QUI MESSINA: COPPA INDIGESTA, VINCE LA SALERNITANA

foggiaweb.it/foggiacalcio

Si ferma all’Arechi di Salerno la corsa del Messina nella Coppa Italia di Lega Pro.

I giallorossi sono stati battuti 2-0 dalla Salernitana grazie a due reti realizzate nei secondi 45’ di gioco. Primo tempo con personalità del Messina che aveva in campo Lagomarsini tra i pali, De Bode, Marin, Bortoli e Bonanno tra i titolari.

La squadra di Grassadonia ha rintuzzato gli attacchi dei padroni di casa, con Lagomarsini protagonista soprattutto sulla doppia occasioni capitata a Bianchi sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Messina che ha provato anche a rendersi pericoloso e poco prima dell’intervallo (al 39’) ha protestato per un intervento di Ginestra su De Bode, pescato in mezzo all’area da Bucolo su punizione.L’arbitro ha fatto proseguire.

Nella ripresa la Salernitana è passata al 73’ grazie a un calcio di rigore concesso per un fallo su Colombo, che ha portato all’espulsione di Marin, nonostante il fallo sia stato commesso da Stefani. A realizzare il penalty è stato Calil, appena subentrato a Ginestra.

Quattro minuti dopo il raddoppio della Salernitana con un colpo di testa di Colombo. Grassadonia ha ritrovato anche Bjelanovic al rientro in campo dopo un mese di stop. Insieme alla prestazione di Lagomarsini, le uniche buone notizie che arrivano dalla gara dell’Arechi.

da messinachannel.it

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Questo Foggia merita piú spettatori!

foggiaweb.it/foggiacalcio

Negli ultimi anni si é discusso molto sulla capienza dello Zaccheria, sulle eventuali inadempienze del comune e finalmente contro il Catanzaro lo stadio rossonero é stato dichiarato adeguato per accogliere 5000 spettatori, un numero sicuramente ancora imbarazzante se confrontato ai 25000 foggiani che seguivano la squadra in serie A.

Certo i tempi sono cambiati, le regole pure ed anche le 15000 anime del Foggia di C2, quello di Marino e di De Zerbi in campo, sembrano oggi un miraggio. Purtroppo anche la capienza di 7500, quella del ritorno di Zeman, sembra ancora lontana ma di fatto sembra che il problema non sia legato alle autorizzazioni varie.
Di fatto a Foggia, dopo esser praticamente spariti e rinati, dopo un ottimo campionato tra i dilettanti, una promozaione che, anche se a tavolino, ha creato un certo entusiasmo, dopo un campionato disputato alla grande e che ha dato la possibilitá di partecipazione al campionato di Lega Pro unica, dopo un inizio di stagione 2014/15 incoraggiante e ben promettente, ebbene contro il blasonato Catanzaro, oltre ai miseri 1000 abbonati, staccano il biglietto circa 2000 spettatori.

Se per gli abbonati puó valere l’alibi del campionato “spezzatino” con gare anche in giorni feriali, per una partita di cartello disputata regolarmente di domenica, non esistono attenuanti.

É difficile dare spiegazioni a questo crollo di presenze allo Zaccheria, ma é ovvio che con questi numeri il campionato rossonero sta andando oltre le piú rosee aspettative e non possiamo sapere sino a quando sará possibile sperare nei sacrifici della societá per uno spettacolo che alla fine interessa poca gente.

Alberto Mangano da newsrossonere.blogspot.it

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Coppa Italia Lega Pro, risultati e marcatori delle gare odierne: ecco gli ultimi due pass per gli Ottavi

foggiaweb.it/foggiacalcio

Ecco i risultati odierni delle gare valide per il secondo turno della Coppa Italia Lega Pro. Questo il quadro:

> gare iniziate alle ore 20.30:
Alessandria [ 5-1 ] Pavia FINALE
4 e 16′ Taddei (A), 15′ Falconieri (P), 44′ Sirri (A), 45′ Scotto (A), 82′ Valentini (A)

Casertana [ 2-1 ] Benevento FINALE
23′ Mancino su rigore (C), 30′ Idda (C), 85′ Lucioni (B)

> gara iniziata alle ore 18.00:
FeralpiSalò [ 1-0 ] Lumezzane FINALE
69′ Zerbo (F)

> gara iniziata alle ore 14.30:
Lecce [ 1-1 ] Matera -> 4-5 dopo i calci di rigore FINALE
61′ Di Noia (M), 64′ Doumbia (L)
> Sequenza rigori: Longo (M) RETE – Della Rocca (L) RETE – Coletti (M) RETE – Sacilotto (L) RETE – Bernardi (M) RETE – Lepore (L) RETE – Pagliarini (M) RETE – D’Ambrosio (L) PARATO – Faisca (M) FUORI – Lopez (L) PARATO

> gare iniziate alle ore 15.00:
Bassano [ 1-0 ] Mantova FINALE
63′ Munarini

Cosenza [ 0-0 ] Reggina -> 4-2 dopo i calci di rigore FINALE
> Sequenza rigori: Alessandro (C) RETE – Armellino (R) RETE – Tortolano (C) PARATO – Rizzo (R) PARATO – Ciancio (C) RETE – Maimone (R) RETE – Fornito (C) RETE – Di Lorenzo (R) PARATO – Corsi (C) RETE

Pisa [ 4-0 ] Torres FINALE
4′ e 29′ Frediani, 10′ e 79′ Stanco

Salernitana [ 2-0 ] Messina FINALE
74′ rig. Calil, 78′ Colombo [73' espulso Marin (M)]

Questi gli accoppiamenti per gli Ottavi di Finale di Coppa Italia Lega Pro che si giocheranno ancora ad eliminazione diretta:

Alessandria vs Como
AlbinoLeffe vs Renate
FeralpiSalò vs Bassano
Spal vs Prato
Pisa vs Pontedera
Ascoli vs Casertana
Matera vs Juve Stabia
Salernitana vs Cosenza

Anche nei Quarti di Finale gli accoppiamenti saranno determinabili dal tabellone e le gare saranno di sola andata. Semifinali e Finale saranno invece disputate con gare di andata e ritorno.

da Tuttolegapro.com

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Oggi doppia seduta

foggiaweb.it/foggiacalcio

Doppia seduta di allenamento per il Foggia oggi. Al mattino, ore 10:00, i rossoneri si alleneranno sul terreno dello Zaccheria, nel pomeriggio trasferimento al campo sportivo dell’Aeroporto militare di Amendola.

Al termine della seduta pomeridiana Antonio D’Allocco sarà a disposizione dei media nella sala stampa Antonio Fesce dello stadio Pino Zaccheria.

Ufficio Stampa Foggia Calcio

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

‘Vai Martina': la foggiana ai mondiali di nuoto per persone affette da sindrome di down

foggiaweb.it/foggiacalcio

Appuntamento in Messico dal 7 novembre

Ci sarà anche una atleta foggiana al mondiale Dsiso (Down Syndrome International Swimming Organization), l’organismo internazionale che promuove attività acquatiche di nuoto e sincro per persone affette da sindrome di down.

 

 

 

 

 

 COMPETIZIONE IN MESSICO. L’appuntamento è in programma a Morelia, in Messico dal 7 al 15 novembre. La delegazione Italiana di Nuoto Sincronizzato è composta da 6 atlete: oltre a una ligure e quattro romane c’è la foggiana Martina Sassani, che si allena nell’impianto dell’Assori con l ‘allenatrice Floriana De Vivo.

LA NAZIONALE. Capo delegazione dell’intera nazionale sarà il dott. Mastrangelo, medico Dsiso, con i tecnici Floriana De Vivo, Noemi Murru e Elisa Filardo.

IL TITOLO MONDIALE. Martina Sassani, in coppia con l’atleta di Chiavari Marta Canterò, detiene il Titolo Mondiale nella specialità del Doppio che difenderanno sulle note della colonna sonora di Batman. La Sassani farà anche il solo sulle musiche degli Evanescence.

da Foggiacittaaperta

Pubblicato in Sport Vari | Contrassegnato | Lascia un commento

Forza Alberto!

foggiaweb.it/foggiacalcio

Lesione del legamento collaterale mediale del ginocchio destro. 50 giorni di prognosi.

Il linguaggio medico parla chiaro: Alberto Gerbo starà fuori per un po’ di tempo. Il colpo è duro, ma non riuscirà a scalfire il tuo sorriso. Ti aspettiamo, con la certezza di rivederti presto in campo più forte di prima. In bocca al lupo Alberto!!!

Ufficio Stampa Foggia Calcio

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

L’OPINIONE (L)IMITATA… DI STEFANO BUCCI

foggiaweb.it/foggiacalcio

Cari amici lettori, quella tra Foggia e Catanzaro, è stata una classica dimostrazione di come una partita di calcio può diventare una vera e propria manifestazione di spettacolo, ed i fortunati spettatori, di certo, non si sono annoiati, e diciamo ciò, perché solitamente il pareggio con una rete per parte, viene inteso spesso come la risultante di una gara vissuta dalle due squadre in modo teso e preoccupato, più con l’obiettivo di non perdere, e semmai, decisa da un errore per parte.
Di detto pensiero, solo quello riguardante le reti siglate, possiamo definirlo vicino alla realtà, per il resto, e chiaramente per chi ha assistito all’evento, è stata una gara che non può non riconciliare l’osservatore un pò scettico con il mondo del calcio.
L’ora era perfetta per le abitudini foggiane, il classico pranzo domenicale, seguito dalla pennica pomeridiana, o per chi segue la serie “A”, da alcune gare in programma, insomma, tutti gli ingredienti per prepararsi al meglio all’appuntamento con lo Zaccheria, che tra un autunno entrato già da un bel po’, e la fine dell’ora legale, nonostante le ore 18.00, dava a tutti, la sensazione di una notturna in piena regola.
Anche la gara era quella giusta, contro una nobile decaduta come il Catanzaro, e noi con lo spirito giusto sognando la terza vittoria consecutiva con relativo balzo in classifica nelle posizioni che contano.
Il solito rituale prepartita, la stessa strada delle precedenti gare percorsa a piedi, e guai a cambiare, in fondo sono proprio a due passi dal “Tempio” del calcio foggiano, lo stesso jeans con le stesse scarpette, lo stesso orologio, insomma, pur con dei dubbi, ma tutta la gestualità apotropaica era stata compiuta per l’occasione, per la serie non è vero ma ci credo.
Arrivo a scorgere i fari illuminati a giorno, due passi, ed ecco materializzarsi lo Zaccheria, fantastico…, dentro di me la convinzione di festeggiare a fine gara era molto forte, persino all’ingresso, gli addetti che mi salutavano con un “ va và Zeman che amm’ venc’”, li vedevo altrettanto convinti.
La gara, sappiamo tutti come è andata, lo spettacolo è stato di categoria superiore, persino quei pensieri un po’ maligni, per la verità di pochi, circa le probabilità di segnatura da parte di Iemmello contro la squadra della sua città, e di cui è tifoso, sono stati fugati, a proposito, bravo il nostro attaccante, che ha giocato forse la sua più bella partita della stagione proprio contro il “suo” Catanzaro.
Professionista!
Qualcuno potrà dire che il Foggia gioca solo un tempo, o poco più, ebbene, a questo qualcuno possiamo rassicurarlo, facendogli notare che il minutaggio di bel giuoco, aumenta di partita in partita, in fondo, novanta minuti di bel calcio, forse non li gioca neppure il Real Madrid o il Bayern di Pepp Guardiola!
A seguito dei risultati della scorsa giornata, la classifica è praticamente divisa in due tronconi, una metà, con noi quasi dentro, che guarda verso l’alto, mentre l’altra metà che guarda con timore verso il basso, ed a capeggiare quest’ultima, c’è proprio il Messina, prossimo avversario dei rossoneri.
L’ultimo precedente sullo stretto, risale alla scorsa stagione, e fu una bella vittoria, chissà se anche questa volta….così, giusto per continuare a guardare sempre più in alto.
Alla prossima.

Stefano Bucci

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Foggia atteso domenica prossima da un Messina in salute

foggiaweb.it/foggiacalcio

Attenti al Messina, prossimo avversario del Foggia (domenica 2 novembre, stadio San Filippo, calcio d’inizio ore 14.30). La formazione del Presidente Lo Monaco, è tra le più in forma del girone meridionale di Lega Pro.

Dopo l’inizio sentato (appena quattro punti nelle prime sei partite, con due pesantissimi k.o. casalinghi: 0-5 dal Matera e 1-5 dalla Casertana), la squadra pilotata dall’ex rossonero, Gianluca Grassadonia (nella foto), sembra abbia trovato la via maestra.

Se è vero come è vero che nelle successive ed ultime quattro gare, ha conquistato otto punti: per i successi interni con Lecce e Vigor Lamezia ed i pareggi in trasferta a Castellammare di Stabia e, domenica scorsa, a Melfi.

Una rincorsa che ha portato il Messina dalla zona playout all’undicesima posizione della classifica, con soli due punti di ritardo (attenzione!) dal decimo posto del Foggia. Facile intuire l’obiettivo sorpasso dei peloritani. E magari, nel contempo, vendicare il pesante 0-3, firmato Giglio, Licata e Zizzari, rifilato a domicilio nella scorsa stagione dai rossoneri di Pasquale Padalino.

da teleradioerre.it

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Amore rossonero: inaugurata nuova sede Club Borgo Croci

foggiaweb.it/foggiacalcio

Ieri sera il taglio del nastro in via Lucera. Una serata molto partecipata, alla quale hanno preso parte circa 150 persone e tutti i giocatori del Foggia Calcio

Una nuova casa per i tifosi rossoneri del Club Borgo Croci. Ieri sera, alle 19, il taglio del nastro della nuova sede del club che da via Concetto Marchesi si è ora trasferito in via Lucera, a Foggia.

