenti e/o smottamenti sui versanti e sulle strade rurali.
Inoltre si potrebbero attivare fenomeni di dissesto idrogeologico in corrispondenza dei canali di deflusso pluviale e delle coste sul mare.
Il Servizio Protezione Civile comunale consiglia
· non sostare in locali seminterrati;
· non circolare su strade comunali esterne all’abitato che attraversano canali , ponti , tombini e/o zone a rischio allagamento e dissesto idrogeologico;
· prestare attenzione nell’ attraversamento di sottovia e sottopassi;
· prestare maggiore attenzione alla guida di autoveicoli e moderare la velocità, al fine di evitare sbandamenti;
· evitare le zone esposte a forte vento per il possibile distacco di oggetti sospesi e mobili (impalcature, segnaletica, ecc.) e di caduta di oggetti anche di piccole dimensioni e relativamente leggeri (vasi, tegole…);
· non sostare lungo viali alberati per possibile rottura di rami;
· non effettuare percorsi e non sostare sul ciglio e al piede dei versanti ,scarpate stradali, falesie rocciose ;
· prestare attenzione lungo le zone costiere, e, in presenza di mareggiate, evitare la sosta su moli e pontili;
· in caso di fulminazione, evitare di sostare in vicinanza di zone d’acqua (spiaggia, piscine esterne, etc..) e non portare con sé oggetti metallici (ombrelloni, canne da pesca e simili).
Il Comando VV.UU., unitamente all’Associazione di volontariato di Protezione Civile “PEGASO” , sono invitati alla vigilanza sulle aree a rischio , già indicate sul Piano Comunale di Protezione Civile.

Vieste lì 02/10/2014

Il Dirigente
Ing. Antonio Chionchio

• • Commenta questo articolo Nessun commento

Anche professionisti e consulenti beneficeranno del microcredito d’impresa

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Si allarga la platea dei beneficiari degli strumenti di microcredito d’impresa previsti dalla Regione Puglia. Con il terzo avviso per la presentazione delle istanze di finanziamento – sono disponibili complessivamente 42 milioni di euro – presentato oggi a Bari, sono infatti ricompresi anche professionisti e consulenti. Le novità sono state illustrate ai giornalisti dal presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, e dagli assessori allo Sviluppo economico, Loredana Capone, e al Lavoro, Leo Caroli.

Il microcredito d’Impresa è un prestito a tasso zero che la Regione – è stato spiegato – concede alla microimprese pugliesi già esistenti, che non riescono ad ottenere un finanziamento dal sistema bancario. Il prestito, concesso in circa 60 giorni e senza bisogno di garanzie finanziarie, è diretto alla realizzazione di nuovi investimenti.

L’impresa che ottiene un finanziamento accede ad un mutuo per un importo che va dai 5 mila a 25 mila euro, con tasso di interesse fisso pari al 70% del tasso di riferimento Ue (nel 2014 il tasso è stato 0,37%). Il fondo finanzia le microimprese già costituite che hanno sede operativa in Puglia che abbiano emesso la prima fattura almeno 6 mesi prima della domanda preliminare, che abbiano meno di 10 addetti e che non operino nei seguenti settori: pesca, agricoltura e zootecnia, attività finanziarie, assicurative ed immobiliari, noleggio e leasing, lotterie e scommesse, organizzazioni associative e del commercio. Tutte le altre microimprese operanti in altri settori possono invece richiedere il prestito collegandosi al sito sistema.puglia.it/microcredito e compilando on line la domanda.

La misura è già attiva e non ci sono termini di scadenza per la presentazione delle domande: i finanziamenti sono assegnati fino a esaurimento delle risorse complessivamente disponibili, pari a 42 milioni di euro. «Ad oggi sono state presentate – ha spiegato Caroli – 838 richieste di prestito per un totale di quasi 19 milioni di euro ed un finanziamento medio per domanda di 22 mila euro». «Con questo nuovo avviso – ha aggiunto Capone -non solo allarghiamo la platea ai professionisti, alle partite iva in difficoltà ma continuiamo ad intervenire dove c’è esclusione per eliminarla». «Noi non partecipiamo al coro della politica che – ha concluso Vendola – sulle strozzature del sistema creditizio denuncia l’impotenza quando dovrebbe denunciare la sua cattiva volontà. Noi interveniamo con azioni di microcredito».

da Ondaradio

• • Commenta questo articolo Nessun commento

Fondi per la pista, Bruxelles volta le spalle al Gino Lisa

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Voci sempre più insistenti accreditano la riduzione del 25%, della quota di “aiuti di stato”. «Sicuro» il taglio del finanziamenti ma i lavori si faranno lo stesso. Ieri nuova riunione dei comitati: la valutazione ambientale pronta «entro fine novembre».

I 14 milioni di euro di fondi comunitari per il prolunga­mento della pista del Gino Lisa potrebbero essere decurtati del 25%. E’ ancora una voce, ma corredata di molti particolari: la quota tagliata è riferita agli aiuti di Stato che impedirebbero un regime di libera con­correnza.

Nessun rischio tuttavia per i lavori, l’impresa Pinto di Lucera si è aggiudicata 1’appalto di Aeroporti di Puglia per un importo ben al di sotto della somma stanziata, pari a circa 4 milioni. Ieri i comitati in difesa dello scalo sono tor­nati a riunirsi: la Via (valu­tazione ambientale) potrebbe essere rilasciata «tra metà e fine novembre».

da Ondaradio

• • Commenta questo articolo Nessun commento

VIESTE – Gara di pesca al tonno rosso al via la trentesima edizione del campionato italiano

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Oggi la presentazione, a Vieste, degli equipaggi.

Tutto pronto, a Vieste, per la trentesima edizione del campionato italiano di Drifting (pesca d’altura), promosso dalla Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee (Fipsas) e organizzato dalla società Gargano Tuna Fishing di Vieste. Oggi, alle 11, la presentazione della kermesse, patrocinata da parco del Gargano e Comune di Vieste, al Resort Gattarella.

Domani e sabato la gara, con raduno dei concorrenti presso il molo sud del porto di Vieste. Prevista la partecipazione di quaranta equipaggi tra i più competitivi nel «Big Game», ossia la pesca d’altura al tonno rosso, che prevede la regola del «catch and release» (il rilascio ob­bligatorio del pesce dopò la cattura).

Già da diverso tempo, la Fipsas promuove campionati «catch and release», in linea con i principi dì salvaguardia: delle specie ittiche in tutti i mari del mondo.

da Ondaradio

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Maltrattamenti in famiglia, arrestato 44enne di San Paolo di Civitate

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Non aveva mai denunciato il marito per timore che la conseguente separazione potesse influire negativamente sulle due figlie di tre e nove anni. E così una donna di San Paolo di Civitate aveva subito in silenzio le frequenti violenze del coniuge, un 44enne del posto che infieriva su di lei anche in presenza delle bambine.

La drammatica quotidianità della donna, tra insulti e percosse, è andata così avanti fino a che l’escalation della violenza non è culminata in un’aggressione che poteva esserle fatale: l’uomo non ha infatti esitato a colpirla al volto con un suppellettile di vetro, facendola cadere.

L’episodio le ha dato la forza per denunciare i maltrattamenti a cui era sottoposta ogni giorno. I carabinieri della locale stazione hanno ricostruito la vicenda avvalendosi anche delle testimonianze dei vicini che hanno confermato lo scenario emerso dalla denuncia. L’uomo è stato rintracciato dai militari in un bar del centro. Per lui sono scattati gli arresti domiciliari con l’accusa di maltrattamenti.

da Teleradioerre

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Pio e Amedeo, al via l’asta di oggetti dei VIP per #unamanoperilgargano

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Hanno partecipato in 41 tra artisti e calciatori

E’ partita l’asta degli oggetti dei VIP lanciata da Pio&Amedeo per aiutare il Gargano. Tra gli altri hanno partecipato Francesco Totti, Eros Ramazzotti, Belen Rodriguez, Rocco Siffredi, Emma Marrone, Andrea Ranocchia, Checco Zalone e tanti artisti e calciatori tra cui il capitano del Foggia Cristian Agnelli.

COME AIUTARE. L’asta di concluderà il 14 ottobre e servirà a raccogliere fondi per i lavori per sistemare la scuola San Domenico Savio di San Marco in Lamis danneggiata dall’alluvione. Per partecipare basta cliccare su questo link

da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Operazione ‘Prova a Prendermi': smantellata rete di spaccio tra Campania e Alto Tavoliere

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Sequestrati 420 grammi di cocaina

Smantellata un’intera rete di spaccio di droga tra la Campania e l’Alto Tavoliere grazie all’operazione ‘Prova a Prendermi’ condotta dai Carabinieri di Nocera Inferiore.

GLI ARRESTI. Sono in tutto sette le persone arrestate dai militari tra San Marzano sul Sarno, Boscoreale, Chieuti e Torremaggiore. I provvedimenti erano partiti da un’inchiesta nata nel 2013 sulle tracce di un giro di spaccio di droga con base l’agro nocerino-sarnese e con ramificazione fino all’Alto Tavoliere.

I SEQUESTRI. Nel corso dell’attività sono stati sequestrati 420 grammi di cocaina con l’esecuzione di quattro arresti in flagranza di reato. Gli indagati sono tutti campani ad eccezione di Antonio Cistone, 33 anni di Torremaggioe, e Alessio Di Pietro, 39 anni di Chieuti. I due ricevevano dalla Campania grossi quantitativi di cocaina da immettere sul mercato locale, entrambi sono attualmente agli arresti domiciliari.

Tiziana Cuttano da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

SAN SEVERO – A San Severo si assume: full time per 14 agenti della Municipale e sei nuovi tecnici

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Il programma del fabbisogno di personale per il triennio 2014-2016 prevede inoltre l’assunzione di un nuovo dirigente comunale. Soddisfatti Miglio e l’assessore al Personale, Simona Venditti

Il sindaco e l’assessore al Personale, Simona Venditti, hanno annunciato che la Giunta comunale ha approvato il programma del fabbisogno di personale per il triennio 2014-2016 prevedendo la trasformazione del rapporto di lavoro da part time a tempo pieno (dal 75% al 100%) di 14 agenti di polizia locale. Il programma del fabbisogno di personale per il triennio 2014-2016 prevede inoltre l’assunzione di un nuovo dirigente comunale.

Secondo il primo cittadino le ulteriori ore a disposizione degli agenti di polizia locale consentiranno al Comando di coordinare meglio azioni di prevenzione, educazione e contrasto dei fenomeni relativi all’ordine e la sicurezza pubblica: “L’assunzione a full time del personale di polizia locale ci consentirà di avere un maggiore organico a disposizione per il controllo del territorio. È un obiettivo che ci siamo preposti sin da inizio mandato e che siamo oggi riusciti a raggiungere dopo un attento studio del bilancio comunale.

Nel nostro mandato amministrativo intendiamo valorizzare il corpo della polizia locale e destinare il personale ad un maggiore presidio del territorio in collaborazione con le forze dell’ordine, che vivono anche esse situazioni di organico ridotto da anni”.

Soddisfatto per il risultato raggiunto anche l’assessore al Personale che ha annunciato che nel prossimo triennio è in programma anche l’assunzione di sei tecnici per le attività amministrativo contabili: “Stiamo lavorando da mesi per consentire nuovo slancio alla macchina burocratica e amministrativa.

Per troppo tempo il personale degli uffici e dei servizi comunali è stato costretto a lavorare sotto organico. Riuscire ad ottenere il full time per 14 agenti della polizia locale ci consentirà di rispondere alle prime esigenze del territorio in materia di controllo e ordine pubblico, ma allo studio dell’amministrazione ci sono anche politiche di potenziamento della macchina amministrative al fine di velocizzare i servizi all’utenza e accelerare e snellire le pratiche burocratiche”.

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Giovane imprenditore foggiano rovinato da una banca: una vicenda lunga 15 anni

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

L’avv. Vincenzo Rocco a FoggiaToday racconta la vicenda del suo assistito, che avrebbe diritto ad ottenere sul suo conto un riaccredito di 300mila euro. Ma la Banca Popolare di Puglia e Basilicata si rifiuterebbe

L’avv. Vincenzo Rocco

Non c’è pace per un imprenditore foggiano protagonista di una vicenda giudiziaria che da quindici lunghi anni lo vede contrapposto alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata, che ha prodotto – così come riferito dal suo legale, l’avv. Vincenzo Rocco – “danni alla sua vita privata ed imprenditoriale, che perdurano anche dopo due gradi di giudizio vittoriosi”.

Questi i fatti raccontati dall’avv. Rocco: “Nel lontano 2001 un cittadino foggiano, giovane, imprenditore, vide notificarsi un decreto ingiuntivo da parte della locale filiale della Banca Popolare di Puglia e Basilicata, con il quale gli veniva ingiunto di pagare una considerevole somma (€ 58.000,00 nel 2001). Il mio assistito fu costretto (tramite altro Studio legale) a proporre opposizione contro il detto decreto ingiuntivo innanzi al Tribunale civile di Foggia.

Questo giudizio venne definito con sentenza del 15.04.2008, che accolse tutti i motivi di opposizione e revocò il decreto ingiuntivo. Nell’ambito dell’istruttoria espletata nel summenzionato giudizio di primo grado emerse che la Banca Popolare di Puglia e Basilicata è debitrice (e non creditrice) della maggior somma di € 300.000,00.

La Banca Popolare di Puglia e Basilicata propose appello avverso detta sentenza innanzi alla Corte di Appello di Bari. Con sentenza del 20.06.2014 anche la Corte di Appello diede ragione all’utente bancario (seguito da altro Studio Legale), confermando la sentenza di primo grado che aveva revocato il decreto ingiuntivo. Due sentenze sanciscono, pertanto, il diritto del mio cliente ad ottenere il riaccredito sul suo conto corrente di una rilevante somma (€ 300.000,00).

Nonostante due decisioni giudiziali a tutt’oggi, dopo quasi quindici anni di vicende giudiziarie, la Banca Popolare di Puglia e Basilicata non intende provvedere alla restituzione delle somme dovute, tanto che il mio assistito è stato costretto (tramite questo Studio legale) a richiedere sia un decreto ingiuntivo al Tribunale di Foggia, che a proporre un nuovo giudizio civile ordinario per ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e morali.

La Banca Popolare di Puglia e Basilicata non si è presentata all’incontro fissato per il 22.09.2014 innanzi all’Organismo di mediazione per l’espletamento della procedura obbligatoria di mediazione (condizione di procedibilità del nuovo giudizio civile intrapreso) e questa condotta ingenera nel mio assistito il timore che la condotta della Banca sia improntata a far decorrere ancora numerosi lunghi anni di causa.

Questo giovane cittadino foggiano, in conseguenza della condotta della Banca, non ha potuto svolgere alcuna attività imprenditoriale, non avendo avuto la possibilità di accedere a nessuna forma di finanziamento presso istituti di credito. E’ stato negativamente segnalato nelle centrali di informazioni creditizie, nonostante egli non è debitore di nessuno, ma è – invece – creditore di una Banca.

La sua intera esistenza ha patito forti pregiudizi e, in un’epoca in cui i rapporti tra utenza bancaria e istituti di credito è caratterizzata da forti ostilità e da numerose difficoltà, questa vicenda rappresenta un caso purtroppo emblematico della avversarialità dell’autoreferenziale mondo del credito rispetto ai cittadini, alle famiglie, agli imprenditori.

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Nasce Instagramers Foggia, la community locale degli appassionati di Instagram

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Instagramers Foggia sarà lo strumento che permetterà alla nostra provincia di mettere in mostra il suo lato migliore, le sue bellezze, le sue ricchezze

Logo Instagramers Foggia

È ufficiale anche Foggia ha la sua community di Instagramers. È attiva da pochissimo ma già conta un numero invidiabile di seguaci. Che cosa è #Igersfoggia e a che cosa serve? Instagramers Foggia è la community locale degli appassionati di Instagram, applicazione per iPhone, Android e ora Windows Phone che vanta oltre 150 milioni di utenti nel mondo. Instagram Foggia fa parte della community nazionale di Instagramers Italia nata il 17 marzo 2013 e finalizzata alla conoscenza e diffusione di instagram e della mobile photography attraverso eventi e challenge.

Instagram è uno strumento di comunicazione molto potente, diffuso e completo. Tramite un’immagine, un video e la relativa descrizione possiamo mostrare al mondo intero chi siamo, cosa facciamo, come viviamo e perché no, cosa abbiamo da offrire; Instagram può offrire dunque l’opportunità di costruire la propria immagine e parlare a tutti di ciò che amiamo e dei posti che viviamo.

Nel 2012 Instagram ha avuto il boom e il successo che già dal 2011 si era solo cominciato ad intuire. Da allora sono nate e cresciute su questo social sempre più iniziative, creative e coinvolgenti che hanno sfruttato al massimo, ognuna in modo diverso, le potenzialità comunicative ed emozionali della piattaforma che tanto ci piace soprattutto ai giovani.

Tutto parte dall’importanza ormai centrale che l’immagine e la fotografia hanno oggi nei social media, Il turismo è stato il primo settore che ha intuito le potenzialità di community e fotografia e le ha sfruttate coinvolgendo gli igers (coloro che usano Instagram). Tra i primi grandi progetti c’è il Catalunya Experience, che nel Giugno 2012, fu la prima regione al mondo, ad invitare 11 instagramers da tutto il mondo per promuovere la propria realtà attraverso la fotografia mobile e il tag che è divenuto di uso quotidiano e ha creato una mostra fotografica nel Palazzo del Governo. Cercando lo stream fotografico #catalunyaexperience è possibile vedere che oggi racchiude le foto di tutti i visitatori della regione e che si sfiorano i 19.000 scatti.

Ancora nel Settembre 2012, l’università di Tel Aviv, ha ricalcato l’idea, invitando 8 instagramers molto seguiti a fotografare le bellezze israeliane. Un progetto che avuto un grandissimo successo e che è possibile visionare nello stream fotografico #israelhd. Di recente realizzazione ci sono le campagne promozionali della Regione Puglia che attraverso le agenzie di Viaggiare in Puglia e PugliaEvents hanno realizzato due diversi progetti che usavano Instagram come strumento principale di diffusione e comunicazione turistica. In #Tellmeaboutpuglia in cui sei noti Igers Turchi hanno visitato in lungo e in largo la nostra regione raccontandone usi, costumi e tradizioni.

Mentre in #Mypugliaexperience quest’anno alla seconda edizione, attraverso un casting on line, sono stati selezionati 21 Igers Internazionali che hanno raccontato la puglia sotto i vari aspetti che la compongono Natura, Musica e Cultura. Oltre a turismo, l’arte è un altro campo che si interseca con la fotografia, poiché la fotografia è una forma d’arte. Ecco perché negli eventi Instagramers, si cerca di coinvolgere sempre istituzioni e centri d’arte o musei.

Tra le operazione nazionali meglio riuscite c’è quella deI Centro d’Arte Contemporanea di Firenze a Palazzo Strozzi che ha ospitato la community di Instagramers Italia per presentare e fotografare la mostra del grande eclettico Francis Bacon. Sono state scattate foto in un museo ed è questo il bello, ognuno ha potuto condividere con la rete la sua esperienza in mostra, coi suoi occhi e la sua visione.

Anche le istituzioni inizino a comprendere che ruolo fondamentale hanno gli utenti in rete e quello che riescono a condividere su web, come parlano e raccontano di un luogo, un museo, un evento, una città. Molte sono le istituzioni e gli enti governativi che hanno deciso di seguire e supportare attività con la community italiana e con le vari community locali, organizzando incontri, instameet, eventi e challenges con gli utenti e con i local managers delle singole realtà, proprio per raccontare il territorio attraverso occhi sempre nuovi e diversi, con modalità digitali e sociali.

Il coinvolgimento personale negli scatti di instagram è un ricordo che rimane e viene diffuso spontaneamente e viralmente in rete e nella vita quotidiana, da chi lo ha vissuto. La nostra nuova community è prontissima a supportare e raccontare le esperienze e i progetti più belli sia livello nazionale che locale.

Instagramers Foggia sarà lo strumento che permetterà alla nostra provincia di mettere in mostra il suo lato migliore, le sue bellezze, le sue ricchezze, e saranno i foggiani stessi a raccontare il loro territorio, attraverso le foto che quotidianamente scattano e pubblicano su Instagram e che raggruppano sotto il tag #igersfoggia (ci sono già oltre 3000 foto). Contatti: Instagram: @igersfoggia. Pagina Facebook: Instagramers Foggia. Twitter: @igersfoggia. Mail: igersfoggia@gmail.com

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – De Pellegrino passa al contrattacco: “Difendo operazione Amiu, ma nel Pd serve guida serena”

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Stuzzicato sull’operazione Amiu, De Pellegrino ribadisce il suo concetto e affonda il colpo contro Rauseo e Piemontese: “Brillanti artefici della sconfitta elettorale”

Piemontese e Rauseo

Nessun pensiero contro l’operazione Amiu, anzi, tutt’altro. Il consigliere comunale Alfonso De Pellegrino si difende dalla accuse e affonda il colpo contro i segretari Mariano Rauseo e Raffaele Piemontese, definiti “brillanti artefici della sconfitta elettorale”

“In relazione alla nota “diffusa con sospetta celerità dai segretari Rauseo e Piemontese”, nella quale mi si attribuiscono pensieri contro l’operazione AMIU, fatta dalla precedente amministrazione di centrosinistra, specifico quanto segue:

Il sottoscritto ha da sempre sostenuto la bontà dell’operazione AMIU con la quale è stata scongiurata l’emergenza rifiuti nella città di Foggia con la conseguente salvaguardia dei livelli occupazionali; questa posizione è stata da me sostenuta in tutte le sedi, compresa quella della massima assise comunale; come ben sa del resto il presidente Grandaliano.

Mi rammarica umanamente, più che sul piano politico, che il comunicato stampa sia stato sottoscritto e diffuso dal duo Rauseo-Piemontese e da alcuni ex amministratori del PD, i quali non hanno avuto neanche la delicatezza di ascoltarmi sul tema.

La scomposta reazione dei segretari inoltre rafforza il mio convincimento sulla necessità impellente di una guida del partito più serena, priva di livori personali, e finalizzata a restituire al partito quella dignità che in tutte le altre parti d’Italia gli viene attribuita.

Rauseo e Piemontese, anche dopo la sconfitta elettorale, di cui sono stati brillanti artefici, invece di cercare di comprendere le ragioni del tracollo di immagine del nostro partito in città e non solo, preferiscono una strumentale caccia alle streghe interna che sicuramente danneggia la battaglia elettorale che noi conduciamo al fianco di Michele Emiliano per vincere le elezioni regionali”.