Una serata molto partecipata, alla quale hanno preso parte circa 150 persone e tutti i giocatori della squadra rossonera con il direttore sportivo Masi e l’addetto stampa della società. Un invito speciale è stato per Chiara Carpano, la moglie dell’indimenticato portiere Franco Mancini che non ha fatto mancare la sua presenza. Il Club Borgo Croci è presieduto da Domenico Padalino e oggi conta circa 50 soci iscritti.

Tra gli obiettivi del club, anche la promozione della cultura sportiva, per evitare esborsi di denaro a causa di multe e sanzioni per comportamenti antisportivi e investire tutte le risorse della società sulla squadra per il tanto atteso salto di qualità. Sulle pareti della nuova sede, una summa della storia del club e della fede rossonera, dalle imprese del mito Nocera ad oggi, passando per gli anni d’oro dei primi anni Novanta.

FOTO | FEDE ROSSONERA: INAUGURATA LA NUOVA SEDE DEL CLUB BORGO CROCI

 

 

 

 

 

da Foggiatoday

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Tegola sul Foggia: l’infortunio a Gerbo è più pesante del previsto, 50 giorni fuori

foggiaweb.it/foggiacalcio

Il centrocampista rossonero fermo ai box

È stato uno dei migliori in questo avvio di stagione. Ecco perché l’impietoso bollettino medico per Alberto Gerbo suona come una mazzata per il Foggia.

LESIONE AL GINOCCHIO. Il centrocampista rossonero starà fuori per una cinquantina di giorni. La prognosi per l’infortunio occorso a Gerbo durante Foggia – Catanzaro è di “lesione del collaterale mediale del ginocchio destro”.

VERSO MESSINA. Quasi due mesi fuori, dunque, per una delle pedine più importanti della scacchiera rossonera nelle prime giornate. Intanto prosegue la preparazione in vista della gara contro il Messina (domenica, ore 14,30, visibile gratuitamente in streaming anche su Foggia Città Aperta): nessuna squalifica per i ragazzi di De Zerbi e Brescia.

da Foggiacittaaperta

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Coppa Italia Lega Pro, oggi le ultime sfide: in palio gli ottavi

foggiaweb.it/foggiacalcio

Si disputano oggi – mercoledì 29 ottobre – le ultime sfide del secondo turno della Coppa Italia Lega Pro. Questo il quadro:

> Ore 14.30:
Lecce vs Matera

> Ore 15.00:
Bassano vs Mantova
Cosenza vs Reggina
Pisa vs Torres
Salernitana vs Messina

> Ore 18.00:
FeralpiSalò vs Lumezzane

> Ore 20.30:
Alessandria vs Pavia
Casertana vs Benevento

In attesa di conoscere le ultime otto squadre qualificate, ecco gli accoppiamenti per gli Ottavi di Finale di Coppa Italia Lega Pro che si giocheranno ancora ad eliminazione diretta.

Vincente Alessandria-Pavia vs Como
AlbinoLeffe vs Renate
Vincente FeralpiSalò-Lumezzane vs Vincente Bassano-Mantova
Spal vs Prato
Vincente Pisa-Torres vs Pontedera
Ascoli vs Vincente Casertana-Benevento
Vincente Lecce-Matera vs Juve Stabia
Vincente Salernitana-Messina vs Vincente Cosenza-Reggina

Anche nei Quarti di Finale gli accoppiamenti saranno determinabili dal tabellone e le gare saranno di sola andata. Semifinali e Finale saranno invece disputate con gare di andata e ritorno.

da Tuttolegapro.com

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Mister Padalino: “Rimango in attesa della giusta occasione”

foggiaweb.it/foggiacalcio

Tra gli allenatori che inaspettatamente sono rimasti senza squadra Pasquale Padalino: dopo le due stagioni al Foggia (un ripescaggio dalla D e una promozione della Seconda Divisione) egli sarebbe potuto rimanere in rossonero oppure sarebbe potuto passare al Modena. Invece, sta aspettando.

Ecco quanto ha dichiarato l’ex difensore della Fiorentina a TuttoLegaPro.com.

“Ho deciso di non rimanere a Foggia per una mia scelta: il programma non mi convinceva – ricorda Padalino – Però ho avuto anche altre occasioni, ma preferisco aspettare. Prima o poi arriverà anche il mio momento”.

Come sta trascorrendo questo periodo di attesa?
“Mi sto continuamente aggiornando. Guardo partite, e lo faccio anche attraverso Sportube.tv”.

Ha osservato anche il Foggia?
“Il Foggia lo guardo ogni tanto, mi interessa sapere il risultato però non entro nel merito della valutazione. So che è una buona squadra e che sta rispettando i programmi”.

da Tuttolegapro.com

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Infortunio grave, Gerbo resta fuori almeno due mesi

foggiaweb.it/foggiacalcio

È più grave del previsto l’infortunio occorso a Gerbo nella gara di domenica con il Catanzaro. La risonanza eseguita ieri ha evidenziato una distorsione di terzo grado al ginocchio destro, con interessamento del collaterale.

Il centrocampista dovrà star fuori almeno due mesi. Intanto, è ripresa la preparazione in vista della gara con il Messina. Assente Sarno, colpito da un lutto familiare.
A guidare l’allenamento il tecnico in seconda Brescia al posto di De Zerbi che sta seguendo il Supercorso per allenatori a Coverciano.

da la Gazzetta dello Sport

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

La crescita del gruppo e dei singoli!

foggiaweb.it/foggiacalcio

Dopo 10 giornate il Foggia si trova praticamente a metá classifica con un buon margine sulle inseguitrici ma, al tempo stesso, leggermente in ritardo rispetto alle prime; di certo alla squadra rossonera mancano il punto di squalifica e forse almeno i due punti di Cosenza, buttati al vento superficialmente ed in modo rocambolesco: quindi sicuramente tre punti erano alla portata ma non vengono purtroppo conteggiati nella graduatoria.

La squadra, per quello che ha fatto vedere in casa contro il Catanzaro, sta perfezionando il suo percorso di crescita che mister De Zerbi sta curando nei minimi particolari giorno dopo giorno, domenica dopo domenica: la squadra indubbiamente ha una sua identitá e cerca di affrontare con la fronte alta qualsiasi avversario con la consapevolezza di avere i numeri per poter dire la propria in questa stagione.

Un altro elemento da valutare positivamente é la crescita progressiva dei singoli componenti la rosa, per cui se sino a qualche giornata fa, si parlava di panchina corta e di una buona squadra ma senza rincalzi, dopo la prestazione di Leonetti ad Ischia, quella di Bollino contro il Savoia, quella di Sarno domenica scorsa, le prestazioni sempre piú convincenti di Sicurella, l’adattamento brillante di Loiacono sulla destra al posto di Bencivenga, e allora si puó tranquillamente affermare che il Foggia puó essere in grado di attutire gli effetti di squalifiche ed infortuni senza doverci rimettere eccessivamente sul piano del gioco e su quello del conseguente risultato.
Tanto di cappello quindi a De Zerbi per essere riuscito a guidare il gruppo verso una giusta maturitá, cercando sempre piú di raccogliere i frutti di questo suo ottimo lavoro.
Alberto Mangano

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Borghetti1€uro – 6° Puntata (Foggia-Catanzaro)

foggiaweb.it/foggiacalcio

Ecco il video della sesta puntata di Borghetti1€uro (Foggia – Catanzaro).

da Foggiacalciomania

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

L’opinione: il Foggia gioca solo un tempo

foggiaweb.it/foggiacalcio

Foggia e Catanzaro non si fanno del male dividendosi la posta in palio in uno dei match di cartello della decima giornata. I rossoneri possono recriminare solo su stessi e su quel primo tempo giocato ampiamente al di sotto delle proprie potenzialità.

Allo “Zaccheria”, i calabresi mostrano subito di essere una squadra solida e quadrata e prendono le misure dei rossoneri, imponendo un gioco fluido e propositivo. I ragazzi di De Zerbi sembrano contratti e non riescono ad impensierire la retroguardia avversaria.

Prima della mezz’ora Potenza commette un’ingenuità ed atterra nella prova area l’incontenibile Russotto. Lo stesso numero 10 calabrese dal dischetto, batte con freddezza Narciso e porta il Catanzaro negli spogliatoi avanti di misura.

Nella ripresa è tutto un altro Foggia. Squadra arrembante e propositiva che non concede l’iniziativa agli avversari. Agnelli e compagni macinano gioco e mettono alle corde il Catanzaro. La manovra dei rossoneri viene premiata e il catanzarese doc Iemmello approfitta dell’incomprensione difensiva dei giallorossi e impatta il risultato facendo esplodere lo “Zaccheria”.

Il Foggia ci crede e l’appena entrato Loiacono fa la barba al palo alla destra di Scuffia, più tardi Iemmello, dopo essersi liberato del diretto avversario, fallisce e il match point e al triplice fischio finale Foggia e Catanzaro si dividono la posta in palio.

Il Foggia visto domenica merita rimproveri per non aver aver giocato la prima frazione di gioco, ma l’atteggiamento assunto nella ripresa fa ben sperare De Zerbi e i tifosi rossoneri. Inoltre, Sarno rilanciato dal 1′ comincia a fare progressi e sembra pian piano recuperare la giusta forma fisica che farebbe di lui un giocatore di categoria superiore anche sul campo. Tra una settimana si torna in campo sulle rive dello Stretto. Ad attendere ci sarà il Messina, in netta ascesa dopo un inizio di stagione altalenante
da Foggiacalciomania

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

La crescita del gruppo e dei singoli!

foggiaweb.it/foggiacalcio

Dopo 10 giornate il Foggia si trova praticamente a metá classifica con un buon margine sulle inseguitrici ma, al tempo stesso, leggermente in ritardo rispetto alle prime; di certo alla squadra rossonera mancano il punto di squalifica e forse almeno i due punti di Cosenza, buttati al vento superficialmente ed in modo rocambolesco: quindi sicuramente tre punti erano alla portata ma non vengono purtroppo conteggiati nella graduatoria.

La squadra, per quello che ha fatto vedere in casa contro il Catanzaro, sta perfezionando il suo percorso di crescita che mister De Zerbi sta curando nei minimi particolari giorno dopo giorno, domenica dopo domenica: la squadra indubbiamente ha una sua identitá e cerca di affrontare con la fronte alta qualsiasi avversario con la consapevolezza di avere i numeri per poter dire la propria in questa stagione.
Un altro elemento da valutare positivamente é la crescita progressiva dei singoli componenti la rosa, per cui se sino a qualche giornata fa, si parlava di panchina corta e di una buona squadra ma senza rincalzi, dopo la prestazione di Leonetti ad Ischia, quella di Bollino contro il Savoia, quella di Sarno domenica scorsa, le prestazioni sempre piú convincenti di Sicurella, l’adattamento brillante di Loiacono sulla destra al posto di Bencivenga, e allora si puó tranquillamente affermare che il Foggia puó essere in grado di attutire gli effetti di squalifiche ed infortuni senza doverci rimettere eccessivamente sul piano del gioco e su quello del conseguente risultato.
Tanto di cappello quindi a De Zerbi per essere riuscito a guidare il gruppo verso una giusta maturitá, cercando sempre piú di raccogliere i frutti di questo suo ottimo lavoro.

Alberto Mangano da newsrossonere.blogspot.it

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Lega Pro, le decisioni del Giudice Sportivo. Offese e minacce all’arbitro: mano pesante su Capogrosso

foggiaweb.it/foggiacalcio

A seguito della decima giornata di campionato e in base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari rigurdanti i tre gironi di Lega Pro     

AMMENDE:
€ 5.000,00 GROSSETO F.C. S.R.L. perché persona riconducibile alla società, indebitamente presente nel recinto di gioco, al termine della gara al rientro negli spogliatoi avvicinava un assistente arbitrale rivolgendogli reiterate frasi offensive e minacciose; perchè addetti alla sicurezza rivolgevano reiterate frasi offensive verso un assistente arbitrale che rientrava negli spogliatoi, al termine della gara; perché propri sostenitori dopo aver atteso l’uscita della terna arbitrale dall’impianto sportivo rivolgevano alla stessa reiterate frasi offensive e minacciose costringendo le forze dell’ordine a scortare per prudenza la stessa terna arbitrale.
€ 1.000,00 SALERNITANA 1919 S.R.L. perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nel proprio settore tre petardi di notevole potenza, senza conseguenze; i medesimi al termine del primo tempo di gara lanciavano sul terreno di gioco una bottiglietta di plastica vuota, senza colpire.
€ 500,00 BARLETTA CALCIO S.R.L. per indebita presenza nella zona antistante gli spogliatoi, al termine della gara, di persone non identificate, ma riconducibili alla società.
€ 500,00 MATERA CALCIO S.R.L. per indebita presenza nella zona antistante gli spogliatoi, al termine della gara, di persone non identificate, ma riconducibili alla società.
€ 500,00 REGGINA CALCIO S.P.A. perché propri sostenitori in campo avverso introducevano e facevano esplodere nel proprio settore alcuni petardi, senza conseguenze.
€ 500,00 VIGOR LAMEZIA S.R.L. perché propri sostenitori durante la gara posizionati nel settore della tribuna dietro la panchina rivolgevano all’allenatore della squadra avversaria reiterate frasi offensive.

ALLENATORI:
SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE:
BRAVETTI FABIO (SANTARCANGELO CALCIO SRL) per comportamento offensivo verso un assistente arbitrale durante la gara (r.A.A., espulso, allenatore in seconda).