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – D’Emilio: «La Regione ostacola il Gino Lisa»

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Se l’aeroporto Gino Lisa non decolla, secondo il vicesindaco di Foggia Ciccio D’Emilio è unicamente colpa della Regione Puglia. Lo dice apertamente nel corso della conferenza tenuta sull’aeroporto, organizzata dalle associazioni per il rilancio del Lisa.

da Il Mattino di Foggia & Provincia

• • Commenta questo articolo Nessun commento

MATTINATA – Sale l’attesa per il Gargano Running Week dall’8 al 12 Ottobre

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Dopo il meeting di presentazione dell’evento tenutosi presso la Fiera del Levante, nel padiglione di Puglia Promozione, con una nutrita presenza di rappresentanti istituzionali ed organizzativi dell’evento, sale l’attesa in vista della Gargano Running Week.

Uno degli appuntamenti più attesi dagli amanti del running e del trail che, nei desiderata dei soggetti a vario titolo coinvolti, dovrà ritagliarsi nell’arco di pochi anni una dimensione di assoluto rilievo internazionale.
All’incontro, svoltosi alla presenza tra gli altri del Presidente Nichi Vendola, dell’Assessore al Turismo Silvia Godelli, dell’Assessore allo Sport Guglielmo Minervini, dell’organizzatore della manifestazione Davide Orlandi, hanno partecipato il Sindaco di Mattinata Michele Prencipe ed il vice – Sindaco ed Assessore all’Ambiente Angelo Perna, alle prese in questi giorni con un intenso lavoro di preparazione di questo imperdibile appuntamento.

 

Un intervento che non ha mera finalità presenzialistica. Un incontro che rinsalda il connubio e le sinergie con gli organismi regionali e che rilancia il tema della sostenibilità e dell’ambiente nel tentativo di addivenire ad una politica turistica comune che sappia premiare e valorizzare le specificità territoriali in maniera realmente efficace seguendo un orizzonte temporale di ampio respiro.
E dunque Mattinata scalda i motori in attesa della 5 giorni (8-12 Ottobre) dedicata al running ed al trail e lo fa sotto la regia dell’Amministrazione Comunale che sta coordinando il lavoro sul territorio, coadiuvata dall’apporto fattivo ed imprescindibile delle associazioni e degli operatori turistici e della ristorazione. Un sistema collaudato che non intende lasciare nulla al caso.

 

A Mattinata sono tutti consapevoli dell’importanza della Gargano Running Week nelle politiche di rilancio dell’immagine di questo piccolo angolo di Paradiso attraverso la promozione su scala mondiale della sua bellezza poliedrica e la valorizzazione dei suoi tratti distintivi.
Il Sindaco Michele Prencipe: “Sono settimane di intenso lavoro quelle che ci lasciamo alle spalle. Un lavoro che dobbiamo portare avanti con rinnovato dinamismo in questi ultimi giorni che ci separano dall’evento.

Voglio, anzi esigo, che Mattinata sappia mostrare il meglio di sé, sia sul piano naturalistico e territoriale sia su quello organizzativo e dell’accoglienza.

Il lavoro di coordinamento e di messa a punto dei singoli aspetti è in sé faticoso perché gli obiettivi che ci siamo dati con gli imprenditori turistici sono ambiziosi. Una fatica che sopporto ben volentieri perché non vedo l’ora di aprire le porte del paese di cui sono innamorato a tutti gli ospiti che dall’ 8 al 12 gremiranno Mattinata”.
Il vice – sindaco Angelo Perna: “Vorrei ribadire l’importanza di questo appuntamento cercando di sottolineare quello che a mio avviso rappresenta l’elemento di maggiore significatività. La Gargano Running Week non è soltanto un evento sportivo. È un’iniziativa che sa combinare la passione crescente verso la pratica del running e del trail con una certa idea di turismo legata alla sostenibilità ambientale. La Gargano Running Week sembra cucita su misura alla caratteristiche geomorfologiche di Mattinata.

I sentieri, gli scorci incontaminati, l’estrema varietà della vegetazione, il passaggio immediato dalle suggestioni dell’entroterra al fascino cristallino del mare fanno di Mattinata un tracciato naturale per questo genere di appuntamento e per gli amanti di questa idea di vacanza. Mattinata è da anni che sta cercando di affermare un proprio brand legato agli aspetti naturalistici ed ambientali. Un’intuizione giusta che va perseguita con maggior forza, con un approccio sistemico.
Il turismo legato alla natura ed al benessere rappresenta una fetta sempre più rilevante del settore. Il mio impegno come Assessore all’Ambiente sarà non solo quello di occuparmi della giusta valorizzazione di questo splendido territorio che ho l’onore di amministrare, ma anche quello di avviare una rivoluzione culturale che coinvolga l’intero paese e che instilli in ciascuno di noi la convinzione profonda che l’Ambiente è la chiave del nostro futuro”.

da Manfredoniatv.it

• • Commenta questo articolo Nessun commento

SAN GIOVANNI ROTONDO – Mensa scolastica: anno nuovo, vecchi problemi

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

Alla Dante servizio sospeso per mancanza di refettorio

Non c’è pace per i piccoli studenti della nostra città. Ieri 1° ottobre nelle scuole materne di San Giovanni Rotondo è partito il servizio mensa. A differenza dello scorso anno non ci sono stati problemi di sorta, nessun cambio di appalto e nemmeno i soliti disguidi organizzativi. Tutto a posto quindi? Macchè!

Riceviamo sul nostro profili Facebook la lamentela di un genitore: “A scuola delle mie figlie, la Dante Alighieri, la mensa non è partita perché uno scrupoloso Dirigente Scolastico (lo stesso degli anni passati) si è accorto improvvisamente che per la consumazione dei pasti serve un refettorio, separato dalle aule, che il Comune si era impegnato a realizzare nel mese di giugno ma che, ahimè, ad oggi è ancora una pia illusione“, scrive sconsolato il signor R.C “Ma è mai possibile che venga negato a centinaia di bambini il diritto al pasto e che centinaia di famiglie siano obbligate a ritirare in anticipo (alle 13 anziché alle 16) i propri figli perché un Dirigente Scolastico si scopre improvvisamente strenuo difensore della legge e un’amministrazione comunale incapace non è in grado di affidare un lavoro in tempo? Ma in che Paese viviamo?“, conclude amareggiato.

Mensa temporaneamente sospesa anche per la scuola dell’infanzia e per la primaria dell’IC ‘Pascoli Forgione’. Lo comunica una nota del dirigente scolastico, la dottoressa Fiore: “La somministrazione del servizio mensa per la Scuola dell’Infanzia “Via Curtatone” e per la Scuola Primaria “F.Forgione”, è temporaneamente sospesa a causa dei lavori in corso“.

da sangiovannirotondonet

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Andamento mutui, Italia a due velocità

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

A Foggia scende il prezzo delle case. Dopo l’alluvione chiesta la sospensione del pagamento delle rate

I.P. Un’Italia a due velocità è quella che si presenta al vaglio dell’analisi dell’Abi (e di Bankitalia), sull’andamento dei mutui, con il Meridione che fa fatica a tornare verso un trend positivo, mentre il Nord del Paese (soprattutto il Nord-Est) sembra aver innescato il ‘turbo’ con un trend fortemente positivo.

La situazione però non è omogenea neppure nel Mezzogiorno, come dimostrano i dati sui mutui erogati in Sicilia che manca per un soffio il podio, mentre la Puglia segue il trend negativo del Sud della Penisola. Tra le regioni italiane caratterizzate da ‘un passo più lento’ ci sono le Marche, mentre a livello di Macroarea il Nord-Ovest ha raggiunto un andamento positivo ma di poco più di 3%.

L’ANDAMENTO A FOGGIA. La situazione a Foggia e provincia non sembra dover cambiare nel prossimo futuro, anche a causa dei gravi danni causati in numerosi comuni dall’alluvione, e da un mercato immobiliare che non riesce a cambiare direzione, anche a causa del peso della tassazione sul mattone.

Nel mese di Agosto, in particolare, nella provincia di Foggia è stato registrato un nuovo calo del prezzo medio per metro quadrato: 1494 euro contro gli oltre 1500 euro toccati non solo nell’agosto dell’anno prima, ma anche nel mese di maggio di quest’anno. I problemi meteorologici hanno purtroppo contribuito in modo negativo smorzando l’accenno di ripresa che si era affacciato.

SOSPENSIONE MUTUI. Intanto, per quanto riguarda la situazione post alluvione, arrivano numerose richieste di una sospensione del pagamento delle rate dei mutui e dei prestiti, così come è avvenuto nelle altre regioni colpite da cataclismi negli anni passati, e dove furono comunque numerose le banche che aderirono alla proposta di sospensione (alcune in modo autonomo come nel caso dei mutui Unicredit). A riguardo, per evitare ulteriori ritardi, il consigliere regionale Anna Nuzziello, non solo chiede la sospensione del pagamento delle rate, ma anche quella “dell’obbligo di corresponsione degli adempimenti tributari“.

da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Ancora fiamme in via D’Addedda: incendiata un’auto

Pubblicato giovedì, 2 ottobre 2014

La zona “perseguitata” da oltre un anno

Intorno alle 22,40 un’auto è stata data alle fiamme in via D’Addedda: una Smart ha preso fuoco ed è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco per domare prontamente l’incendio.

Non è la prima volta che quella zona diventa protagonista: la stessa via era stata location di un incendio a metà maggio (GUARDA: Foggia, un’altra auto incendiata nella notte), mentre l’estate scorsa fu colpita l’auto dell’allora consigliere comunale Piarullo (GUARDA: Prima le fiamme, poi un botto: le immagini dell’incendio). Più recenti gli episodi ai danni del direttore generale del Foggia, Sario Masi e a un ufficiale di polizia municipale.

da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Invia rivista a un medico, poi pretende 4mila euro: denunciato foggiano

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Il truffatore era stata denunciato in passato per reati analoghi. Almeno 16 i casi accertati in tutta Italia. La vittima è un medico di Urbino

Aveva dapprima inviato la rivista ‘Finanza Unita’ in uno studio medico di Urbino, poi aveva contattato telefonicamente il dottore intimandogli di versare 4mila euro per il mancato pagamento di una pubblicazione. Viste le resistenze e le obiezioni della vittima, il 45enne di Foggia, aveva concesso uno sconto di 2200 euro qualora il pagamento fosse avvenuto tramite bonifico bancario.

Il modus operandi dell’interlocutore-truffatore hanno insospettito il medico, che si è rivolto alla polizia. Gli agenti del commissariato della città marchigiana hanno scoperto l’autore, denunciato in passato per analoghi reati, accertando almeno altri sedici casi in Italia

 

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Eternit in Strada Vicinale dei Preti, al tratturo Comparto Biccari

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In zona nuova comparto Biccari segnalo la presenza di eternit nei pressi del tratturo che è proseguimento del percorso Salute. La strada è spesso frequentata da ragazzi, bambini e sportivi oltre che da incivili.

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

Parco avventura a Faeto: indetta procedura negoziata

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

E’ di questi giorni la notizia, pubblicata direttamente sul sito del Comune di Faeto, circa l’indizione di una procedura negoziata senza pubblicazione di bando per l’affidamento della gestione del parco avventura e percorso vita all’interno del bosco Difesa. Un caso interessante di strutturazione di servizio ricreativo che si è affermato recentemente in Italia è proprio quello dei Parchi Avventura, un’esperienza nata a partire dal 2001 sul modello francese. Si tratta generalmente di percorsi aerei sospesi tra gli alberi di una foresta, costruiti mediante piattaforme in legno e passaggi acrobatici tra una pianta e l’altra.

Negli ultimi cinque anni sono sorte in Italia circa 70 di queste strutture, localizzate soprattutto nell’arco Alpino, anche se non mancano esempi sui nostri Monti Dauni, in provincia di Foggia: i parchi avventura di Biccari, Pietramontecorvino, e Faeto. Realizzato con i fondi del Programma Sviluppo Rurale (P.S.R.) F.E.A.S.R. 2007-2013 Reg. (Ce) 1698/05 Asse II – Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi – foreste il Parco di Faeto è in fase di affidamento, mentre quelli di Biccari e di Pietramontecorvino sono già in funzione.

La proprietà e la gestione dei Parchi Avventura, riferiscono gli addetti ai lavori, sono nella maggior parte dei casi private, anche se spesso localizzate su aree forestali di proprietà pubblica, cedute al gestore del Parco tramite contratti di concessione. Nel caso di Faeto, si è cercata una soluzione, “snella e appetibile” per le imprese interessate: l’affidamento del servizio di gestione del Parco Avventura e Percorso Vita all’interno del Bosco Difesa, infatti, avverrà mediante procedura negoziata senza pubblicazione di bando di gara.

“La gestione del parco avventura e del percorso vita nell’area del Bosco Difesa di Faeto, – dichiara il Sindaco Melillo- rappresenta una reale condizione di incremento per il flusso turistico annuo. Il Parco Avventura, infatti, costituisce una buona opportunità di reddito, anche indotta per strutture alberghiere e agrituristiche, ristoranti e trattorie del posto”. Oggetto dell’affidamento è anche il percorso vita: un itinerario che si snoda all’interno del Bosco di Faeto, suddiviso in stazioni munite di attrezzi in legno per lo svolgimento di semplici esercizi ginnici. Il percorso, lungo circa 400 m, insieme al parco, distano circa 1,5 km dal centro urbano di Faeto.

All’interno dell’area sono presenti anche panche e tavoli in legno per pic-nic e impianto di illuminazione. “Il nostro parco avventura è classificato tra i parchi di grande dimensione” – fa sapere il sindaco Melillo- . Dispone di due aree: una destinata ai più piccoli utenti di statura compresa tra i 105 cm ed i 130 cm; e un’area destinata agli utenti con statura superiore ai 130 cm con percorsi per principianti e 140 cm per i percorsi di media difficoltà e ulteriori percorsi di medio-alta difficoltà con diverse attrazioni emozionanti”.

L’affidamento del “Parco Avventura – Percorso Vita” e delle annesse aree verdi di pertinenza, sarà ceduto per un periodo di “start -up” pari ad anni quattro, l’importo complessivo dell’affidamento in gestione a base d’appalto è di € 16 .800,00 per i quattro anni di gestione previsti. “E’ doveroso precisare che l’importo stabilito a base d’asta di 16.800,00 € per tutta la durata della gestione – suggerisce accuratamente il primo cittadino – non deve essere corrisposto al Comune in danaro sonante, ma detto canone sarà compensato totalmente in lavori”.

Nell’avviso si precisa esattamente che verranno invitati a presentare offerte cinque operatori, scelti tra quelli che avranno inoltrato richiesta a questo Ente. Nel caso in cui il numero delle manifestazioni di interesse pervenute fosse superiore a cinque, si procederà mediante sorteggio pubblico. I partecipanti devono essere in possesso, a pena di esclusione, dei requisiti in ordine generale e di idoneità professionale, tecnico organizzativo e requisiti di capacità economico – finanziaria. La richiesta di invito dovrà pervenire, pena l’esclusione dalla gara, entro il termine perentorio delle ore 12,00 del 13 .10.2014 , mentre il sorteggio pubblico avrà luogo il giorno 14 ottobre alle ore 09,00 presso il Comune di Faeto (FG).l

L’avviso, in forma integrale o in estratto, – precisano dal Comune – è pubblicato sull’Albo Pretorio del. Comune di Faeto (Fg), sui siti web del Comune di Faeto (FG ), dell’Osservatorio Regionale e del Ministero Infrastrutture LL .PP. Pertanto, chiunque fosse interessato può consultare direttamente i siti web; potranno essere richiesti chiarimenti anche a mezzo telefono (0881 973290).

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Lettori | “Foggia l’enigma raddoppia: puzza la mattina, bruciato la sera”

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Dopo l’appuntamento fisso con la puzza mattutina, Foggia fa i conti, la sera, con uno strano odore di bruciato. Non siamo in estate, quindi non è addebitabile tale “strano” fenomeno alla bruciatura delle stoppie, nè ad altro intervento di tipo agricolo. Che la fonte della puzza e dell’odore di bruciato sia la stessa?

Anche la città di Maglie sta affrontando in questi giorni identico problema e le principali istituzioni locali si sono attivate per appurare la responsabilità dell’insolito ed allarmante evento, visto che provoca bruciori alla gola (vedi servizio TG3 Puglia edizione 19,30 dell’1.10.2014) e la popolazione è costretta a barricarsi in casa. Foggia attende ancora risposte e soluzioni definitive! Mentre il medico studia, l’ammalato muore.

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Teatro, anteprima stagionale con l’attore Nicola Rignanese e il suo “Morir dal ridere”

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Il 3, 4 e 5 ottobre: omaggio a Ettore Petrolini

Un eretico della scena, una grande maschera della comicità italiana, un antagonista della “musoneria” teatrale degli anni ’20 e ’30. Semplicemente, Ettore Petrolini: a questa figura straordinaria della scena romana prima, e italiana poi, dell’intero teatro del Novecento è dedicato lo spettacolo di e con Nicola Rignanese, attore foggiano noto al grande pubblico per la sua attività cinematografica al fianco di Antonio Albanese. Nei giorni 3, 4 e 5 ottobre, lo spettacolo dal titolo “Morir dal ridere” va in scena al Teatro dei Limoni di via Giardino, come anteprima della partente stagione numero otto di Giallocoraggioso.

MONOLOGHI E CANZONI DEL GRANDE ATTORE ROMANO. “Non un’imitazione di Petrolini ma un ripercorrere una comicità corrosiva dello spirito e del senso comune dominante”: ridere e riflettere, con leggerezza, alla maniera del grande comico romano, riproponendoi monologhi, le canzoni, le improvvisazioni, le musiche ed evocando così un mondo, o più mondi, per rendere il giusto omaggio all’attore e autore scomparso all’età di 52 anni.

In questo clima di comicità leggera ma graffiante emerge il talento di Nicola Rignanese che – partendo dallo sguardo deformante di Petrolini – misura le proprie suggestioni e la propria visione del teatro attraverso citazioni e slittamenti petroliniani accostati ai suoi personaggi/emblema del nostro tempo.

Importante la gamma di testi scelta per lo spettacolo, con canzoni e brani di Ettore Petrolini, Carmelo Bene/Tristan Corbiére, Giorgio Gaber, Antonio Albanese, Michele Serra, Stormy Six, Piero Guerrera, Nicola Rignanese e Gianfranco Pedullà (questi ultimi registi dello spettacolo). Musiche originali di Massimo Ferri, scene a cura di Filippo Marranci (Info: 324.9948645 – 347.3414561; info@teatrodeilimoni.it).

C’E’ ANCHE IL “TEATRO A’LA CARTE”. Ma la stagione dei Limoni ha un’altra piccola, ma curiosissima anteprima, con protagonisti alcuni attori della compagnia foggiana. Giovedì 2 ottobre, a partire dalle 22.00, una chicca d’eccezione arricchirà il già intenso cartellone dell’Oktoberfest proposto dallo Zapoj Risto-pub di Foggia (“Macchia Gialla”, via Grecia 36).

Durante la serata infatti, alcuni attori si confonderanno tra gli avventori del pub e serviranno, insieme ai consueti menu (bavaresi), anche una speciale “carta degli spettacoli”, raccogliendo le preferenze di ciascun astante.

Durante la serata poi (a ingresso gratuito), daranno vita a piccole piéce sceniche, allestite direttamente nel pub, per una vera e propria notte di “teatro a’la carte”, proponendo momenti di teatro brillante tratti dai lavori di artisti disparati e spaziando così da Stefano Benni e Woody Allen, ai comici Lillo & Greg, fino alle sperimentazioni dei giovanissimi The Pills (info prenotazioni: 328.33.62.871 – 349.31.92.928).

da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Quartiere Stazione, blitz dei vigili urbani

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Il primo tentativo di ripristinare l’ordine: “L’attività operativa si ripeterà anche in futuro”

Ieri pomeriggio, a seguito dei numerosi esposti giunti al Comando della Polizia Municipale di Foggia, due pattuglie del nucleo pronto intervento sono intervenute in via Podgora, allargando il proprio raggio d’azione in tutto il quartiere della Stazione.   “

 

 

 

 

 

 

FUGGI FUGGI GENERALE”. D’altronde, anche Foggia Città Aperta aveva segnalato, con tanto di video inviato da una residente della zona (GUARDA), i continui disagi e la mancanza di sicurezza vissuta dai cittadini che abitano nell’immediato circondario della ferrovia di Foggia.

Ad ogni modo, questo primo blitz di ripristino della legalità non sembra aver dato gli effetti sperati (almeno non subito): “Quando i vigili urbani – fanno sapere dalla Polizia Municipale attraverso il sindacato Uil Fpl – sono giunti in via Podgora, nel fuggi fuggi generale hanno riscontrato i segni lasciati da quanto segnalato: bottiglie rotte, liquidi al suolo ed ogni genere di sporcizia”. In pratica, nessuno è stato colto il flagrante ma, questo sì, i vigili sono riusciti a dare un segnale della loro presenza. O, per meglio dire, della presenza delle forze dell’ordine in un’area effettivamente da troppi anni lasciata a se stessa.

MULTE E RIMOZIONI FORZATE. Durante i controlli poi, sono state sanzionate auto in sosta irregolare che rallentavano il traffico e compromettevano la visuale negli incroci: altra buona notizia, considerata l’abitudine malsana di certi automobilisti. “E’ stata anche sequestrata e rimossa un’auto in sosta irregolare risultata essere sprovvista di copertura assicurativa”: si può leggere ancora nel comunicato ufficiale (firmato dal rappresentante sindacale Stefano Berardino). Inoltre, a completare l’opera di pulizia della zona ci ha pensato l’Amiu, i cui operatori sono stati allertati proprio dai vigili urbani.

IL PRIMO BLITZ, MA NON SARA’ L’UNICO. “La zona –  fanno sapere in conclusione della nota – era stata precedentemente monitorata anche attraverso il controllo delle attività commerciali presenti nella zona”. Infine, va precisato, il blitz di ieri è solo il primo di molti che, per volere dell’Amministrazione, torneranno a ripetersi nelle immediate vicinanze anche nei giorni a venire, allo scopo di ripristinare l’ordine e la legalità nel quartiere della Stazione.

da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – La presa in giro è finita: il Gino Lisa non è tra gli aeroporti di interesse nazionale

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Presentato il piano dal ministro Lupi

È finita, ammettiamolo, come previsto: l’aeroporto Gino Lisa non rientra tra gli aeroporti d’interesse nazionale.

FOGGIA SCALO DECLASSATO. L’annuncio ufficiale arriva dal Piano nazionale aeroporti (scaricabile in fondo alla pagina), presentato oggi dal ministro Maurizio Lupi. Sono i 10 bacini di traffico indicati dal Piano nazionale aeroporti e quello Mediterraneo-Adriatico prevede tre scali tutti pugliesi: Bari, Brindisi e Taranto. Niente da fare per Foggia, dunque, che già da tempo sapeva del suo destino.