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA:
TOSCANO DOMENICO (NOVARA CALCIO SPA) per proteste verso l’arbitro durante la gara (espulso, già diffidato).
CONTICCHIO ALESSANDRO (PISTOIESE 1921 S.R.L.) per atteggiamento irriguardoso verso l’arbitro durante la gara (espulso, allenatore in seconda).

MEDICO:
SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE:
TARSI DANIELE (GROSSETO F.C. S.R.L.) per comportamento non regolamentare in campo e per aver rivolto all’arbitro reiterate frasi offensive durante la gara (r.A.A.,espulso).

CALCIATORI ESPULSI:
SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE:
CAPOGROSSO GAETANO (PORDENONE CALCIO S.R.L.) per comportamento reiteratamente offensivo verso l’arbitro e per atteggiamento minaccioso verso lo stesso.

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE:
CHIRICO COSIMO (ASCOLI PICCHIO FC1898 SPA) per aver colpito un avversario con un pugno al volto a gioco fermo.
MANAJ REI (CREMONESE S.P.A.) per comportamento offensivo verso l’arbitro.
ADOBATI FABIO (RENATE S.R.L.) per comportamento offensivo verso l’arbitro.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA:
FEOLA IVANO (REGGIANA 1919 S.P.A.) per aver commesso fallo su un avversario lanciato a rete, senza ostacolo.
SCIPIONI STEFANO (TERAMO CALCIO S.R.L.) per aver commesso fallo su un avversario lanciato a rete, senza ostacolo.
BALDE ABDOULAYE (TUTTOCUOIO 1957 S.M. SRL) per atto di violenza verso un avversario in azione di gioco.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER DOPPIA AMMONIZIONE:
VACCA ANTONIO (CATANZARO CALCIO 2011 SRL) entrambe per condotta scorretta verso un avversario.
BIONDI GIACOMO (LUMEZZANE S.P.A.) entrambe per condotta scorretta verso un avversario.
ARCIDIACONO PIETRO (MARTINA FRANCA 1947 SRL) per condotta scorretta verso un avversario e per condotta non regolamentare.
BARDELLONI EMANUELE (REAL VICENZA S.R.L.) per proteste verso l’arbitro e per condotta non regolamentare.

CALCIATORI NON ESPULSI:
SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (IV INFR):
BUCOLO ROSARIO ALESSAN (A.C.R. MESSINA S.R.L.)
GAZO FRANCESCO (ALBINOLEFFE S.R.L.)
SCOGNAMILLO STEFANO (AVERSA NORMANNA S.R.L.)
RADI ALESSANDRO (BARLETTA CALCIO S.R.L.)
MARANO FRANCESCO (CASERTANA S.R.L.)
RUSSOTTO ANDREA (CATANZARO CALCIO 2011 SRL)
LUCIANI ALESSIO (GUBBIO 1910 S.R.L.)
MANGANELLI PIETRO (GUBBIO 1910 S.R.L.)
BULEVARDI DANILO (ISCHIA ISOLAVERDE S.R.L.)
BENEDETTI AMEDEO (LUMEZZANE S.P.A.)
PERRULLI GIAMPIETRO (LUPA ROMA F.C. S.R.L.)
DI SANTANTONIO ENZO (MANTOVA FC SRL)
CAPOGROSSO GAETANO (PORDENONE CALCIO S.R.L.)
CAFIERO CLAUDIO (S.E.F. TORRES 1903 S.R.L.)
SILVESTRI TOMMASO (S.P.A.L. 2013 S.R.L.)
FERRERO VITTORIO (SAN MARINO CALCIO S.R.L.)
CENCIARELLI DIEGO (TERAMO CALCIO S.R.L.)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (III INFR):
MARCONI MICHELE (ALESSANDRIA CALCIO1912SRL)
GAMBADORI ALESSANDRO (AREZZO S.R.L.)
CARDORE ANTONIO (AVERSA NORMANNA S.R.L.)
PALAZZOLO NICOLO (BARLETTA CALCIO S.R.L.)
QUADRI ALBERTO (BARLETTA CALCIO S.R.L.)
BIZZOTTO NICOLA (BASSANO VIRTUS 55 ST SRL)
ALFAGEME LUIS MARIA (BENEVENTO CALCIO S.P.A.)
MAIORANO STEFANO (CATANZARO CALCIO 2011 SRL)
CAPONI ANDREA (CITTA’ DI PONTEDERA S.R.L.)
PAPARUSSO DANIELE (CITTA’ DI PONTEDERA S.R.L.)
BRACALETTI ANDREA (FERALPISALO’ S.R.L.)
RANELLUCCI ALESSANDRO (FERALPISALO’ S.R.L.)
TANTARDINI RICCARDO (FERALPISALO’ S.R.L.)
AGNELLI CRISTIAN ANTONI (FOGGIA CALCIO S.R.L.)
QUINTO MARCELLO (FOGGIA CALCIO S.R.L.)
TAGLIANI MASSIMILIANO (FUSSBALLCLUB SUDTIROL SRL)
BIRAGHI MARCO (GIANA ERMINIO S.R.L.)
FORMICONI GIOVANNI (GROSSETO F.C. S.R.L.)
TORROMINO GIUSEPPE (GROSSETO F.C. S.R.L.)
MIGLIORINI MARCO (JUVE STABIA S.R.L.)
DEL PINTO LORENZO (L’AQUILA CALCIO 1927 SRL)
MACCARRONE GIORDANO (L’AQUILA CALCIO 1927 SRL)
CALCAGNI RICCARDO (LUCCHESELIBERTAS1905 SRL)
LO SICCO FABRIZIO (LUCCHESELIBERTAS1905 SRL)
SAID SAID AHMED (MANTOVA FC SRL)
TORTORI LORIS (MELFI S.R.L.)
CALAMAI MATTEO (PAGANESE CALCIO 1926 SRL)
VINCI ALESSANDRO (PAGANESE CALCIO 1926 SRL)
DICUONZO STEFANO (PISA 1909 S.S.AR.L.)
FALZERANO MARCELLO (PISTOIESE 1921 S.R.L.)
GHIDOTTI DANIELE (PRATO SPA)
TOGNI ROMULO EUGENIO (S.P.A.L. 2013 S.R.L.)
FAVASULI FRANCESCO (SALERNITANA 1919 S.R.L.)
OLIVI SAMUELE (SANTARCANGELO CALCIO SRL)
SCICCHITANO ANDREA (SANTARCANGELO CALCIO SRL)
GIORGIONE CARMINE (SAVONA F.B.C. S.R.L.)
FALIVENA ROBERTO (TUTTOCUOIO 1957 S.M. SRL)
FRANCHINI RAFFAELE (UNIONE VENEZIA S.R.L.)
SALES SIMONE (UNIONE VENEZIA S.R.L.)
ZACCAGNI MATTIA (UNIONE VENEZIA S.R.L.)

da tuttolegapro.com

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

CHE HA FATT U FOGG? FOGGIA – CATANZARO

foggiaweb.it/foggiacalcio

Buonasera a tutti voi disadattati che ci seguite fin da quando facevamo le scuole medie alla Murialdo.
Eccoci con il consueto delirio post domenicale con “Che ha fatt u Fogg?” che ha visto i rossoneri affrontare la corazzata Catanzaro…corazzata mo…corazzata p dic.
Probabilmente alla vigilia tutti avremmo firmato per il pareggio, ma visto che la maggiorparte di voi a stento sa fare la “o” col bicchiere, figuriamoci se volevate firmare, anè!
Comunque passiamo alla cronaca nuda e cruda.
Calcio d’inizio puntuale alle ore 18:00 e puntuali gasteme per ogni buffer di Sportube.
Parte la prima frazione e gli undici di De Zerbi si rivelano stanchi ed impacciati tanto che Rabbaglietti deve a più riprese correre in soccorso dei rossoneri che a turno collassano a causa dei postumi dello sfracanatorio organizzato da Quinto a Libanese per i suoi 29 anni.
Il Catanzaro prova ad approfittare della situazione ed infatti al 25′ del primo tempo Russotto entra con decisione fra le grazie di Potenza che dopo essere stato deflorato si innamora di lui e lo abbraccia in area proponendogli di andare a vivere assieme. Per l’arbitro non ci sono dubbi: Potenza è ricchione e calcio di rigore per il Catanzaro trasformato dalla stessa ala calabrese.
Il Foggia prova una timida reazione con i suoi attaccanti, ma riesce ad impensierire Scuffia solo al 43′ quando Sarno si libera di una tiella e mezza di fagioli con le cotiche prima di sparare in curva il pallone del possibile 1-1.
Temina il primo tempo col Foggia in svantaggio ma l’intervallo consegna un Foggia completamente traformato.
Il Foggia ora ci crede.
Gerbo dall’alto della sua terza elementare serale comincia a macinare gioco.
Sarno si accende a sprazzi, ma quando lo fa regala dei colpi d’alta scuola come quando salta un paio di uomini con la suola mentre mangia un tangone di pane con la frittata di cipolle.
Bencivenga percorre la fascia destra come un treno infatti fa gastimare i morti ai presenti perchè è sempre in ritardo.
Al 55′ il momento topico della gara. Cavallaro non si accorge che quello affianco a lui è Agostinone e nella fretta gli passa il pallone. Allo Zaccheria nessuno può credere ai propri occhi: Iemmello per lo stupore comincia a parlare in sette lingue diverse spargendo il dono dello Spirito Santo in tutta la Capitanata, Leonetti per lo spavento comincia ad usare nelle frasi il congiuntivo e Sicurella comincia ad offrire caffè a tutti i presenti.
Accortosi dell’errore madornale Cavallaro corre subito a confessarsi ed il prete come penitenza gli requisisce il pallone con cui va a nanna.
Qualche minuto più tardi è Gerbo a non poter più trattenere tutta la sua commozione cadendo in ginocchio dopo l’apparizione di Cavallaro in una veste candida che gli sussurra che un giorno non molto lontano avrebbe passato il pallone anche a lui.
De Zerbi allora inserisce D’Allocco che dieci minuti più tardi mette al centro un cross più prevedibile di una brutta notizia su FoggiaToday. I difensori giallorossi però cadono in uno stato di trance alla visone di Cavallaro che passava la palla anche a loro così Iemmello non deve fare altro che menare una capozzata e due castagnoni al pallone per il meritatissimo pareggio del Foggia.
De Zerbi prova il tutto per tutto per raggiungere la vittoria ed inietta il virus dell’ebola a Bencivenga in modo da poterlo sostituire con la velina bionda Loiacono. E’ proprio dai suoi tacchi a spillo che parte un diagonale che fa la barba al palo e si va a spegnere fra nu murt e nu chitemmurt della platea dauna.
L’ultima emozione della gara la regala ancora Iemmello sullo scadere che si libera con un omicidio del suo diretto avversario ma non riesce ad angolare a sufficienza per regalare il gol vittoria ai rossoneri.
La partita finisce con un pareggio che lascia l’amaro in bocca anche se fondamentalmente, analizzando bene la gara…analizzando u cazz…l’avemma venG e bast…
Prima di concludere la cronaca volevamo lanciare un messaggio in faccia a Bencivenga…non ci volere male se sembra che ti abbiamo preso di mira…questo è un metodo scientifico e funziona davvero…basta solo applicarsi e fare un bonifico settimanale di 19,95 euro sul nostro IBAN ed i risultati sono assicurati.
Per info manda un e-mail a metodoagostinone@funzionadavveramende.com
Me giovani pure per oggi è tutto…mi vado a mangiare due bastonGini Findus…
POC

da Giovane Avasc’ a bandir – Pagina facebook

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

LOIACONO: “FORSE CI MANCA QUALCHE PUNTO MA DOBBIAMO CONTINUARE COSÌ”

foggiaweb.it/foggiacalcio

Ecco le parole del difensore rossonero Giuseppe Loiacono in conferenza stampa:

“A prescindere dal ruolo quello che interessa è poter giocare. Ultimamente è da parecchio che gioco difensore centrala ma in terzino ho giocato in terzino quindi mi trovo bene.

Il ballottaggio c’è in qualsiasi squadra e la rivalità tra compagni è giusto che ci sia. Il rapporto in squadra al di fuori dal campo è comunque buono.

Il campionato fin qui sta andando bene ed è normale che uno più gioca e più sta bene.

Mi dispiace perché non abbia fatto gol però sono contento di aver avuto quell’occasione, purtroppo non è andata a buon fine. C’è un po di rammarico perché abbiamo fatto un gran secondo tempo.

Il primo tempo per una ventina di minuti hanno giocato più loro, sono stati superiori a noi. Per il resto però abbiamo creato molto e abbiamo saputo giocare una buona partita.

Tutto sommato stiamo andando abbastanza bene perché la squadra sta venendo fuori sta esprimendo un buon calcio forse ci manca di vincere qualche partita in più.

Avremmo potuto avere qualche punticino in più, un pò per sfortuna un pò per mancanza di cattiveria sotto porta però stiamo andando bene ed è importante continuare per questa strada.

Per un giocatore l’autostima è molto importante, essendo la prima esperienza in lega pro unica è un buon percorso per un giocatore. Spetta a me mettermi in mostra.

E un campionato abbastanza difficile perché ci sono molte squadre forti con giocatori di categoria superiore. Però è anche un campionato bello perché ti permette di confrontarti con giocatori importanti.

Dietro mi porto un esperienza molto bella, è il terzo anno, mi sento a casa e sono contento di far parte ancora per un altro anno di questa squadra.

Spero che continuiamo a scalare di anno in anno una categoria.

Ho fatto già il terzino a Pagani, abbiamo un gioco abbastanza offensivo, il ruolo di terzino è bello se fatto bene perché ti consente di partecipare all’azione offensiva ma soprattutto difendere. Bisogna avere tanta corsa e il senso della posizione.

Mi aspetto di continuare a giocare con continuità e spero che continuiamo così e spero possiamo disputare un ottimo campionato.

Per il momento guardiamo partita dopo partita e l’obbiettivo principale è salvarci dopo di quello possiamo puntare più in alto.

Il Messina è un ottima squadra, loro entreranno in campo per vincere ma noi dovremmo fare altrettanto perché anche per noi è importante il risultato”.

Attilio Scarano da Calciofoggia

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

MESSINA-FOGGIA A CARLO AMOROSO DI PAOLA

foggiaweb.it/foggiacalcio

Ecco le designazioni arbitrali dell´11° turno del campionato di Lega Pro girone C:

MESSINA – FOGGIA
Carlo Amoroso di Paola (Genny Sbrescia di Castellammare di Stabia – Alfonso Annunziata di Torre Annunziata)

BENEVENTO – VIGOR LAMEZIA
Antonio Rapuano di Rimini (Francesco Gnarra di Siena – Fausto Rugini di Siena)

CASERTANA – ISCHIA ISOLAVERDE
Luca Massimi di Termoli (Alessio Giacomozzi di Fermo – Manuel Giuliani di Teramo)

JUVE STABIA – LUPA ROMA
Alessandro Prontera di Bologna (Nazzareno Manco di Vibo Valentia – Valerio Vecchi di Lamezia Terme)

LECCE – COSENZA
Enzo Vesprini di Macerata (Pierluigi Della Vecchia di Avellino – Roberto Pepe di Ariano Irpino)

MARTINA FRANCA – MELFI
Daniele Martinelli di Roma 2 (Graziano Vitaloni di Jesi – Salvatore Claudio Defina di Cesena)

MATERA – SALERNITANA
Andrea Morreale di Roma 1 (Andrea Cordeschi di Isernia – Stefano Cordeschi di Isernia)

PAGANESE – BARLETTA
Stefano Giovani di Grosseto (Antonio Quitadamo di Modena – Andrea Costantini di Pescara)

REGGINA – AVERSA NORMANNA
Matteo Proietti di Terni (Pietro Guglielmi di Albano Laziale – Agostino Maiorano di Rossano)

CATANZARO – SAVOIA
Marco Serra di Torino (Michele Grossi di Frosinone – Daniele Stazi di Ciampino)

da Calciofoggia

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

VIDEO-PARLA LOIACONO

foggiaweb.it/foggiacalcio

Ecco il video delle parole del difensore rossonero Giuseppe Loiacono in conferenza
stampa:

Attilio Scarano da Calciofoggia

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

GIUDICE SPORTIVO: IN DIFFIDA AGNELLI E QUINTO, NEL MESSINA SQUALIFICATO BUCOLO

foggiaweb.it/foggiacalcio

Nel pomeriggio è stato diramato il comunicato del Giudice Sportivo: per i rossoneri entrano in diffida il capitano Cristian Agnelli ed il play Marcello Quinto. Agostinone subisce invece la sua prima ammonizione.

Il Messina, prossimo avversario dei rossoneri, dovrà fare a meno del centrocampista Bucolo, che nel corso della partita pareggiata 0-0 contro il Melfi ha ricevuto il suo 4° cartellino giallo stagionale.

da Calciofoggia

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Lega Pro, la Top 11 del girone C

foggiaweb.it/foggiacalcio

Nel girone C è stata la giornata del Benevento: l’undici giallorosso di mister Brini ha infatti vinto domenica ad Aversa (Scognamiglio e Campagnacci in rete), conoscendo già il risultato della Salernitana che aveva perso in casa col Lecce due giorni prima.

C’è però bagarre tra il primo e l’ottavo posto: i sanniti hanno tre punti di vantaggio sulla seconda, e quattro sull’ottavo posto la cui occupante ha 18 punti. Vincono anche la Juve Stabia a Cosenza, il Matera a Barletta, e il Lamezia per 4-0 nel derby sulla Reggina.

La Lupa Roma, che ha pareggiato con la Casertana, non è lontanissima, mentre il Foggia, reduce dall’ennesimo pareggio (ottenuto col Catanzaro) è decimo in graduatoria. Nella parte destra della graduatoria il Martina raggiunge la seconda vittoria consecutiva sul campo del Savoia ed esce dalla zona play-out, la Paganese resta imbattuta col nuovo tecnico Sottil e vince a Ischia, mentre il Melfi non riesce a vincere contro il Messina: l’undici di Bitetto si assomiglia praticamente alla Carrarese del girone B per l’elevata propensione ai pareggi.

Nella decima giornata i gol segnati sono ben 21, 6 sono le vittorie in trasferta e una sola invece in casa, quella raggiunta dai lametini contro i reggini. La classifica sembra divisa in due tronconi, basti pensare che tra la nona in classifica e la dodicesima ci sono ben 8 punti. Ecco la formazione della settimana del girone C.

PORTIERE

Nicola Ravaglia (Cosenza): risulta essere il migliore della sua squadra per alcune parate compiute. La sua squadra avrebbe potuto incassare quattro gol, invece ne prende solo uno.

DIFENSORI

Gennaro Scognamiglio (Benevento): lo stopper riesce a domare senza grosse difficoltà gli attaccanti dell’Aversa Normanna, anzi, segna egli stesso il primo gol.

Fabiano Medina da Silva (Martina): non solo vince molti contrasti, ma realizza la rete del momentaneo pareggio a Torre Annunziata. Questo darà più vigore ai suoi.

Pietro Cascone (Lupa Roma): spesso chiamato a chiudere sugli attaccanti della Casertana che sono molto agili e veloci. Non facile una sua scivolata a metà del secondo tempo.

CENTROCAMPISTI

Eric Herrera (Paganese): era un acquisto indovinato nella squadra di Cuoghi, e anche per Sottil è un punto fermo. Da centrocampista segna due reti e aiuta la squadra.

Giampietro Perrulli (Lupa Roma): disputa un’ottima partita come pure Raffaello, l’autore della rete. Il capitano però prova più volte a fare gol.

Fabio Caserta (Juve Stabia): la partita era difficile. Contro il Cosenza capisce che deve anche dare una mano all’indietro e difatti si abbassa molto.

Abdou Doumbia (Lecce): tatticamente irreprensibile contro la Salernitana l’esterno di origine africana. Realizza anche il gol della sicurezza.

ATTACCANTI

Stefano Del Sante (Vigor Lamezia): due gol alla Reggina non se ne vedono sempre, comunque il primo lo segna con un tiro molto insidioso e preciso. Nulla da fare per Kovacsik.

Alessio Campagnacci (Benevento): abile a superare l’uomo sulla fascia sinistra e a convergere verso l’area aversana per il suo primo gol in campionato.

Francesco Bombagi (Juve Stabia): indovina un gran gol nel giorno della sua migliore partita con la maglia gialloblù. Potrebbe diventare più continuo nel rendimento.

L’ALLENATORE

Fabio Brini (Benevento): la sua squadra merita di essere da sola in testa alla classifica, e soprattutto è sempre imbattuta. Se continuerà così, l’ex carpigiano non solo potrà condurre Benevento sportiva alla B, ma sarà l’allenatore più longevo del Benevento Calcio dalla sua fondazione.

da Foggia Calcio

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

RIVEDI LA PUNTATA DI ´ZA FÒ

foggiaweb.it/foggiacalcio

Nel video, per tutti i gentili telespettatori che vogliano rigustarla o per chi segue le vicende del Foggia da un´altra città, la 10^ puntata della trasmissione del lunedì, di Lello Scarano “´za Fò”.

Con gli ospiti si è parlato del pareggio per 1-1 casalingo del Foggia contro il Catanzaro, della situazione societaria con l´Amministratore Delegato del Foggia Calcio Davide Pelusi, e della situazione dei rossoneri e del calciomercato nazionale e internazionale con Daniele Campaniello della “Di Campli Management”.

In studio: Armando Borrelli, Alberto Mangano, Romano Bucci, Daniele Campaniello, Davide Pelusi e Miss Rossonera Portamento 2014 Maria Pompea Terlingo.

Armando Borrelli da Calciofoggia

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

SAVOIA, C´È LA FIRMA DI UGOLOTTI

foggiaweb.it/foggiacalcio

Summit concluso e firma sul contratto: Guido Ugolotti è il nuovo allenatore del Savoia. Il tecnico romano nel pomeriggio guiderà il primo allenamento della formazione campana.

da tuttolegapro.com

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

L’analisi (semiseria) del giorno dopo: Foggia – Catanzaro

foggiaweb.it/foggiacalcio

Sesto risultato utile consecutivo per i monelli di De Zerbi. Foggia e Catanzaro non vanno oltre l’uno ad uno, due estorsioni e quattro stupri.

A parte qualche uscita alla Damiano Milan buona prestazione per Narciso (parole di burro), decisivo in un paio di occasioni. Gigliotti e Potenza, nonostante fossero di ritorno da un rave all’ Old River di Grenoble, sono riusciti a mantenere la calma, senza scivolare in fastidiosi tic ed occhi amaranto post MD.

Il fatto che Loiacono, subentrato a Bencivenga, abbia giocato meglio del numero due è la maniera più cattiva per sottolineare la malvagia prestazione del terzino titolare, che, dopo il pesante insulto ricevuto dal compagno Agostinone (sufficiente), “sei il Camoranesi dell’Eurospin”, ha abbandonato il campo piangendo.

Solitamente sbrana gli avversari, questa volta, invece, si è fatto male lui. Buona guarigione Rudy Gerbo, adesso insegna ai tuoi compagni come si ingrassa senza giocare mangiando il grano cotto . Quando si tratta di impostare il gioco Agnelli e Quinto si agitano manco dovessero sostenere gli esami di maturità. Mimì e Cocò bisticciano spesso, perché Marcello vorrebbe i capelli di Cristian e Cristian l’altezza di Marcello. Alla fine si risolve tutto alla ghiacciaia, dopo la quarta peroni.

Insufficiente Cavallaro, troppo prevedibile. Sarno, che finalmente sembra un calciatore, è risultato probabilmente il migliore in campo, assieme al centravanti Iemmello, catanzarese doc, gol pesante per lui. Esultare in circostanze del genere sarebbe quasi offensivo, soprattutto se hai investito i risparmi della vita nella ‘ndrangheta ed hai sepolto due cadaveri sotto il manto della Salerno – Reggio Calabria.
da Foggiacalciomania

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

STATISTICHE E CLASSIFICHE DOPO LA 10^ GIORNATA

foggiaweb.it/foggiacalcio

Il 10° turno del campionato di Lega Pro girone C ci regala 1 sola vittoria casalinga, 3 pareggi e ben 6 vittorie esterne.

Le reti realizzate sono state 21, 4 in meno rispetto al 9° turno.
Le squadre ospitate hanno messo a segno 11 reti contro i 10 siglati dalle formazioni casalinghe.
La media/gol partita è stata di 2,1.

Anche in questo turno presente un autogol: a battere il proprio portiere è stato Crescenzi della Reggina.
Ancora una volta sono due le doppiette: hanno potuto gioire per una doppia realizzazione Herrera della Paganese e Del Sante del Lamezia.
Assente invece in questo turno la tripletta.

4 i calci di rigore decretati in questo turno, 1 in meno rispetto al precedente: hanno battuto i portieri avversari Carrozza del Lecce e Russotto del Catanzaro; hanno invece veduto il loro tentativo si esecuzione non andare a buon fine Mosciaro del Cosenza e Scarpa del Savoia.

Diminuiscono le ammonizioni che passano da 53 a 46.

Stesso andamento anche per le espulsioni che passano da 6 a 2, stesso numero del 7° turno, entrambe per doppia ammonizione: hanno dovuto abbandonare in campo Arcidiacono del Martina e Vacca del Catanzaro.