Alla luce del nuovo piano nazionale degli aeroporti, l’eventuale chiusura di alcuni scali “sara’ deciso dalle societa’ e dagli azionisti”, ha spiegato il ministro Lupi.

LO SCARICABARILE. E ora, tra politici e amministratori locali partirà l’ennesimo processo (postumo) e lo scaricabarile. Un argomento che non appassiona più nessuno, ormai. Resta, però, più di qualcosa da chiarire. E, solo per restare alle ultime puntate di una insopportabile telenovela, va capito cosa è mancato affinché il declassato Gino Lisa venisse recuperato in extremis.

CHI BLUFFA? A fine luglio il governatore regionale Nichi Vendola così scriveva a Lupi: “Caro Ministro, notizie di stampa riferiscono che il Vice Ministro Nencini ha dichiarato che per l’inserimento dell’aeroporto Gino Lisa di Foggia tra gli scali di interesse nazionale, è sufficiente l’istanza della Regione Puglia al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti che sarebbe già pronto a recepirla”. Oltre all’assurdità di una missiva da inviare al ministro per chiedere conferma di indiscrezioni riguardante una riunione a cui la Regione Puglia era (caldamente) invitata a partecipare, c’è da chiarire chi ha bluffato: Lupi (e il suo vice Nencini) intenzionati a “recepire l’istanza” o è la Regione a non aver perorato la causa foggiana?

LE ISTITUZIONI LOCALI.
Discorso a parte meriterebbero istituzioni e imprenditoria locale: lo scempio degli ultimi anni riguardante il Gino Lisa è l’emblema dell’incapacità di una intera classe che dirige le sorti di questa città. Declassata, come giusto che sia.

Scarica Il_Piano_Nazionale_degli_Aeroporti.pdf

da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

ORTA NOVA – scoperto centro di riciclaggio di auto rubate

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Scoperto l’ennesimo capannone dedito al riciclaggio di auto rubate, stavolta nel territorio di Orta Nova. All’interno è stato arrestato in flagranza di reato, dai Carabinieri di Orta Nova, un uomo di 34 anni.

IL CAPANNONE DEL RICICLAGGIO. I militari dopo aver scoperto un capannone abbandonato nell’agro di Orta Nova, hanno colto sul fatto e arrestato l’uomo mentre era intento a smontare alcune parti di un furgone Iveco, sprovvisto di targhe, e di due nuovissime auto, una VW Golf e una Skoda Octavia. L’uomo alla vista dei militari aveva cercato di fuggire ma era stato subito bloccato, altre cinque persone, invece, sono riuscite a fuggire.

IL DISSUASORE ELETTRONICO. Durante la perquisizione del capannone è stata trovata l’attrezzatura per lo smontaggio dei pezzi e, nascosto sotto vecchi stracci all’interno di un cassone in plastica, un dissuasore elettronico, conosciuto come Jammer, utilizzato per inibire nel raggio di alcune centinaia di metri qualsiasi apparecchio telefonico, radio ed apparecchiature di rilevamento satellitare. Il dispositivo era acceso e collegato ad un cavo elettrico proveniente dall’esterno, allacciato abusivamente alla rete elettrica Enel.

Tiziana Cuttano da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – L’alluvione «apre» i cantieri via ai lavori dei due consorzi

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Ci voleva l’alluvione per far sbloccare i cantieri e restituire un po’ di ossigeno all’occupazione. Per il momento si tratta di poca cosa: la Regione ha finanziato interventi di “somma urgenza”, totale 2,8 milioni di euro, per rimettere in sesto canali, muretti a secco, stradine interpoderali e ripulire dalla vegetazione e dai rifiuti tutto quel reticolo di venature naturali e artificiali dell’assetto idrogeologico provinciale lasciate progressivamente intasare per decenni.

Il Consorzio di bonifica della Capitanata è già partito con un appalto di 200mila euro per la sistemazione degli argini del torrente Candelaro, la cui esondazione determinò il più vasto allagamento nei giorni dal 4-6 settembre scorsi. Un altro appalto (100mila euro) è stato bandito per rimettere in funzione l’idrovora, sempre sul Candelaro, sommersa dalla furia delle acque di quei giorni.

Al lavoro anche il consorzio di bonifica del Gargano, accreditato per 1 milione di euro: «La Regione ci chiede di procedere alla disostruzione degli attraversamenti ferroviari e stradali, molti dei quali ancora parzialmente aperti. Lavori già partiti in 11 comuni», spiega il direttore Marco Muciaccia.

Insomma nessun grande appalto a nove zeri, di quelli che fanno gola alle grandi imprese e che alimentano clientele e mazzette. Ma interventi minori, considerati residuali, ma non inutili: se queste manutenzioni venissero effettuate a scadenze più regolari, assicurerebbero non solo più lavoro ma anche maggiori garanzie di stabilità a un territorio che si scopre sempre più fragile a causa dell’incuria dell’uomo. L’esempio che a tal proposito fa Francesco Santoro, direttore del consorzio di Capitanata, calza a pennello: «La bomba d’acqua del 6 settembre non ha allagato un metro di terreno dell’area prospicente a quella del Candelaro, tra la località Asinara fin sotto la stazione di Rignano.

E questo grazie alla sistemazione idraulica effettuata non più di un anno fa». Ora sotto la spinta dell’alluvione si sono sbloccati tutti quegli interventi che un tempo facevano sorridere: è il caso dello spietramento (1,3 milioni) dei canali, decisione appena deliberata dalla giunta regionale che ha autorizzato i due consorzi a prendere contatti con l’Arpa (l’agenzia regionale per l’ambiente) e con i comuni per l’individuazione delle aree dove stoccare le pietre una volta tolte dai canali.

E con il decreto sulla calamità naturale (16 milioni per le infrastrutture, ma deve autorizzarli il governo) potrebbero sbloccarsi decine di altri cantieri, da tempo immemore sulla carta. «L’elenco delle opere in sospeso è lunghissimo – ricorda Urbano Falcone della Filca-Cisl – ora per far riaprire i cantieri, anche sulla spinta dell’alluvione, abbiamo chiesto un incontro con il commissario regionale per il dissesto idrogeologico perché ci rendiamo conto che su questo fronte c’è molto da fare.

Incontreremo anche i sindaci, si parte venerdì da San Severo, sempre con l’obiettivo di far finanziare le opere e risollevare le sorti dell’occupazione, settore che proprio nel settore edile ha toccato il fondo nella nostra provincia. Abbiamo programmato una settantina di incontri con i comuni e gli enti di spesa».

Massimo Levantaci da La Gazzetta del Mezzogiorno

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Il centrosinistra scarica Amiu Puglia, passa il piano con voto contrario della minoranza. Bilancio rimandato

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

“Amiu ci ha salvato da una fase di emergenza ma non ha un piano industriale”.

Inoltre: “Poca attenzione alla periferia nella raccolta, lavaggio cassonetti inesistente”. Il consigliere Luigi Buonarota elenca tutte le carenze dell’azienda dei rifiuti (ex Amiu Bari, oggi Amiu Puglia) e chiede: “Quali sono gli introiti delle 20 aziende convenzionate?”.

E’ un crescendo di bordate dell’opposizione alla “salvatrice” della città di Foggia nel Natale 2012, quando si rischiava l’arrivo dell’esercito. Ma nessuno si aspettava che dai quei banchi, durante l’era del centrosinistra sponsor del trasferimento a Bari, arrivasse il “no” al piano economico e finanziario presentato dalla spa.

Con 18 voti favorevoli, 4 contrari e un astenuto, è passato ieri sera in consiglio comunale il primo punto all’ordine del giorno. Al voto, con numeri identici, anche il piano tariffe.

Rimandata a seduta da stabilirsi la discussione sul bilancio di previsione 2014 e il piano delle alienazioni e valorizzazione immobili. I terreni presi in considerazione dovrebbero essere quelli della cooperativa Fiore, per Masseria Giardino non si sa. L’assessore al bilancio Lombardi rimanda alla tecnostruttura, l’assessore all’ambiente Morese smentisce ipotesi di alienazioni, piuttosto andrebbe “valorizzata previa disponibilità economica”.

L’Amiu in versione barese non piace più al centrosinistra

La discussione su Amiu segna un clamoroso ribaltamento di fronte e di intenti tra l’ex maggioranza e il nuovo governo Landella che maneggia una gestione in gran parte “consumata”, con la specifica caratteristica di chi l’Amiu in versione barese non l’ha mai condivisa.

Infatti, di fronte alle pressanti critiche del centrosinistra – si tratta di consiglieri neoeletti, l’ex assessore all’ambiente Russo si è astenuto dal voto – Landella ha preso la parola un bel po’ infuriato: “Diciamolo, quest’azienda è stata ceduta a Bari (con i mezzi in comodato gratuito per 500 euro al mese) per non trasferire debiti insostenibili nel bilancio comunale, non mistifichiamo la realtà”. Ha poi annunciato che la discarica sarà ampliata e che sulla differenziata “si faranno corsi nella scuole”. “Non ci siamo consegnati a scatola chiusa ad Amiu, continueremo a verificarne la validità progettuale”.

Stralcio del costo discarica, Dicesare: “Operazione spericolata”

Circa la possibilità di alleggerire alcune fasce di esercenti che dal piano sono gravate più del dovuto (commercianti, ristoratori) il consigliere Mainiero ha proposto lo stralcio di alcuni costi di discarica (2milioni e 300mila euro circa).

Il dirigente del settore finanziario Carlo Dicesare ha però respinto l’emendamento – di cui verrà esaminata la compatibilità con l’esercizio 2014 – in modo abbastanza telegrafico: “Mi sembra una forzatura contabile, uno stralcio spericolato che non potrà avere parere positivo dei revisori dei conti”. Amiu non ha preso in carico le discariche dal contratto perché mancava la messa in sicurezza, ha spiegato il dirigente, infatti i lavori di ampliamento li fa il Comune. Il centro di costo resta uno, l’ente guida rimane il Comune, un “chiarimento” fornito anche ad altri consiglieri sullo “stralcio” possibile ed eventuale.

L’ex assessore Russo: “Ora governate voi”

La minoranza continuava ad assestare colpi ad Amiu, la maggioranza precisava: “Noi siamo qui da poco”. E l’ex assessore Russo (Pd), contava precisamente i mesi: “Qualcosa si può cominciare a fare, avviate la differenziata, abbiamo rischiato un brutto Natale nel 2012 ma ce l’abbiamo fatta in quel contesto. Ci sono fondi che giacciono, usateli, ora governate voi e voi dovete risolvere i problemi”. Fondi regionali da 2 milioni di euro sarebbero stati spesi – a giorni potrebbe essere comunicato ufficialmente – per acquistare 9 mezzi adibiti alla differenziata e 20mila cassonetti. Sarebbe un primo passo verso la raccolta per cui Landella ha anche pensato a “un bonus incentivante”. Sulla Tari, Marasco ha proposto “l’esclusione dal computo del nucleo familiare per gli studenti fuori sede che hanno un contratto di locazione altrove”.