Classifica:
22 punti: Benevento;
19 punti: Juve Stabia, Salernitana;
18 punti: Matera, Lamezia, Casertana, Catanzaro, Lecce;
17 punti: Lupa Roma;
14 punti: Foggia (-1);
12 punti: Messina;
9 punti: Martina, Paganese;
8 punti: Melfi, Barletta;
7 punti: Savoia, Ischia, Cosenza;
5 punti: Reggina (-4);
4 punti: Aversa

Classifica marcatori:
6 gol:
Insigne (Reggina);
5 gol:
Russotto (4 rig.) (Catanzaro);
Iemmello (Foggia);
Del Sante (1 rig.) (Lamezia);
4 gol:
De Vena (3 rig.) (Aversa Normanna);
Montalto (2 rig.) (Martina);
Iannini (Matera);
Corona (1 rig.) (Messina);
Calil (1 rig.) (Salernitana);
3 gol:
Floriano (Barletta);
Eusepi (2 rig.), Marotta (Benevento);
Bianco, Cissè (Casertana);
Calderini (1 rig.) (Cosenza);
Cavallaro (Foggia);
Ciotola (1 rig.), Ingretolli (Ischia);
Di Carmine (1 rig.), Ripa (1 rig.) (Juve Stabia);
Montella, Scarsella (Lamezia);
Moscardelli (Lecce);
Raffaello (Lupa Roma);
Letizia (1 rig), Madonia (Matera);
Caccavallo (1 rig.) (Paganese);
Mendicino, Negro (Salernitana);
2 gol:
Cicerelli (Aversa Normanna);
Scognamiglio (Benevento);
Diakitè, Idda (Casertana);
Barraco, Kamara, Pagano (Catanzaro);
Cori (Cosenza)
Agnelli, Gigliotti (Foggia);
Romeo (Juve Stabia)
Improta (Lamezia);
Doumbia, Miccoli (Lecce);
Tajarol, Testardi (Lupa Roma);
Arcidiacono (1 rig.), Carretta, Pellecchia (Martina);
Mucciante (Matera);
Caturano, Fella, Giacomarro (Melfi);
Orlando (Messina);
Herrera (Paganese);
Nalini (Salernitana);
Di Piazza, Sanseverino (Savoia);
1 gol:
Carbonaro, Ndiyae (Aversa Normanna)
Branzani, Palazzolo, Redi (1 rig.) (Barletta);
Alfageme, Campagnacci, Doninelli, Marotta (Benevento);
Antonazzo, Alessandro, Cruciani, Mancino, Mancosu, Murolo (Casertana);
Martignago, Pacciardi, Pagano (1 rig.), Silva Reis, (Catanzaro);
Magli, Mosciaro (1 rig.) (Cosenza);
Schetter (Isc);
Bombagi, Caserta, Contessa, Osei, Vella (Juve Stabia);
Voltasio (Lamezia);
Carrozza (1 rig.), Della Rocca, Papini, Sacilotto, Salvi (Lecce);
Cascone, Celli, Cerrai, Leccese, Malatesta (Lupa Roma);
Caruso, Fabiano, Patti (Martina);
Albadoro; Cuffa, Di Noia (Matera);
Berardino, Tortori (Melfi);
Nigro, Pepe, Stefani (1 rig.) (Messina);
De Liguori, Deli (Paganese);
Armellino, Louzada (Reggina)
Gabionetta (1 rig) (Salernitana);
Checcucci, Cremaschi, Rinaldi, Scarpa (Savoia)

Classifica autogol:
1 autogol:
Ciancio, Saracco (Cosenza);
Loiacono (Foggia);
Coletti (Matera);
Armenise (Paganese);
Crescenzi (Reggina);
Checcucci (Savoia)

Armando Borrelli da Calciofoggia

Pubblicato in Lega Pro | Lascia un commento

ESONERATO BUCARO, RESCISSIONE PER CAPPELLACCI

foggiaweb.it/foggiacalcio

Saltano altre due panchine in Lega Pro: dopo l´esonero di Cuoghi da parte della Paganese e Novelli dell´Aversa qualche settimana fa, arriva la notizia dell´esonero dalla panchina del Savoia di Giovanni Bucaro dopo la sconfitta casalinga per 2-1 subita in rimonta, con l´errore di Scarpa dal dischetto, contro il Martina.
A momenti dovrebbe arrivare anche la rescissione di Roberto Cappellacci con il Cosenza: al tecnico di Giulianova, che aveva un contratto fino al termine della prossima stagione (giugno 2016), è stata fatale la sconfitta per 1-0 contro la Juve Stabia, anche in questo caso con un rigore decisivo sbagliato a pochi minuti dal termine da parte di Mosciaro.

Armando Borrelli da Calciofoggia

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Libro e mostra dei fratelli Ognissanti sul calcio sipontino

foggiaweb.it/foggiacalcio

Quando a Novembre del 2002 terminò la conferenza stampa di presentazione del primo volume “70 anni di emozioni”, tutti eravamo convinti di vedere il secondo nel giro di un anno, anche perché sapevamo che un buon 80% del materiale era già a disposizione degli autori.

Ed invece sono passati dieci anni, abbiamo festeggiato l’80° compleanno della nostra beneamata, e nel frattempo è avvenuto qualcosa di impensabile: siamo stati in C2 e poi in C1, c’è stato un fallimento e siamo ripartiti dall’Eccellenza per poi arrivare di nuovo in D.

Purtroppo in dieci anni si è bruciato quanto si potrebbe realizzare almeno in mezzo secolo di vita di un sodalizio sportivo. Ma i problemi che attanagliano il calcio sono enormi: dieci anni fa c’era maggiore propensione ad investire, ora siamo alle prese con una grave recessione che mette a repentaglio qualsiasi tipo di investimento. Con questo volume dal titolo ironico “Manfredonia nel Pallone” i curatori, ancora una volta, sono riusciti a pubblicare del materiale inedito sul football sipontino.

E’ un libro dove si mettono in evidenza le gesta di atleti, ormai attempati, i quali hanno sentito il bisogno di comunicare sensazioni, episodi e vicende, che altrimenti avrebbero preso la strada del dimenticatoio se non fossero state pubblicate in questo racconto lungo quasi trent’anni e che va dal 1941 al 1972, per 304 pagine formato 21 x 29,7.

Non è stato facile per i fratelli Giovanni e Giuseppe Ognissanti avventurarsi in uno spaccato di storia locale, perché la silloge che hanno proposto non narra solo delle vicende calcistiche, ma vicende di una comunità, la quale nel periodo che è stato preso in considerazione, si è trasformata, forse irrimediabilmente, da paesino di provincia a città pulsante ed economicamente avanzata, accettando a volte scelte dall’alto che hanno compromesso l’ambiente ed il territorio.

Ma è stato anche il periodo di scelte urbanistiche che hanno devastato il centro storico, demolendo palazzi antichi, costruendo laddove non si poteva, e nello stesso tempo, grazie a questo “risveglio” economico, si è riusciti anche a finanziare la formazione calcistica locale. Il rovescio della medaglia della crescita è stato il voltare le spalle alla storia patria e alla cultura. Questo libro vuole essere pertanto, un omaggio ad una Manfredonia che non c’è più, viepiù essere un punto di partenza per chi volesse intraprendere la strada di approfondire le “cose” di “casa nostra”.

“Manfredonia nel pallone” è in definitiva l’esaltazione dell’elemento giovanile locale che si slancia a partire dai primi anni ’50; è quindi l’omaggio ad una generazione, anche di calciatori forestieri, che hanno trovato nei colori bianco-azzurri, la loro esaltazione, ma anche la realizzazione dei loro sogni, con l’affermarsi anche delle singole personalità nell’esperienza di vita nella città sipontina.

La pubblicazione è disponibile presso tutte le librerie di Manfredonia. Per quanto riguarda la mostra fotografica, l’evento si svolgerà in collaborazione del Circolo Unione di Manfredonia, che nella persona del Presidente, dott. Pio Longo, ha accolto con entusiasmo l’invito dei curatori. L’inaugurazione avverrà Lunedì 3 novembre presso il chiostro di Palazzo San Domenico a Manfredonia, in Piazza del Popolo, e rimarrà aperta fino al 9 novembre. Gli orari per la visita sono dalla 18.00 alle 20.00. …Ed ora non ci resta che aspettare il terzo ed ultimo volume.

da Manfredoniatv

Pubblicato in Serie "D" girone H | Contrassegnato | Lascia un commento

L’analisi della decima giornata: Benevento in fuga. Paganese e Martina accendono la bagarre in coda

foggiaweb.it/foggiacalcio

Dopo nove turni di sostanziale equilibrio, il Benevento stacca il proprio vagone dal resto del treno e parte solitario in fuga.

I sanniti, approfittando dello scivolone della Salernitana, che in quel dell’Arechi resta vittima di un notevole abbaglio, si portano a tre lunghezze dalle inseguitrici, espugnando il Bisceglie di Aversa grazie alle reti di Campagnacci e Scognamiglio.

Nell’anticipo di venerdì sera, i granata si fanno valere solo nei primi 45 minuti di gara, passando in vantaggio con Calil, ma nella ripresa lasciano testa e gambe negli spogliatoi subendo la rimonta dei salentini.

Con la sconfitta interna gli uomini di Menichini si ritrovano a condividere la seconda posizione con la Juve Stabia, la quale a sua volta, nella giornata di sabato, è artefice di una discreta prestazione al San Vito di Cosenza, da cui viene fuori col bottino pieno.

Ritornano a far paura anche Matera e Lamezia: i lucani, dopo il K.O del Franco Salerno, trovano la vittoria sull’ostico campo di Barletta, consegnando i pugliesi alla zona retrocessione; non c’è storia invece al D’Ippolito di Lamezia, dove i biancoverdi calano un pesantissimo poker nel derby calabrese e mandano in crisi la Reggina di Ciccio Cozza.

E’ solo pari tra Lupa Roma e Casertana, al gol di Raffaello rispondono i campani con Diakite, accodandosi alla lunga fila di compagini stanziate a quota 18 punti. Tra queste figura anche il Catanzaro, che allo Zaccheria di Foggia mette in mostra tutta la propria forza, ma getta la vittoria nell’ultima parte di gara, facendosi raggiungere da un gol di Iemmello.

Gioiscono Paganese e Martina che balzano fuori dalla zona nevralgica della classifica. Gli azzurrostellati trovano la seconda vittoria stagionale nel derby dell’isola verde, la prima dell’era Sottil: un super Herrera castiga due volte gli isolani, che non riescono ad obliare il passivo.

Al Martina, invece, va il merito di aver lottato fino alla fine: i pugliesi non si arrendono al vantaggio degli oplontini ed espugnano il Giroud, rimasto in piedi fino ad un quarto d’ora dalla fine, quando a quel punto si ritrova costretto a capitolare sotto i colpi di Fabiano e Arcidiacono.

Se Paganese e Martina, con le succitate vittorie, vengono momentaneamente fuori dai guai, Ischia e Savoia cadono pericolosamente in basso, con l’aggravante di un calendario non molto favorevole che si profila ai loro orizzonti. Pareggio a reti bianche, infine, per Melfi e Messina, che, alla luce degli altri risultati, non fa male a nessuna delle due compagini.

da Lega Pro

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Lega Pro Girone C: i numeri della decima giornata

foggiaweb.it/foggiacalcio

Un quarto di campionato è volato via e la certezza è una sola: questo è un torneo equilibratissimo. Con la sconfitta di venerdì la Salernitana ha perso in un colpo solo imbattibilità e primato ed ora è seconda a pari punti con la Juve Stabia a quota 19.

Curiosamente sia i granata che le vespe hanno lo stesso numero di partite vinte (5), lo stesso numero di segni X (4), lo stesso numero di sconfitte (1), lo stesso numero di gol fatti (13) e anche lo stesso numero di gol subiti (9).

Può sembrare una coincidenza ma forse non è così. Solo due settimane fa, infatti, alla vigilia di Benevento-Salernitana, i numeri delle due squadre coincidevano. Questo è il sintomo di un campionato molto difficile ed equilibrato in cui anche due sole vittorie consecutive possono allargare la forbice tra una squadra e un’altra.

Dopo dieci giornate è il Benevento a guardare tutti dall’alto. La squadra di Brini è ancora imbattuta e approfitta dello stop della Salernitana per provare la fuga: i giallorossi sono a +3 sulla coppia inseguitrice e, come abbiamo detto, potrebbe essere già un vantaggio importante.

Dopo il Benevento ci sono nove squadre in cinque punti. Dalla Salernitana a quota 19, fino al Foggia decimo con 14 punti, tutte possono dire la loro per la promozione. Lecce, Matera, Casertana, Catanzaro e la Vigor Lamezia del salernitano Erra sono tutte incredibilmente a quota 18, a solo un punto dai granata.

Leggermente più staccata c’è la Lupa Roma che con i suoi 17 punti occupa la nona posizione. È incredibile come la Salernitana, seconda in classifica ma per gran parte del campionato capolista, si trovi solamente a due punti dal nono posto.

Nel girone B il Pisa, quarto, ha 16 punti. È un dato che interessa molto da vicino la Salernitana perché oggi la quarta del girone C, scegliamo il Matera per differenza reti, è a 18 punti. In questo momento, quindi, anche la quarta posizione regalerebbe un ticket per la post season.

Nell’altro campionato del girone meridionale, quello per evitare la retrocessione in D, la lotta, se possibile è ancora più incerta. L’Aversa Normanna con i suoi 4 punti occupa l’ultima posizione e neanche l’avvicendamento in panchina ha portato frutti. Gli aversani in questo momento hanno trovato difficoltà maggiori rispetto alle altre ma la loro stagione non può dirsi ancora compromessa. Una sola vittoria, infatti, proietterebbe i granata al 16° posto, lasciandosi dietro, quindi, quattro posizioni.

Come è possibile? Semplice, anche nella parte destra della classifica tutte le squadre sono divise da pochi punti. Dal Martina Franca dodicesimo alla Reggina penultima ci sono solo quattro punti di differenza. In mezzo Paganese, Melfi, Barletta, Ischia, Savoia e Cosenza, tutte nel giro di due punti.

Incredibile il campionato del Melfi ancora a secco di vittorie ma quasi imbattibile: due sole sconfitte e ben otto i pareggi. Solo una squadra in questo momento sembra non essere né in Paradiso né in Inferno: è il Messina di Grassadonia che con i suoi dodici punti è tranquilla in Purgatorio, undicesima. Un quarto di campionato è passato e l’equilibrio regna sovrano: ora la Salernitana è attesa da un ciclo terribile, uscire indenni e arrivare alla pausa lunga in zona playoff potrebbe regalare un Natale più sereno ai tifosi del cavalluccio.

QUESTA LA CLASSIFICA DEL GIRONE C DOPO 10 GIORNATE:

Benevento 22, Salernitana 19, Juve Stabia 19, Matera 18, Lecce 18, Vigor Lamezia 18, Casertana 18, Catanzaro 18, Lupa Roma 17, Foggia 14, Messina 12, Martina Franca 9, Paganese 9, Melfi 8, Barletta 8, Savoia 7, Ischia 7, Cosenza 7, Reggina 5*, Aversa 4. (*penalizzata di 4 punti)

da Foggia Calcio

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

TOP 11 GIRONE C DI CALCIOFOGGIA (10A GIORNATA)

foggiaweb.it/foggiacalcio

Ecco quali sono, nel dettaglio, i migliori undici calciatori del girone C di Lega Pro nella decima giornata appena conclusa:

Pisseri (Cosenza-Juve Stabia 0-1): Prestazione da incorniciare per l’estremo difensore della Juve Stabia. Un paio di parate importanti nel primo tempo poi, al 34° del secondo tempo, calcio di rigore per il Cosenza: sul pallone va Mosciaro che incrocia col destro ma Pisseri è bravissimo a parare il penalty e a salvare sulla successiva conclusione ravvicinata di Tortolano.
Contessa (Cosenza-Juve Stabia 0-1): Arriva con grande frequenza sul fondo creando spesso disagi alla difesa di casa sull’out mancino. In particolare è protagonista di un’azione superlativa: dalla sinistra si accentra, supera due avversari in dribbling e conclude con un grande tiro a giro che si stampa sulla traversa.

Scognamiglio (Aversa-Benevento 0-2): Ha grande merito di segnare il gol del vantaggio del Benevento con una zampata che anticipa il portiere a pochi metri dalla linea di porta. Mette, quindi, in discesa la gara contro l’Aversa, per il resto, gioca una partita molto solida anche perché De Vena e compagni non gli creano particolare problemi.
Filosa (Lamezia-Reggina 4-0): Strappa molti applausi dal pubblico di casa grazie ad una serie di interventi difensivi tempestivi ed eleganti. Dalle sue parti non si passa: non essendo velocissimo spesso ci mette l’esperienza, ma riesce comunque ad annullare ed ammansire Insigne e Masini.

Checcucci (Savoia-Martina 1-2): Dimostra grande freddezza siglando la rete del momentaneo vantaggio del Savoia con una conclusione sottomisura su assist da calcio piazzato di Sevieri.
Caserta (Cosenza-Juve Stabia 0-1): Tutte le azioni della Juve Stabia passano dai suoi saggi piedi. Nel primo tempo, il play delle vespe, smista bene il pallone e contribuisce nel dare il la ad alcune azioni pericolose dei suoi. Nel secondo tempo, da vero leader, si sacrifica per congelare il risultato chiudendo tutti i varchi davanti alla difesa.
Herrera (Ischia-Paganese 0-2): Il giovane centrocampista classe 92 originario di Panama si rende protagonista di una prestazione superlativa segnando due gol che regalano una vittoria fuori casa importantissima per la sua squadra. Il primo gol è una bel piattone da fuori che trafigge Mennella, il secondo gol è un preciso colpo di testa che si infila nell’angolino.
Iannini (Barletta-Matera 0-1): Il capitano dei lucani ha il grande merito di segnare la rete decisiva: destro micidiale dal limite dell’area e tre punti che proiettano il Matera nei quartieri alti della classifica.
Moscardelli (Salernitana-Lecce 1-2): Questa volta non segna ma probabilmente gioca la sua miglior partita in giallorosso. Propizia il gol del vantaggio di Sacilotto: finta d’alta scuola che disorienta il difensore e conclusione che costringe Gori alla respinta corta (sulla quale si avventerà Sacilotto). Inoltre lotta su tutti i palloni, aiuta i compagni nella fase difensiva e si rende protagonista con un paio di giocate di classe.
Del Sante (Lamezia-Reggina 4-0): Spazza via letteralmente la difesa amaranto con un bottino che include due gol e un assist. Bellissimo il primo gol: vince il contrasto con Crescenzi e dai 20-25 metri conclude in modo potente centrando l’incrocio dei pali. Segna ancora con un bel colpo di testa su calcio d’angolo e serve una palla d’oro a Montella con una precisa sponda di testa.
Iemmello (Foggia-Catanzaro 1-1): Quinto centro stagionale per il bomber rossonero: riacciuffa il pari con un tempestivo colpo di testa approfittando di una dormita clamorosa di Rigione. Per il resto gioca una partita di alto livello: sfiora il gol in un paio di circostanze, serve a Sarno una palla d’oro e si sacrifica spesso dando una mano ai propri compagni in fase difensiva.

Attilio Scarano da Calciofoggia

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Il punto sulla giornata in Lega Pro. Quante differenze tra i tre gironi

foggiaweb.it/foggiacalcio

Quando si sostiene che siamo un paese straordinario perché pieno di differenze, nel bene e nel male ovviamente, non vi è superficialità di giudizio: queste vanno considerate una ricchezza.

Il riferimento poi non è esclusiva della politica della geografia o della storia, ma anche nello sport più praticato e amato che è il calcio emergono le differenze: in Lega Pro ci sono tre gironi, uno differente dall’altro e questa decima giornata ne conferma ulteriormente il pensiero.

Nel girone A dieci punti separano play-off e play-out; nel girone B dieci punti separano i play-out dal primo posto in classifica e promozione diretta; nel girone C gli stessi punti non bastano alla prima dei play-out per entrare in zona play-off.

Nel girone A una sola vittoria esterna, quella del Pavia che vince sul campo del Pordenone (0-1) e, sfruttando il pareggio a reti inviolate della capolista Bassano (0-0 con la Torres), accorcia le distanze, come fa il Como che supera per 2-0 il Renate.

La testa della classifica è a una sola lunghezza, ma a mio parere la squadra lariana – ben costruita dal D.S Giovanni Dolci – ha evidenziato una buona solidità di team, un mix e un equilibrio che sono da squadre che puntano in alto, un reparto offensivo che trova con facilità il gol e quello difensivo difficile da trovare impreparato, ovviamente grazie a un centrocampo che miscela esperienza e dinamicità.
In questa decima giornata vi è da segnalare la quarta vittoria del Novara, 1-0 sull’Alto Adige e se come sembra si è “svegliato” un bomber come Evacuo il rientro nel campionato che compete al club piemontese è assicurato.

Nel girone B lo scontro diretto della giornata era Reggiana-Tuttocuoio, difesa meno battuta contro l’attacco più prolifico ma guarda il caso anche l’opposto essendo il reparto offensivo della Reggiana quello meno abituato a trovare il gol mentre la difesa del Tuttocuoio qualcosa ha sempre concesso.

A spuntarla è la squadra emiliana: 2-0 e testa della classifica; scavalca infatti l’Ascoli che viene fermato da un tenace Gubbio, 2-2 e come per la capolista la squadra marchigiana evidenzia la sua forza nella solidità difensiva. Ma attenzione perché ovviamente a parità di buone difese la spunterà chi avrà anche capacità realizzative superiori e a mio parere il Pisa, che vince in trasferta 1-4 all’Aquila, detiene tutte e due i requisiti.
Curioso il dato statistico che opponeva Carrarese e Santarcangelo, quella che non ha mai perso e quella che non ha mai vinto: risultato finale 2-2 e tutto rimandato alla prossima domenica.

Nel girone C la spaccatura di valori preventivata qualche turno fa si sta concretamente verificando: le ultime sei in classifica perdono tutte e come detto all’inizio del mio editoriale i punti di differenza tra parte alta e parte bassa della classifica rispetto agli altri due gironi è molto più netta. Big-match di giornata è stato Salernitana-Lecce e a spuntarla è stata la squadra salentina che oltre a rilanciarsi, sperando per loro che abbiano più continuità nei risultati, riaccorcia la graduatoria.

Ringraziano ovviamente le tre straordinarie sorprese di questo girone: la Juve Stabia che va a vincere in trasferta a Cosenza (0-1), il Matera sul campo del Barletta con identico risultato (0-1) e la Vigor Lamezia che rifila un rotondo e corposo 4-0 alla Reggina che sprofonda in bassa classifica.
Ma nella domenica dove vincono maggiormente le squadre a sfavore di campo la prima pagina è tutta per il Benevento, 0-2 con l’Aversa Normanna e primo posto da solo, unica squadra a non avere ancora perso e in questo girone non è un dato di poco conto, basti vedere che in quattro punti vi sono otto squadre (e che squadre!): un merito in più per la squadra ben guidata da mister Brini.

Buon calcio a tutti.

da Tuttolegapro.com

Pubblicato in Lega Pro | Contrassegnato | Lascia un commento

Foggia-Catanzaro, le pagelle: Iemmello sempre decisivo. Male Bencivenga

foggiaweb.it/foggiacalcio

L’attaccante realizza il suo quinto gol in campionato, e ne sfiora un altro in chiusura di match. Male i due terzini e Cavallaro

Alla fine dei conti è un buon pari, che forse poteva diventare vittoria. Con un po’ più di convinzione, e senza regalare un tempo agli avversari, i rossoneri avrebbero potuto portare a casa un’importante e prestigiosa vittoria, contro una squadra costruita per stazionare nelle zone alte della classifica.

Un Foggia bruttino nella prima parte, di tutt’altra pasta nella ripresa, che dopo aver trovato il pareggio con Iemmello, avrebbe anche potuto portare a casa i tre punti con Loiacono e ancora Iemmello.

La sorte ha invece deciso che le due squadre si dividessero salomonicamente la posta in palio, ma la sensazione è che questo Foggia, migliorando alcune situazioni di gioco, e contando sui progressi di Sarno, possa giocarsela con tutti.

FOGGIA (4-3-3) Narciso 6,5 Bencivenga 5 (31’st Loiacono 6,5) Potenza 6 Gigliotti 6 Agostinone 5,5; Agnelli 6,5 Quinto 6 Gerbo 5,5 (15’st D’Allocco 6,5); Sarno 6,5 Iemmello 7 Cavallaro 5 (45’st Leonetti s.v.). A disposizione: Micale, Grea, Sicurella, Bollino. All. Roberto De Zerbi 6

Narciso 6,5 – Puntuale nelle uscite, un paio delle quali determinanti per scongiurare il gol

Bencivenga 5 – Nel primo tempo Moriero vince la partita sugli esterni. Dalla sua parte agisce Russotto, che quando parte diventa imprendibile, a meno che non si ricorra ai mezzi illeciti. In avanti fa tanta confusione.

Pomeriggio da dimenticare (31’st Loiacono 6 – Un quarto d’ora e poco più, per riuscire a fare quel che a Bencivenga non è riuscito in oltre un’ora di gioco. Un diagonale bellissimo su cui Scuffia può solo pregare i santi, e poi ringraziarli per l’esito a lui favorevole. In più, un paio di cross niente male. E meno male che era entrato principalmente per difendere)

Potenza 6 – Russotto vola tipo Baumgartner quando si lanciò dalla stratosfera, però il tocco probabilmente c’è. Qualche altra piccola sbavatura (che non incidono sul match), ma tutto sommato tiene

Gigliotti 6 – Come il suo compagno di reparto, sbanda sulle ripartenze fulminee degli avversari. Certo, senza filtro centrale, non è facile per nessuno

Agostinone 5,5 – La crescita evidenziata nella ripresa, è ciò che differenzia la sua partita da quella di Bencivenga. Primo tempo da incubo, con Pagano che sistematicamente lo salta

Agnelli 6,5 – Anche per lui gara dai due volti. Primo tempo giocato sotto ritmo, sempre con un tocco di troppo. Cresce nel secondo tempo, spendendo tutto quello che ha in corpo, e nei muscoli soprattutto. Più forte anche dei crampi che lo attanagliano nel finale

Quinto 6 – Quando i ritmi si alzano va in sofferenza; ci mette del suo, portando palla eccessivamente. Si fa preferire nella seconda parte di gara, producendosi anche in un paio di cambi di gioco niente male

Gerbo 5,5 – Il centrocampo del Foggia per 45 minuti non c’è. Manca in fase di filtro – per l’infelicità del pacchetto arretrato – e in fase di costruzione. Corre tanto e a vuoto, e alla fine si fa anche male (15’st D’Allocco 6,5 – Entra lui e il Foggia si sistema meglio in campo. La corsia mancina, si irrobustisce e diventa una delle fonti di gioco principali per i rossoneri. Suo il cross che origina il gol di Iemmello)

Sarno 6,5 – Tralasciando la condizione atletica, palla al piede è uno spettacolo. Sprazzi di intesa con Iemmello – si veda lo scambio di prima in chiusura di primo tempo – e una serie di giocate illuminanti che tengono in piedi il Foggia nella ripresa. Gli manca il gol

Iemmello 7 – Per larghi tratti di match sembra più un difensore del Catanzaro. Sbaglia tanto, e si arrabbia per un rigore negatogli. Poi trova un gol facile, gentile omaggio della retroguardia avversaria, e si inventa il quasi gol che avrebbe regalato i tre punti, oltre ad infiammare lo Zac

Cavallaro 5 – Estraneo al gioco e poco partecipe in fase difensiva. Cerca continuamente la giocata, ma spesso si tratta di roba scontata, che il difensore capisce con largo anticipo (45’st Leonetti s.v.)

De Zerbi 6 – Paleserà rammarico in sala stampa. Effettivamente la partita si poteva anche vincere. Resta da capire perché la squadra regali sempre un tempo all’avversario

da Foggiatoday

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Sarno commenta la sua prestazione: “Non sono ancora al 100%, ma sto crescendo”

foggiaweb.it/foggiacalcio

Per la prima volta in campo per tutti i 90′

Il fantasista rossonero Sarno è soddisfatto della sua prestazione contro il Catanzaro, finita 1-1. “Non sono ancora al 100% – ammette . ma sto crescendo e continuerò a lavorare”. Intanto cresce la sua tenuta atletica: non a caso, per la prima volta in stagione ha giocato per tutti i 90′.