Il piano di “Babbo Natale”

Gran parte dell’assise si è svolta in una sorta di rimpallo di responsabilità, solo i nuovi eletti di centrosinistra hanno avuto l’ardire di attaccare a testa bassa. Marcello Sciagura, per esempio si chiedeva: “Ma che ci racconta Amiu, ma chi l’ha fatto questo piano, Babbo Natale? Manca una programmazione regionale, ci dicono che stanno potenziando i mezzi ma non si vede”. Landella non credeva alla sue orecchie per il fatto che, addirittura, si attaccasse la regione dello stesso colore politico di chi parlava. Il consigliere Cataneo sottolineava che San Severo in pochi anni ha raggiunto una differenziata al 65%, Foggia scende dal 15% scende al 6%.

Carte in ritardo: Landella mette in riga i dirigenti

Problema della documentazione che arriva in ritardo per cui i pareri della varie commissioni, tra cui quella ambiente necessaria per l’approvazione del piano Amiu, sono comparse in consiglio seduta stante. Marasco ha sollevato con veemenza la questione dei “ritardi” che hanno fatto poi slittare il consiglio, salvo rimandarne la seduta perché comunque entro il 30 era inserito all’ordine del giorno.

Inoltre chiedeva come mai la documentazione non è a firma del dirigente di area ma del segretario generale Guadagno. L’osservazione ha spinto il sindaco e il consigliere Ursitti a chiarire sugli adempimenti da svolgere in tempo.

“La politica si riappropri dei compiti che ha, noi vogliamo prenderci la responsabilità delle cose che decidiamo”. Il sindaco ha comunicato al consiglio la riunione tenuta con i dirigenti in cui ha avvertito: “I ritardi verranno considerati nella valutazione. Chi governa certe procedure si deve assumere la responsabilità”.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

da L’Immediato.net

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA _ Manfrini tira fuori dal cilindro 28 mln di euro e salva la sanità privata. Così l’Asl di Foggia risponde a Bari “matrigna”

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

La sanità privata foggiana si salva in calcio d’angolo.

L’incontro decisivo tra il direttore generale dell’Asl di Foggia, Attilio Manfrini, e i rappresentanti delle cliniche private accreditate di Capitanata (Don Uva, Villa Igea, San Michele, De Luca e Case di Cura Riunite Villa Serena e Nuova San Francesco), ha portato un risultato notevole. Sul tavolo, la discussione animata sui tetti di spesa per l’anno 2013 rispetto al reale fabbisogno del territorio e alle prestazioni già effettuate dalle case di cura ed ancora in attesa di definizione.

L’apertura dell’ingegnere di Cerignola è stata ampia, a dimostrazione dell’impegno del manager per risolvere un problema sinora soltanto rinviato agli uffici regionale dell’assessore Donato Pentassuglia e ai dirigenti (a cominciare da Vincenzo Pomo).

La soluzione è stata ritenuta “soddisfacente” dagli imprenditori, Telesforo in primis, che ha voluto sottolineare l’”encomiabile impegno di Manfrini nel dirimere una questione diventata non solo spinosa, ma vitale per la tutela della salute e dell’economia del territorio”.

Difatti, i tagli annunciati erano già stati definiti “irragionevoli”, i quali “avrebbero gettato senza dubbio nel caos il sistema, paralizzandolo e allungando a dismisura le liste di attesa per prestazioni che, in alcuni casi, come l’impianto di protesi ortopediche, vengono effettuale prevalentemente nelle strutture private delle Case di Cura Riunite”.

L’impegno di Manfrini, è stato quello di sostenere nei confronti della Regione “matrigna”, numeri alla mano, quanto sia sottostimata la necessità di prestazioni sanitarie della Capitanata, cosa resa evidente dai numeri della mobilità passiva extraregionale che ci vedono in assoluto, con circa 66 milioni di euro all’anno, la provincia che spende di più per pagare prestazioni sanitarie extraregionali, ai cittadini che, non trovando posto nelle strutture pubbliche e private accreditate della provincia di Foggia, sono costrette a rivolgersi in altre regioni.

Alla fine nessun risparmio viene effettuato fornendo nel contempo un terribile disservizio al territorio. Una cifra (quella dei 66 milioni di euro) che va a pagare oltre 2100 stipendi di dipendenti di altre Asl mentre la nostra langue per carenza di personale. Il dg di Piazza della Libertà ha affermato che entro questa settimana stabilirà un “fondo unico aziendale” (la cifra potrebbe essere di circa 28 milioni di euro) per tutte le strutture che terrà conto delle prestazioni già eseguite sulla base dei tetti di spesa degli anni precedenti, e che, entro metà ottobre, provvederà alla designazione dei singoli tetti.

“Una presa di posizione, quella di Manfrini – ha commentato Paolo Telesforo -, che gli rende onore e che è il primo passo verso una rivalutazione delle necessità del territorio e del ruolo fondamentale che hanno le strutture accreditate nel completare il quadro generale di una sanità che funzioni e che, nel contempo, si allontani dagli sprechi del passato”.

da L’mmediato.net

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – girava con targhe rubate, 1 arresto

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

I Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Foggia hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti Badanu Paris Dumitru, rumeno 42enne, resosi responsabile del reato di ricettazione. I Carabinieri intimavano l’alt al conducente di una Fiat Brava di colore blu ma questi si dava alla fuga su Viale Fortore.

Dopo un breve inseguimento i Carabinieri riuscivano a raggiungere e bloccare l’auto in via dei Salpi dove identificavano il conducente nel rumeno citato.

Da ulteriori ed immediati controllo risultava, inoltre, che le targhe installate sull’autovettura erano state rubate lo scorso primo agosto in un deposito di autoveicoli di Foggia. L’uomo è stato tradotto in Carcere.

da Stato Quotidiano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Colto e mangiato, la cultura in tavola

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Si terrà a Tenuta Chianchito il corso di cultura enogastronomica “Colto e mangiato” pensato dai Laboratori Urbani Artefacendo per riscoprire tradizioni e prodotti della cucina del nostro territorio in chiave biologica e stagionale.

La prima edizione del corso si svilupperà in sei appuntamenti sul trimestre ottobre, novembre e dicembre. Ogni incontro sarà articolato in tre moduli didattici: teoria, pratica e degustazione.

Nel modulo teorico, che sarà tenuto dall’agronomo e produttore agricolo Antonio Pazienza, saranno affrontati i temi della riscoperta dei prodotti della nostra terra, la stagionalità degli stessi, ed i rispettivi cicli biologici di semina, coltivazione e raccolta. Nel laboratorio pratico, sotto la supervisione dello chef di Tenuta Chianchito, Massimo Andrea Di Maggio, si passerà alla trasformazione dei prodotti in piatti genuini, che saranno assaporati nella cena-degustazione prevista a chiusura di ogni appuntamento.

Ad arricchire il corso saranno forniti anche elementi di presentazione e decorazione. Non mancheranno le indicazioni sui vini da associare alle portate che saranno preparate e quelle relative ai dessert di fine pasto. Scarica la brochure di “Colto e mangiato” su www.artefacendo.it. Segreteria organizzativa al 339.88.99.598

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Furto in via Tugini, ladri svaligiano boutique d’abbigliamento

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Mancherebbero capi d’abbigliamento dal valore ingente, circa 30mila euro. Sul posto le volanti della polizia, che indagano sull’accaduto

Ai furti di viale della Repubblica e Piazza Giordano, rispettivamente all’Arci e al negozio Play, si aggiunge quello di via Tugini, dove ieri mattina i titolari di una boutique d’abbigliamento hanno trovato il vetro della porta d’ingresso infranto e i locali letteralmente messi a soqquadro.

Mancherebbero capi d’abbigliamento dal valore ingente, circa 30mila euro. Sul posto le volanti della polizia, che indagano sull’ennesimo furto avvenuto in città nel mese di settembre.

 

 

 

 

 

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

MANFREDONIA – Garanzia Giovani: prossimo step al Luc di Manfredonia

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Proseguono gli incontri informativi sul territorio provinciale per presentare gli strumenti e le opportunità previste dalla misura europea ‘Garanzia Giovani’.

Martedi 7 ottobre, con inizio alle ore 15.30, è in programma presso il LUC (Laboratorio Urbano Culturale) di Manfredonia un confronto con le imprese operanti nei comuni dell’ambito del Centro per l’Impiego di Manfredonia, i rappresentanti delle associazioni d’impresa, le organizzazioni sindacali del terzo settore, i consulenti aziendali, le strutture formative, le amministrazioni locali e le istituzioni scolastiche.

All’incontro parteciperanno, il Presidente della Camera di Commercio di Foggia, Fabio Porreca e il Dirigente del Settore Politiche del Lavoro della Provincia di Foggia, Giuseppe Inserra.

da Teleradioerre

• • Commenta questo articolo Nessun commento

CANDELA – Campagna ´Puliamo il mondo´: successo e adesioni a Candela

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Anche quest’anno il Comune di Candela ha partecipato all’iniziativa ‘Puliamo il Mondo’ promossa da Legambiente, con un programma ricco di eventi svoltisi nei giorni di venerdì 26 e sabato 27 settembre.

Obiettivo della più grande campagna di volontariato ambientale, quello di liberare dai rifiuti i parchi, i giardini, le strade, le piazze, i fiumi e le spiagge di tutto lo ‘stivale’.

Al grido di ‘Facciamo l’Italia più bella’ – quest’anno abbinato al tema della riduzione dello spreco alimentare con la campagna ‘Buon Cibo’ – anche il comune dei Monti Dauni guidato dall’Amministrazione Gatta ha fatto sentire la sua voce: “Abbiamo bisogno di iniziative dal grande valore socio-educativo, dobbiamo educare i nostri ragazzi ad un maggior senso civico, renderli consapevoli che tutelare l’ambiente equivale a tutelare se stessi e lo spazio in cui si vive” il commento del primo cittadino Nicola Gatta all’indomani ‘dell’appuntamento con l’ambiente’.

“L’Amministrazione Comunale ha voluto aderire anche quest’anno all’iniziativa di Legambiente – ha aggiunto l’Assessore all’Ambiente Pasquale Capocasale – come positivamente fatto negli anni scorsi, ponendo al centro della giornata di volontariato i bambini delle Istituto Comprensivo G. Paolo II, i quali, con il loro entusiasmo hanno saputo coinvolgere gli adulti nella costruzione di un più attento rapporto tra natura e ambiente”.

da Teleradioerre

• • Commenta questo articolo Nessun commento

MATTINATA – “nuovo sistema tassazione aree edificabili ai fini Imu”

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

NELL’ATTUALE momento di difficoltà legato ad una crisi che non accenna ad allentare la sua morsa sfibrante sull’economia reale, una congiuntura economica recessiva che sta assottigliando progressivamente le capacità finanziarie e di risparmio delle singole famiglie, restituire equità al prelievo tributario rappresenta una priorità, a mio giudizio, irrinunciabile.

Questo principio rappresenta e deve continuare a rappresentare per me e per la mia Amministrazione la stella cometa che orienta le complessive politiche fiscali.
Tra le diverse misure pensate per venire incontro alle difficoltà dei cittadini, vorrei sottolinearne una che a mio giudizio costituisce una vera e propria rivoluzione copernicana, oggetto di approfondimento e successiva approvazione da parte della Giunta Comunale. Mi riferisco all’IMU relativa alle aree edificabili.

Per comprendere a fondo la dimensione della problematica e la portata innovativa dell’intervento occorre fare una premessa.
La legge istitutiva dell’ICI/IMU stabilisce che “un’area è da considerare fabbricabile se utilizzabile a scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale adottato dal Comune, indipendentemente dall’approvazione della Regione e dall’adozione di strumenti attuativi del medesimo”.