Intervista: Alessandro Galano, riprese: Michele Gramazio

da Foggiacittaaperta

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Basket, prima sconfitta del campionato per la Diamond Foggia

foggiaweb.it/foggiacalcio

Gli orange perdono ad Altamura, ora sono terzi

Dopo due vittorie nei primi due turni di campionato arriva la prima sconfitta per Diamond Foggia, che perde per 75-68 sul campo della matricola Libertas Altamura. Non è bastata agli orange l’ottima prova di Luca Vigilante, che ha messo a segno 30 punti, la squadra di coach Papa ha patito più del dovuto l’assenza del febbricitante D’Arrissi e la non buona condizione di capitan Padalino.

LA PARTITA. Parte meglio la squadra di casa che chiude il primo quarto 22-12, nella seconda frazione di gioco per la Diamond entra Padalino, che seppur claudicante riesce a ridurre lo svantaggio dei suoi a 7 punti. Dopo il riposo lungo è ancora la squadra di casa ad allungare per portarsi sul 58-48, nel finale gli orange le provano tutte, soprattutto con Luca Vigilante e Chiappinelli, ma è troppo tardi per recuperare. In classifica gli orange sono terzi a 4 punti dietro a Vieste e Manfedonia, a punteggio pieno a quota 6.

IL TABELLINO. Bawer Libertas Altamura – Asd Diamond Basket Foggia 75-68 (22-12, 39-32, 58-48)
Libertas Altamura: Fui 5, De Bartolo 7, Koprivica 16, Barozzi 18, Rainò n.e., Manicone 9, Di Marzio 4, Radovic 9, Calia 6. Coach Laterza.
Diamond Basket Foggia: Chiappinelli 18, Taylor 11, Vigilante 30, Padalino E. 2, Padalino N. 4, Lobasso 2, Cardone n.e., Macchiarola 1, Bratti. Coach: Papa.
Arbitri: Di Sisto Francesco di Nardò e Marseglia Eros di Mesagne.

da Foggiacittaaperta

Pubblicato in Basket e Volley a Foggia e Provincia | Contrassegnato | Lascia un commento

FOGGIA – Mister De Zerbi: “Il lavoro della squadra mi fa stare tranquillo. A Messina per vincere”

foggiaweb.it/foggiacalcio

Il commento del tecnico rossonero dopo il pareggio

Il tecnico rossonero Roberto De Zerbi commenta il pareggio interno contro il Catanzaro, il girone – “E’ sicuramente livellato” -, parla di D’Allocco – “Per me è un titolare” – e pensa già alla gara di Messina: “Andiamo per vincere e giocare bene, come abbiamo sempre fatto”.

Mister De Zerbi: “Il lavoro della squadra mi fa stare tranquillo. A Messina per vincere”
Il commento del tecnico rossonero dopo il pareggio

Il tecnico rossonero Roberto De Zerbi commenta il pareggio interno contro il Catanzaro, il girone – “E’ sicuramente livellato” -, parla di D’Allocco – “Per me è un titolare” – e pensa già alla gara di Messina: “Andiamo per vincere e giocare bene, come abbiamo sempre fatto”.

Intervista: Alessandro Galano, riprese: Michele Gramazio

da Foggiacittaaperta

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

IL FOGGIA GIOCA BENE E CONTRO IL CATANZARO PAREGGIA 1-1

foggiaweb.it/foggiacalcio

Il Foggia pareggia in rimonta contro il Catanzaro: al gol su rigore di Russotto risponde il colpo di testa del bomber Pietro Iemmello.

Nelle formazioni spicca subito la scelta a sorpresa di De Zerbi che schiera Sarno dal 1° minuto. Il giocatore napoletano si prende la maglia numero 11 e fa reparto con Cavallaro e Iemmello; a centrocampo i rossoneri si schierano con il solito trio composto da Agnelli, Quinto e Gerbo; a difesa del portiere Narciso la linea a 4 è composta da Bencivenga ed Agostinone sulle fasce con Potenza e Gigliotti coppia centrale.
Francesco Moriero schiera il suo Catanzaro con un 4-3-3 che vede Scuffia tra i pali, preferito al non ancora in perfette condizioni Bindi, linea a 4 con Daffara, l’ex Rigione, Ferraro e Di Chiara; centrocampo con Maiorano, Vacca ed Ilari al centro; nel reparto offensivo operano invece Pagano e Russoto ai lati di Kamara.

Al 5° minuto Russotto ci prova dalla distanza su calcio piazzato ma la sfera termina a lato.
Stessa sorte 2 minuti più tardi per la conclusione di Sarno, che è abile a portarsi la palla sul mancino ma strozza poi il tiro.
Al minuto 8 Narciso con le unghia allunga il cross di Pagano, poi Angelli è abile a spazzare di testa.
Sul ribaltamento di fronte Iemmello cerca un controllo di troppo in area e perde il tempo per la conclusione, la difesa giallorossa fa ripartire in contropiede Pagano la cui conclusione termina abbondantemente a lato.
Al 14° il primo tiro in porta è del Foggia con Cavallaro che lancia in profondità Iemmello che, dopo aver controllato la sfera, lascia partire un sinistro che termina tra le braccia di Scuffia.
Passano 4 minuti e Pagano la mette bassa al centro per Ilari che però colpisce male la sfera e mette a lato da poco dentro l’area di rigore.
Al 20° il Foggia conquista il primo corner del match. Sulla sfera si presentano Sarno e Cavallaro con il secondo che tocca per il primo che sbaglia però il passaggio per Agostinone e lo schema sfuma.
4 minuti più tardi nuovo corner per i rossoneri: nuovamente Sarno e Cavallaro sulla sfera ma il numero 10 rossonero sbaglia il cross ed Agostinone è costretto ad un fallo tattico che gli costa l’ammonizione.
Al 25° il Sig. Tardino concede il calcio di rigore per fallo sul vertice dell’area di rigore di Potenza su Russotto: sul dischetto si presenta lo stesso Russotto e batte per un soffio Narciso che aveva intuito dove il numero 10 ospite volesse tirare.
Il Foggia prova subito a reagire ma sul cross di Sarno il colpo di testa di Iemmello termina alto.
Alla mezzora secondo cartellino giallo del match mostrato a Quinto per un fallo tecnico.
Al 35° ammonito anche Agnelli per un fallo su Vacca.
2 minuti più tardi è lo stesso capitano a cercare la via della rete con un tiro dalla distanza che si spegne però fuori.
Al 40° contatto dubbio tra Iemmello ed un difensore ospite che si abbracciano e cadono a terra. ma per il Sig. Tardino di Milano è tutto regolare.
Al 43° è Sarno ad avere una buona palla sul sinistro dopo l’assist di Iemmello, ma la sua conclusione termina alta sulla trasversale della porta difesa da Scuffia.

La ripresa ha inizio con gli stessi 22 interpreti dei primi 45 minuti.
Dopo 37 secondi Sarno ha la palla buona ma cincischia troppa con la sfera e non conclude a rete.
Al 50° terzo corner della partita del Foggia: dalla bandierina questa volta va il solo Sarno che costringe Scuffia a smanacciare, poi la difesa calabrese spazza.
Due minuti più tardi punizione per i padroni di casa a pochi metri dal vertice dell’area di rigore: ancora una volta è Sarno a presentarsi sul pallone, ma la sua conclusione si spegne alta sulla traversa.
Al 54° Bencivenga perde un pallone sanguinoso sulla propria trequarti, Russotto serve Kamara che allarga per Pagano che viene chiuso da un perfetto Narciso.
Subito dopo il Foggia non riesce a creare nulla sugli sviluppi del quarto corner del suo match.
I rossoneri continuano ad attaccare e collezionare angoli: anche sul 5° però Scuffia e costretto a smanacciare la battuta di Scuffia.
Al 58° è ancora Sarno a scaldare le mani a Scuffia con un bel rasoterra.
Un minuto più tardi arriva il primo cartellino giallo del match per un giocatore ospite con Vacca che viene ammonito per fallo su Gerbo che inizialmente si rialza ma poi stramazza al suolo e viene sostituito da D’Allocco allo scoccare dell’ora di gioco.
Al 64° Sarno viene steso al limite dell’area, dopo un uno-due stretto con D’Allocco, da Maiorano che viene ammonito. Sulla seguente punizione ci prova Cavallaro e la palla viene respinta dalla barriera, sulla seguente conclusione di Quinto la palla viene respinta nuovamente da un giocatore giallorosso; in entrambi i casi per il Sig. Tardino di Milano non c’è fallo di mano.
Il Catanzaro prova a distendersi in contropiede poco dopo la metà della ripresa ma Narciso è nuovamente bravo a chiudere in uscita bassa anticipando Kamara.
Al 71° arriva il pareggio del Foggia: azione prolungata dei rossoneri con la palla che giunge sulla fascia sinistra a D’Allocco, il numero 16 mette al centro, Rigione si addormenta e Iemmello di testa gonfia la rete.
Subito dopo Moriero opera il suo primo cambio inserendo Morosini al posto di Ilari.
Un minuto più tardi viene ammonito anche Russotto per reteirate proteste nei confronti dell’arbitro.
Al 76° secondo cambio per De Zerbi con l’ingresso in campo di Loiacono al posto di Bencivenga.
Un minuto più tardi è proprio Loiacono a fare la barba al palo con un diagonale rasoterra.
Al minuto 81 Moriero inserisce in campo Barraco al posto di Pagano.
Due minuti più tardi Quinto serve benissimo Iemmello che con una finta si beve il difensore avversario e calcia in porta con il mancino ma Scuffia respinge la sfera e per pochissimo Agnelli non si trova sulla sfera per il tap-in.
L’ultimo cambio del Catanzaro vede l’uscita dal campo di Russotto al minuto 87 con l’ingresso di Ricci.
Al 90° De Zerbi inserisce Leonetti al posto di un esausto Cavallaro, che esce con i crampi.
Nel corso dei 5 minuti di recupero viene espulso per somma di cartellini gialli il giallorosso Vacca.
Al 94° Loiacono ci prova con un esterno destro ma Scuffia è attento a bloccare.
Dopo di che non succede più nulla ed il Sig. Tardino di Milano fischia la fine del match.

Il Foggia trova il 6° risultato utile consecutivo, con il 4° pareggio della serie.
Il Catanzaro dopo la vittoria contro l’Ischia riesce a chiudere nuovamente imbattuta.

Tabellino:

Foggia 0-1 Catanzaro
26° rig. Russotto (Cat); 71° Iemmello (Fog)

Formazioni:

Foggia (4-3-3): Narciso; Bencivenga (76° Loiacono) – Potenza – Gigliotti – Agostinone; Agnelli – Quinto – Gerbo (60° D’Allocco); Sarno – Iemmello – Cavallaro (90° Leonetti)
A disposizione: Micale – Grea – Sicurella – Bollino
Allenatore: Sig. Roberto De Zerbi

Catanzaro (4-3-3): Scuffia; Daffara – Rigione – Ferraro – Di Chiara; Maiorano – Vacca – Ilari (72° Morosini); Pagano(81° Barraco) – Kamara – Russotto (87° Ricci)
A disposizione: Bindi – Squillace – Pacciardi – Martignago
Allenatore: Sig. Francesco Moriero

Ammoniti: 25° Agostinone (Fog); 30° Quinto (Fog); 35° Agnelli (Fog); 59° Vacca (Cat); 64° Maiorano (Cat); 73° Russotto (Cat)

Espulsi: 92° Vacca (Cat)

Arbitro: Sig. Andrea Tardino di Milano
1° Assistente: Sig. Stefano Pizzagalli di Pesaro
2° Assistente: Sig. Giuseppe Macaddina di Rimini

Nella foto, di Antonello Forcelli, il colpo di testa che vale l´1-1 di Iemmello

Armando Borrelli da Calciofoggia

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Iemmello: ”Oggi ho giocato solo per il Foggia”

foggiaweb.it/foggiacalcio

Il commento dell’attaccante foggiano al termine della gara: “Segnare contro la squadra della mia città non è come segnare alle altre ecco perché non ho esultato. Comunque sono felice per i cinque gol realizzati finora anche se il merito è del lavoro che la squadra fa per mettermi nelle condizioni di finalizzare.

Peccato per la palla del vantaggio che ho tirato addosso al portiere. Devo vedere le immagini ma ho come l’impressione che forse potevo avanzare ancora un po’. Pareggio giusto se pensiamo che loro con Pagano hanno avuto la palla del raddoppio. Se segnano per noi è finita”.

da Foggiacalciomania

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Foggia-Catanzaro, il saluto della Curva Sud ai rossoneri

foggiaweb.it/foggiacalcio

L’ormai consueto rito dei tifosi a fine gara

Come di consueto alla fine di Foggia-Catanzaro, terminata 1-1, prima di tornare negli spogliatoi i calciatori del Foggia sono passati a salutare i tifosi. Nel video l’omaggio alla squadra fatto dalla Curva Sud.

da Foggiacittaaperta

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Iemmello segna al “suo” Catanzaro e risponde a Russotto: 1-1 allo Zac

foggiaweb.it/foggiacalcio

La rete dell’attaccante rossonero al 26′ della ripresa, evita ai rossoneri la prima sconfitta interna. Rossoneri brutti nel primo tempo, chiuso in svantaggio con il rigore di Russotto. Meglio nella ripresa

Il rigore realizzato da Russotto
A fine partita De Zerbi ha anche modo di recriminare per una partita che, con un po’ di fortuna in più, si poteva anche vincere. Il Foggia non va oltre il pareggio in casa contro un Catanzaro decisamente superiore specie nella prima frazione, e troppo dimesso (anche per merito della squadra di casa) nella ripresa. Il limite più grande del Foggia sta proprio lì, nell’incapacità di giocare tutta la partita con la stessa intensità e pericolosità. C’è tempo per rimediare, e per elevare la qualità, specie se Sarno darà continuità ai progressi evidenziati quest’oggi.