In altri termini, una porzione di terreno che in astratto presenta una certa potenzialità edificatoria rientra di diritto nel campo di applicazione del tributo, a prescindere dalle concrete possibilità di costruire.

Possibilità che spesso si affievoliscono all’interno dei meandri di una burocrazia a tratti lenta ed asfissiante, specialmente in un contesto territoriale come il nostro caratterizzato da un dedalo di vincoli ed autorizzazioni che finiscono per rendere un’area edificabile solo sulla carta.

Trattasi di una problematica che investe numerosi cittadini, come testimoniato non soltanto dall’importo complessivo dell’IMU riveniente dalle aree edificabili ma anche e soprattutto dal contenzioso che nel corso degli anni ha assunto dimensioni spropositate.
Per quanto attiene alla determinazione del valore dell’area, la legge statuisce che esso vada determinato sulla base del valore venale in comune commercio al 1° gennaio di ogni anno. Il Comune procede annualmente a determinare un certo valore di riferimento per agevolare gli adempimenti dei contribuenti. Ed è proprio sul valore dell’area che siamo andati ad incidere per venire incontro alle esigenze di tanti mattinatesi e, soprattutto, per restituire al prelievo fiscale quell’equità sociale cui prima facevo cenno.

Abbiamo inserito una serie di correttivi che tengono conto dei vincoli gravanti sul territorio, dell’obbligo di pianificazione attuativa e di eventuali pareri contrari già rilasciati da Enti sovracomunali sulle previsioni di PRG che incidono sul valore dell’area ma non annullano la capacità edificatoria.

Faccio un esempio chiarificatore per i non addetti ai lavori. Vi sono alcune zone che secondo il PRG sono edificabili, ma non secondo il Parco Nazionale del Gargano. In buona sostanza le possibilità di edificare sono ridotte al lumicino. Tassarle in base al mero valore venale senza tenere conto di tale circostanza è una vera ingiustizia.
Con la nostra delibera di giunta, che tiene conto del momento in cui si concretizzerà il vantaggio di poter edificare, i proprietari di aree edificabili potranno raggiungere risparmi di imposta che arrivano in alcuni casi all’80% – 90% di quanto corrispondevano negli anni passati.
Quello dell’IMU sulle aree edificabili è stato un tema dibattuto nel corso degli ultimi anni, ma mai nessuno aveva avuto la forza, il coraggio di cimentarsi con questa scottante tematica. Noi lo abbiamo fatto a soli 4 mesi dal nostro insediamento.

Abbiamo adottato questo provvedimento, da cui peraltro ci attendiamo non secondari effetti positivi in termini di riduzione del contenzioso, nonostante le difficoltà finanziarie in cui versa il Comune di Mattinata, convinti che dare respiro alle finanze dei cittadini possa determinare riflessi rigenerativi sull’edilizia e sulla complessiva economia territoriale.
Lo rende noto il Sindaco di Mattinata Avv. Michele Prencipe.

da Stato Quotidiano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

MANFREDONIA – truffa, evasione dai domiciliari, 2 denunce

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

PERSONALE del Commissariato di PS di Manfredonia ha denunciato 1 cittadino per evasione dagli arresti domiciliari; un’altra denuncia è stata elevata nei confronti di una persona accusata di truffa e sostituzione di persona. Seguono aggiornamenti.
In Provincia, personale del Commissariato di San Severo ha denunciato un cittadino per ferimento e maltrattamento di animali.
Una denuncia a Foggia, a carico di un cittadino straniero per ricettazione.

 

 

 

da Stato Quotidiano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Arriva Radio801, la web radio ‘Made in Foggia’ che punta in alto

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

IL 6 ottobre arriva Radio 801. Si tratta di una web radio “made in Foggia” che promette di valicare i confini provinciali per conquistare cuori e orecchie di tutti grazie alla sua “musica ad alta quota”. Ma non solo. Il suo punto di forza, infatti, sono gli speaker: 26 tra “pilastri” che hanno fatto la storia della radio e giovani pieni di entusiasmo che credono fortemente in questo progetto nato dalla mente creativa di Luca De Michele.
Radio 801 è nata nel 2013 dal network “Il Castello”, ma dopo un anno di programmazione e la pausa estiva, ha deciso di ritornare rigorosamente on web con un progetto ambizioso che punta a raggiungere una vasta platea. Il palinsesto, infatti, prevede programmi per tutti i gusti: dal rock al pop fino alla musica di nicchia passando per trasmissioni che si occupano di cucina, moda, cinema, viaggi, cultura e terzo settore.
Lunedì 6 ottobre alle ore 9.30, dunque, riparte Radio 801. Per ascoltarla basterà collegarsi a www.radio801.it oppure scaricare l’app per android e i-phone. Gli ascoltatori, inoltre, potranno interagire in diretta con gli speaker attraverso FB (cercando la pagina “Radio 801”), Twitter (@webRadio801) e whatsapp (331.4015550).

da Stato Quotidiano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – «Voto, gravi irregolarità nelle procedure» – Marasco vuole l’annullamento delle elezioni

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Non più il riconteggio dei voti, udienza al Tar il 16 dicembre

Di Pardo e Marasco

E’ stata fissata per il giorno 16 dicembre 2014 l’udienza dinanzi ai giudici del Tar di Bari durante la quale sarà discusso il ricorso presentato dal consigliere comunale ed ex candidato-sindaco del centrosinistra, Augusto Marasco per l’annullamento delle elezioni amministrative che si sono svolte tra maggio e giugno.
Ieri il legale di Marasco, Salvatore Di Pardo, ha depositato il ricorso che non è più finalizzato al riconteggio delle schede, alla verifica di quelle nulle visto il margine molto risicato di appena 366 voti tra Landella e Marasco nel risultato di ballottaggio ma all’annullamento delle elezioni. Secondo Di Pardo nell’esaminare i documenti acquisiti sono state «riscontrate gravi irregolarità nel procedimento».

Dunque alla vigilia di Natale i foggiani sapranno se l’attuale amministrazione di centrodestra potrà proseguire il proprio mandato o meno. Il ricorso depositato porta la firma di Marasco e di altri tre foggiani, non è chiara quale sia la posizione dei partiti e delle forze politiche di centrosinistra rispetto alla richiesta di annullamento della tornata elettorale.

L’ex candidato sindaco assicura: «E’ un ricorso che io ho voluto fortemente, ma questo non vuol dire che le forze politiche non sia motivate a far luce sulle elezioni comunali a Foggia».

da Corriere del Mezzogiorno/Foggia

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Automobilisti foggiani nella morsa della Municipale: pioggia di multe in viale Fortore

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Automobilisti senza cinture di sicurezza, con la revisione scaduta e senza patente e libretto. Controlli compiuti da tre pattuglie e nove operatori

Prosegue senza sosta il lavoro di prevenzione e repressione della Polizia Municipale di Foggia relativamente al rispetto delle norme del codice della strada. Nel pomeriggio di ieri – principalmente su viale Fortore – nove operatori coordinati da due ufficiali e tre pattuglie hanno sottoposto a controlli decine di automobilisti, molti dei quali sono stati sanzionati perché non indossavano la cintura di sicurezza, per non aver rinnovato la revisione e anche mancanza di patente e libretto.

FOTO | CONTROLLI DELLA POLIZIA MUNICIPALE IN VIALE FORTORE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

da Foggiatoday

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – gli rubano quadri e li ritrova grazie al suo cellulare

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Gli avevano rubato l’automobile con all’interno 13 opere d’arte del valore di oltre 80mila euro ma grazie al suo telefono cellulare la polizia è riuscita a recuperare l’automobile con le opere d’arte.

Brutta avventura per Giuseppe Benvenuto, un gallerista foggiano che la scorsa notte, quando mentre stava scaricando alcune opere dell’artista Faccincani nella sua automobile, in viale Michelangelo, un giovane è entrato nel mezzo fuggendo con l’auto e con tutto il prezioso carico.

Il gallerista ha chiamato la polizia che attraverso il cellulare del gallerista, lasciato anche questo nel mezzo, è riuscita ad individuare la posizione dell’automobile rubata, in via Londra a Lucera.

Una volta sul posto la polizia ha trovato l’automobile e i quadri. Il ladro era fuggito con il telefono cellulare, un telepass e alcuni euro. (L)

da Teleblu

• • Commenta questo articolo Nessun commento

A Foggia c’è “SAM”,la settimana dell’allattamento materno. Un flash mob il 4 ottobre

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

L’allattamento al seno come formidabile pratica di alimentazione, sviluppo ed evoluzione umana, e non solo.

 

La sua valenza come gesto di “protesta” pacifica, di costruzione di una cultura più sostenibile e votata all’ecologia, la sua importanza ai fini della salute e del benessere della donna e del bambino, come emancipazione della immagine della donna dal cliché di attrattiva solo sessuale e, non da ultimo, l’importanza della condivisione perché l’esperienza di un singolo, moltiplicata, divenga una fonte di conoscenza, una nuova proposta di educazione finalizzata ad obiettivi comuni.

Quanta saggezza nel gesto più antico del mondo, una madre che nutre suo figlio!! L’associazione Mamme Arcobaleno ha ritenuto fondamentale richiamare l’attenzione su questo tema, promuovendo per Sabato 4 ottobre alle ore 10:30, il Flash Mob Allattamento Sam 2014 che avrà luogo a piazza XX Settembre a Foggia, in contemporanea con centinaia di altre piazze in Italia.

Si tratta di un evento per rafforzare il lavoro di informazione e sensibilizzazione sui molteplici benefici derivanti dall’allattamento al seno materno di cui mamma e bebè fruiscono, e al contempo per suggerire che sono maturi i tempi di un cambiamento dei costumi, che ancora oggi, sia pure assuefatti a seni femminili usati a scopo commerciale, vedono con poca simpatia un gesto quale l’allattamento in pubblico.

Lo spirito di scendere in piazza e sollecitare la partecipazione di tutti, donne, mamme o meno che siano, papà, che lo siano o che debbano diventarlo, medici, operatori dell’infanzia, educatori, nonni, è perché si acquisisca la consapevolezza che il legame sano tra la mamma ed un bimbo allattato al seno ha innegabili influssi positivi su tutta la società, perché un bambino sereno sano e felice sarà un uomo o una donna capace di trasmettere e restituire energia positiva e valori puliti al mondo.

Mamme Arcobaleno non è nuova a percorsi di sensibilizzazione volti a diffondere un modello di genitorialità responsabile, che sia incentrato su una relazione genitori-figli più naturale, meglio integrata in uno stile di vita attento alla sostenibilità delle azioni, dei consumi, e delle finalità educative che dagli stili di vita si determinano.

Questo è il secondo evento aperto alla cittadinanza, in aggiunta ai frequenti incontri destinati ai soci. Mamme Arcobaleno è infatti stata l’organizzatrice del Flash mob di danza di mamme con i bimbi in fascia, tenutosi lo scorso novembre all’isola pedonale, primo incontro con la collettività foggiana. L’invito è dunque quello di ritrovarsi ancora più numerosi, e magari con un indumento bianco o un fiore bianco tra i capelli, per un piccolo segno anche visivo di partecipazione e sostegno! c.s./red.ros.//

da Teleblu

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – accoltellamento nigeriano al mercato Rosati, 2° arresto

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Foggia: tentato omicidio, riciclaggio ed inosservanza ordini dell’AG. Cinque arresti dei Carabinieri

ACCOLTELLAMENTO AL MERCATO ROSATI. ARRESTATO ANCHE IL FRATELLO COMPLICE
I Carabinieri di Foggia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere nei confronti di CAMPANILE Massimo, 34enne, gravemente indiziato di tentato omicidio, in concorso con il fratello Luigi, già arrestato nella flagranza del reato lo scorso 13 settembre, ai danni del cittadino nigeriano Eboighe Godwin.

Quel giorno giungeva sull’utenza 112 una telefonata che segnalava una rissa con conseguente accoltellamento in via Rosati a Foggia. I Carabinieri rinvenivano una persona di colore riversa a terra, identificata poi nel nigeriano citato. Nell’immediatezza dei fatti lo stesso riferiva di essere stato accoltellato da due commercianti di frutta e verdura, mentre era intento a chiedere l’elemosina nel mercato rionale di via Rosati.
I Carabinieri avviavano ulteriori indagini e la vittima ricostruiva con precisione l’aggressione subita e tra le fotografie che gli venivano sottoposte dai militari riconosceva senza ombra di dubbio in quelle raffiguranti CAMPANILE Luigi e CAMPANILE Massimo coloro che lo avevano accoltellato. Di lì a poco i Carabinieri riuscivano a catturare CAMPANILE Luigi, mentre il fratello si rendeva al momento irreperibile.
Il grave compendio indiziario raccolto dai Carabinieri a carico anche di quest’ultimo permetteva, comunque, all’Autorità Giudiziaria di emettere il provvedimento restrittivo e di associare anch’egli al Carcere di Foggia.

da Stato Quotidiano

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – “Ci scusiamo per il disagio”: la Blue wings air non è (ancora) pronta

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Presentato il portale attivo a mezzo servizio

“Attenzione. Il sito è in fase di aggiornamento. Per qualsiasi comunicazione, scrivere a: info@bluewingsair.com . Ci scusiamo per il disagio”.

IL SITO. L’annuncio campeggia sulla home page della Blue wings air. Era stata la stessa company inglese a darsi “l’auto scadenza” del primo ottobre per andare online e presentare il proprio sito. E, come promesso, il portale è online ma a mezzo servizio. Non sono ancora cliccabili le sezioni riguardanti la Biglietteria on line (ma le prenotazioni si possono fare dal sito della Air Vallèe) e le ‘Note legali’ non danno alcuna soddisfazione, perché senza contenuti. Oltre alle due tratte ormai note – Milano e Torino – ecco però che compaiono ormai ufficialmente anche le destinazioni di Mostar e Spalato: investimento vero o fumo negli occhi? Sarà il tempo a deciderlo, nel frattempo andando sulla sezione “Chi siamo”, la Blue Wings si presenta ufficialmente.

LA COMPANY INGLESE. Blue Wings Air – si legge sul sito – è una company inglese a capitale interamente privato con sede a Londra – si legge sul sito ufficiale -, che attraverso accordi con vettori aerei di primaria importanza, opera nel trasporto di persone a corto raggio. Nasce con l’obiettivo di offrire servizi di trasporto aereo charter e leisure on-demand. Oltre a svolgere la normale attività di trasporto aereo opera anche nel settore del brokeraggio di aeromobili e nelle attività di non aviation, quali la prestazione dei servizi di complemento delle attività di supporto all’aviazione.

“NON SOLO IL VOLO”. Le basi sulle quali si fonda la mission dell’azienda rappresentano gli elementi della politica “Quality oriented”: cortesia, affidabilità, efficienza e professionalità per superare il concetto del volo come semplice mezzo di trasporto e considerare il passeggero come ospite, prima, durante e dopo il viaggio.

L’AEROPORTO GINO LISA. Con l’obiettivo di riattivare l’operatività dei voli dall’aeroporto Gino Lisa di Foggia, nel 2014 Blue Wings Air, ha sottoscritto un accordo commerciale con la Air Vallèe, compagnia aerea italiana, attiva nel trasporto aereo da molti anni, in possesso di regolare certificazione di operatore aereo (COA) e conforme a tutti gli standard di qualità e di sicurezza.

Il 12 settembre 2014, nel corso di una conferenza stampa tenutasi presso l’Aeroporto Gino Lisa di Foggia, Blue Wings Air, in collaborazione con Aeroporti di Puglia, ha presentato i nuovi voli per Milano e dal prossimo 6 dicembre per Torino, oltre alla possibilità di effettuare voli charter per altre destinazioni. I nuovi voli saranno operati, con l’utilizzo di un aeromobile Fokker 50 da cinquanta posti. La sede operativa in Italia è presso l’Aeroporto Gino Lisa di Foggia in Viale degli Aviatori.

da Foggiacittaaperta

• • Commenta questo articolo Nessun commento

FOGGIA – Rifiuti, le famiglie non pagheranno di più ma il regolamento Amiu «bastona» i negozi

Pubblicato mercoledì, 1 ottobre 2014

Il Pd diviso sull’affidamento del servizio alla società barese

 

Non ci saranno aumenti per le famiglie foggiane dall’introduzione della nuova tassa sui rifiuti, la Tari. Si prepara invece un autunno amaro per gli esercizi commerciali che subiranno un rialzo consistente del costo di smaltimento dei rifiuti. Il tentativo di alcuni consiglieri di maggioranza, attraverso un emendamento, di cercare di abbassare la tassa sulle attività economiche foggiane è fallito.

Commercianti e artigiani pagheranno di più.
Ieri, in serata, il consiglio comunale ha approvato il piano economico finanziario di Amiu Puglia, la società di gestione dell’igiene urbana, e contestualmente il piano delle nuove tariffe. Entrambi i provvedimenti sono passati con il voto favorevole della maggioranza di centrodestra, mentre l’opposizione, rimasta in aula con soli cinque consiglieri, si è divisa: quattro hanno votato contro (Sciagura, Buonarota, Cassitti e Rizzi) e uno si è astenuto (Russo). Assenti Leo Di Gioia, il capogruppo del Pd, Sergio Clemente; mentre hanno lasciato l’aula una decina di minuti prima del voto Rosario Cusmai, Alfonso De Pellegrino e Augusto Marasco.

Le famiglie non dovranno quindi temere l’arrivo dei nuovi bollettini Tares: rispetto all’anno precedente le tariffe calano di una ottantina di euro se l’appartamento è anche dotato di box o giardino. Una famiglia di 4 persone con un appartamento di 100 metri quadrati e garage risparmierà 73,74 euro con la nuova tariffa. Mentre chi è proprietario del solo appartamento di fatto pagherà quanto lo scorso anno, la tariffa diminuisce di qualche euro. Per le attività economiche l’amministrazione si è impegnata a cercare di alleggerire la pressione tributaria, dopo la batosta che arriverà con la Tari, incidendo con sgravi ad hoc sulla Cosap e sull’imposta pubblicitaria.

Il dibattito, che si è esaurito in un paio d’ore, ha fatto emergere però una seria difficoltà dei consiglieri comunali di centrosinistra e dunque di opposizione ad avere una linea di intervento comune, ma sopratutto a fare i conti con i propri dieci anni di amministrazione. Sul piano politico la discussione avvenuta ieri in aula potrebbe avere ripercussioni nel centrosinistra e specie nel Pd da dove sono giunte vere e proprie bordate alla società di gestione e al progetto di Amiu Puglia, voluto dalla precedente amministrazione di centrosinistra.

Sul piano finanziario presentato da Amiu Puglia si sono registrate pesanti critiche proprio dai consiglieri di centrosinistra: da Marcello Sciagura (Il Pane e le rose): «L’Amiu non è all’altezza del servizio. Questo piano finanziario che ci è stato presentato lo ha preparato Babbo Natale»; da Luigi Buonarota (Lavoro e liberta), da Alfonso De Pellegrino (Pd): «Era opportuno in passato aprire un dibattito tecnico-politico sulla questione dei rifiuti. Si è preferito accettare supinamente questo progetto di Amiu. Non so da chi, non so da quali soggetti dell’amministrazione precedente».

Parole pesanti se si considera che al progetto di affidamento dei servizio dei rifiuti alla società barese e alla nascita di Amiu Puglia non solo ha lavorato la precedente amministrazione, con il sindaco Gianni Mongelli, ma l’ex sindaco di Bari, Michele Emiliano, segretario regionale di quel partito nel quale è stato eletto anche De Pellegrino. Resta invece ruvido il dialogo tra il sindaco Franco Landella e il suo ex avversario elettorale, Augusto Marasco. Quest’ultimo ieri ha posto una pregiudiziale sugli atti che continuano a portare la firma del segretario generale per alcune deleghe ricevute soprattutto in campo ambientale e urbanistico. L’incompatibilità del segretario generale resta un nodo irrisolto che Landella e sul quale ieri non ha dato in aula una risposta convincente.

da Corriere del Mezzogiorno/Foggia

• • Commenta questo articolo Nessun commento

ACCADIA – Ad Accadia chiude l´unica banca, l´ira del sindaco Murgante

Pubblicato martedì, 30 settembre 2014

Ad Accadia, comune dei Monti Dauni meridionali, dal prossimo 13 dicembre non sarà più possibile effettuare operazioni bancarie. L’unica banca presente da più di cinquant’anni chiuderà e i cittadini del paese, per lo più anziani, dovranno emigrare a Sant’Agata di Puglia, Deliceto o Bovino.

La  Banca Popolare di Milano chiuderà al pubblico perchè rientra tra quelle 80 filiali che saranno accorpate nell’ambito di un progetto nazionale.

La notizia, rimbalzata solo oggi, sta suscitando malumore tra i residenti di Accadia. Sul piede di guerra il sindaco Pasquale Murgante. “Faremo di tutto per far cambiare idea alla direzione della Popolare di Milano.

Si fa tanto per evitare lo spopolamento dei nostri piccoli comuni e poi si eliminano i servizi essenziali alla gente. Domani partirà una missiva al presidente del Consiglio Renzi, al governatore della Puglia Vendola e alla banca d’Italia. Accadia non può privarsi dell’unica banca cittadina. Immaginate quanti disservizi soprattutto per la popolazione anziana. Chiederò anche ai colleghi sindaci dell’Appennino di firmare un documento da inviare alle varie istituzioni”

da Teleradioerre

• • Commenta questo articolo Nessun commento

Medaglia di bronzo alla Puglia, è la regione più cercata dai turisti dopo Toscana e Liguria

Pubblicato martedì, 30 settembre 2014

La nostra regione porta a casa un bel terzo posto nel settore turismo. Dopo la Toscana con il 16% delle richieste e la Liguria con il 15%, c’è proprio la “California del sud” con l’11% tra le regioni più cercate dagli stranieri nei primi sei mesi del 2014 sul portale Gate Away, uno dei più importanti nella promozione sui mercati esteri delle abitazioni italiane.

I dati saranno presentati domani da un convegno organizzato da Fiaip in Puglia e mettono in evidenza che i più attivi sul mercato sono gli inglesi che rappresentano il 14%, gli americani che sono il 12% e i francesi con il 10%.
La Puglia è in testa se consideriamo solo le richieste dall’Inghilterra. Il 70% delle richieste riguarda immobili fino a 250 mila euro, un dato collegato al fatto che interessano soprattutto progetti di ristrutturazione. La quasi totalità delle richieste riguarda case singole (96% delle richieste, una percentuale che scende al 77% se si guarda al totale richieste per l’Italia): un dato che non stupisce visto che gli stranieri sono attratti soprattutto dal fascino delle case tradizionali pugliesi, come trulli o masserie.

da Manfredoniatv

• • Commenta questo articolo Nessun commento