Alla fine del primo tempo i tifosi inveiscono contro l’arbitro Tardino reo di avere concesso un rigore al Catanzaro, e di averne negato uno a Iemmello. Nessuno rimbrotto ad un Foggia brutto, e per un tempo decisamente inferiore agli ospiti.
C’è un aspetto che differenzia le due squadre: la velocità. Il Foggia si affida ad un fraseggio, lento, noioso tipo un documentario, trasmesso alle tre di notte, sulle iguane delle Galapagos. Per fare dieci metri, il Foggia deve ricorrere ad una decina di passaggi, il Catanzaro con tre tocchi arriva in porta.
Il 4-3-3 scelto da Moriero, è interpretato alla perfezione da tutti i giocatori. A centrocampo Vacca è il perfetto direttore di un’orchestra che si muove con sincronismi perfetti. Sugli esterni Russotto e Pagano mandano presto in tilt i poveri Bencivenga e Agostinone, peraltro poco supportati sia dalle mezzali che dagli attaccanti.

Cosa che invece non accade nella formazione di Moriero, lesta nel trasformarsi in un 4-1-4-1 quando la palla ce l’hanno gli avversari. Il fu “sciuscià” della prima Inter di Ronaldo, sistema i due esterni d’attacco quasi sulle linee laterali, allargando la disastrata difesa rossonera, che paga lo scarso filtro dei tre centrocampisti, e viene spesso infilato dagli inserimenti centrali.

Basta un pallone recuperato per partire in velocità e far tremare la difesa rossonera. Per i rossoneri, peggio le cose vanno in attacco, dove Sarno si accende ad intermittenza, Cavallaro aspetta il pallone per prodursi in giocate scontate, e Iemmello sembra sentire il derby personale con la sua città.

Il gol di Russotto, arriva su rigore che lo stesso esterno si procura al 26’. Quanto sia gratuito il volo del fantasista, e quanto sia netto il tocco di Potenza, è difficile da decifrare. Fatto sta che il Catanzaro alla mezz’ora, va in gol.

Il Foggia si fa pericoloso solo nel finale, con Sarno, che chiede bene l’uno due a Iemmello, salvo poi spedire il pallone in curva. Pochi minuti prima, c’è l’episodio discusso che scatena lo Zaccheria. Iemmello cade in area franando addosso a Rigione. Per il pubblico sarebbe rigore, per l’arbitro no. Caos.

SECONDO TEMPO – Se c’è un errore che commette il Catanzaro, è quello attendere troppo il Foggia nella propria trequarti, aspettando il momento propizio per ripartire. Lasciare completamente l’iniziativa a una squadra che dalla cintola in su ha qualità da vendere, può essere fatale. Specialmente se Sarno, pur con la zavorra di una condizione atletica non ancora ottimale, comincia a far funzionare il suo mancino, e a dispensare colpi di classe.

Sarà proprio il fantasista, a impegnare Scuffia con un bel sinistro dal limite. La manovra del Foggia, pur apparendo a tratti ancora troppo lenta, si fa più incisiva, forte anche della crescita di Agostinone sulla sinistra, e di un generoso Agnelli che terminerà la partita in preda ai crampi.

L’infortunio di Gerbo al 15’, paradossalmente avvantaggia i rossoneri, che con D’Allocco riescono ad avere maggior dinamismo e quantità in mezzo, protezione in difesa sulla corsia, e spinta. Sarà proprio il cross del centrocampista a propiziare il gol di Iemmello.

Certo, Rigione e Scuffia la combinano grossa, lisciando entrambi il pallone, ma tant’è. E’ il gol che fa prendere coraggio ai rossoneri, e preoccupa Moriero, che presto ricorre ai cambi, inserendo Morosini, Barraco e Ricci, per Ilari, Pagano e la freccia Russotto. De Zerbi toglie Bencivenga inserendo Loiacono, con il preciso intento di bloccare la fascia destra, anello debole fino a quel momento.

Eppure il centrale sarà protagonista di una bella azione al 33’, conclusa con un diagonale che si spegne fuori di un nulla. Cinque minuti dopo, Iemmello sfiora l’euro gol, con un grande dribbling a rientrare, seguito da un sinistro sul quale è bravo Scuffia. Non ci sarà nient’altro, a parte il forfait di Cavallaro, anche lui vittima dei crampi. Lo Zaccheria resta immacolato.

FOGGIA (4-3-3) Narciso, Bencivenga (31’st Loiacono), Potenza, Gigliotti, Agostinone; Agnelli, Quinto, Gerbo (15’st D’Allocco); Sarno, Iemmello, Cavallaro (45’st Leonetti). A disposizione: Micale, Grea, Sicurella, Bollino. All. Roberto De Zerbi

CATANZARO (4-3-3) Scuffia; Daffara, Rigione, Ferraro, Di Chiara; Maiorano, Vacca, Ilari (27’st Morosini); Pagano (36’st Barraco), Kamara, Russotto (42’st Ricci). A disposizione: Bindi, Squillace, Pacciardi, Martignago. All. Francesco Moriero.

ARBITRO: Andrea Tardino di Milano

MARCATORI: 26’pt rig. Russotto (C), 26’st Iemmello (F)

AMMONITI: Agostinone (F), Agnelli (F), Quinto (F), Vacca (C), Maiorano (C), Russotto (C)

ESPULSI: 49’st Vacca (C) per doppia ammonizione

NOTE: Angoli: 5-1 per il Foggia; Recupero: 2’pt, 5’st

da Foggiatoday

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Europei Iska di kickboxing, 6 ori per Manfredonia nel point fight

foggiaweb.it/foggiacalcio

Manfredonia – CONCLUSISi a Pescara i Campionati europei di kickboxing, nella quale i portacolori del Gruppo sportivo della Palestra Sport Centur Magnum di Manfredonia, guidati dal M°Magno Francesco, hanno contribuito in modo determinante al bottino di ben 6 medaglie d’oro nella specialità Point fight.
L’evento si è svolto nel grande palazzetto dello sport di Pescara, gremito di pubblico, che ha visto la presenza di oltre 600 atleti provenienti da tutta Europa darsi battaglia per conquistare l’ambito titolo iridato. Le fasi eliminatorie si sono svolte il sabato.
La domenica il clou della manifestazione con le finali di tutte le categorie! Il Team Magnum ha combattuto anche a squadre, con ben 2 formazioni, giunte in finale, dopo aver sconfitto i team inglesi, tedeschi, spagnoli, croati, belgi e francesi. Nella finale ha prevalso la squadra più esperta del vivaio Magnum, oro anche nelle gare a squadre.
Questi i vincitori delle rispettive categorie di point fight:
1° class. ZERULO FRANCESCO
1° class. SCIRPOLI ANTONIO
1° class. IACOVIELLO VINCENZO
1° class. FILANNINO SAVINO
1° class. RINO MAGNO
1° class. COSIMO BARBONE
“Con questo bellissimo risultato si apre la stagione sportiva per la palestra Magnum la quale sarà impegnata anche con gli altri suoi atleti nelle varie competizioni nazionali e internazionali in programma; il team Manfredoniano guarda già oltre, in previsione del Campionato Mondiale che si svolgerà a Praga il mese prossimo”, informano i referenti della Magnum.

da Stato Quotidiuano

Pubblicato in Sport Vari | Contrassegnato | Lascia un commento

SARNO:”SONO CONTENTO DI FAR PARTE DI QUESTO GRUPPO”

foggiaweb.it/foggiacalcio

” Oggi ho giocato finalmente per tutti i novanta minuti mi sentivo bene. Fino ad
oggi ho sofferto a stare fuori ma va bene così. Ringrazio tutti il mister lo staff
tecnico che mi ha rimesso in piedi e nelle condizioni di poter tornare a giocare. In
settimana ho lavorato tanto ed il mister mi ha premiato per l´impegno.

Oggi nel
secondo tempo abbiamo giocato ad una sola porta. Se avessimo segnato il
secondo gol non avremmo meritato nulla. Rispetto al mio arrivo sto molto meglio e
speriamo di migliorare nelle prossime domeniche.

Mi manca il gol e devo
migliorare in questo sfruttando al meglio le giocate dei miei compagni di squadra.
Dobbiamo migliorare ancora tanto ma siamo un grande gruppo e giocare al calcio
come gioca il Foggia sarà dura per tutti tener i testa.

Ce la giochiamo contro tutti e
dobbiamo evitare come successo oggi di lasciare mezz´ora all´avversario.

Tiziano Errichiello da Calciofoggia

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

IEMMELLO:” SE SEGNO IL MERITO E´ DI TUTTA LA SQUADRA”

foggiaweb.it/foggiacalcio

“Segnare un gol contro la squadra della mia città non è come segnare alle altre.
Sono contento per la prestazione mia e dei miei compagni.

Cinque gol che mi rendono felice per come stanno andando le cose e segno perché dietro la squadra lavora tanto ed il merito e´ il loro.

Oggi ho giocato per novanta minuti solo per il Foggia ma non ho esultato per rispetto verso la squadra della mia città. Sul gol mancato vorrei vedere le immagini forse potevo andare più avanti.

Loro oggi con Pagano hanno avuto la palla del 2-0 e se loro segnano noi non pareggiamo più. Il pari e´ giusto sicuramente per le occasioni che abbiamo creato”.

Tiziano Errichiello da Calciofoggia

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

DE ZERBI:”ABBIAMO CONCESSO TRENTA MINUTI ALL´AVVERSARIO”

foggiaweb.it/foggiacalcio

“A caldo la mi analisi e´ quella che abbiamo fatto un tempo e dieci minuti alla
grande e circa trenta minuti a loro.

Nella prima mezz´ora demeriti nostri perché
non abbiamo giocato come sappiamo ma ricordiamo che abbiamo sempre
l´avversario contro che a volte ti può mettere sotto anche per mezz´ora. A me
piace comandare sempre la partita e oggi abbiamo sofferto la prima parte della
gara.

Oggi per me è come se avessimo vinto e non sono preoccupato di come sono
andate le cose perché nel secondo tempo abbiamo giocato come sappiamo. Ho
fatto i complimenti alla squadra perché ho detto loro che sono degli uomini veri e
sono orgoglioso di allenarli.

Avevamo preparato la partita per andarli a prendere in
curva ma loro ci hanno sorpreso nella prima parte. Con Sarno potremmo fare il
vero salto di qualità oltre quello già fatto.

Con la Salernitana abbiamo giocato bene
in tutto l´arco dei novanta minuti oggi invece un po´ meno occasioni ma il pareggio
ce lo siamo meritato. In dieci partite abbiamo messo sotto quasi tutti gli avversari e questo mi lascia fiducioso per il futuro.

Stiamo crescendo ed il mio unico rammarico e´ che ci mancano diversi punti. Pensiamo partita dopo partita perché io sono ambizioso così come lo sta diventando il mio gruppo. Se riusciamo a giocare novanta minuti sempre così noi possiamo dire la nostra. A Messina sarà difficile per noi ma anche per loro”.

Tiziano Errichiello da Calciofoggia

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

MORIERO:”IL PAREGGIO CI VA STRETTO”

foggiaweb.it/foggiacalcio

“Potevamo chiuderla prima la gara questa sera. Una bella partita tra due

formazioni che hanno onorato la Lega Pro. Un pareggio che ci sta un po´ stretto e

potevamo raccogliere qualcosa in più. Con un po´ di fortuna in più avremmo potuto

fare risultato. Nella ripresa li abbiamo attesi per giocare di ripartenza. Non ci è

andata bene ma il merito va a tutte e due le squadre che hanno giocato del bel

calcio che si vede raramente in questi campionati. L´avevamo preparata bene per

essere aggressivi con l´inserimento degli esterni ma accetto il risultato perché in

campo si è visto del bel calcio. Il campionato e´ equilibrato, aperto e non bisogna

abbattersi in caso di sconfitta ma neanche esaltarsi in caso di vittoria. Ho visto un

bel Foggia che si aspettava un gran Catanzaro.

Tiziano Errichiello da Calciofoggia

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Il Foggia non va oltre l’1-1 contro il Catanzaro: al rigore ospite, risponde Iemmello

foggiaweb.it/foggiacalcio

Il catanzarese segna un gol decisivo ma non esulta

Un pari che soddisfa sicuramente più gli ospiti, passati in vantaggio al primo tempo su azione dal dischetto e bravi soprattutto a difendere.

A pareggiare, per il Foggia, è Pietro Iemmello: catanzarese doc, il numero 9 rossonero sente la partita e al momento della segnatura, per rispetto nei confronti della sua città, non esulta. I rossoneri ci provano fino alla fine ma senza fortuna: il pareggio è giusto.


IL RIGORE DEL PRIMO TEMPO. Poche emozioni nei primi 25 minuti: Iemmello è il giocatore più pericoloso, e in un paio di sortite in area gli ospiti devono ricorrere al raddoppio di marcatura per fermarlo.

Con lui, Vincenzino Sarno: il fantasista campano si muove molto e sembra finalmente in buone condizioni fisiche. A sbloccare il risultato però, è un atterramento in area rossonera, apparso tanto evidente quanto inutile, considerata la posizione defilata in cui è avvenuto il contatto: l’arbitro fischia e il Catanzaro può beneficiare di un calcio di rigore alla mezzora esatta della gara. Russotto non sbaglia e porta in vantaggio gli ospiti.

LA REAZIONE ROSSONERA. Uno svantaggio beffardo quello subito, se si considera che, a parte l’incursione in occasione del rigore, i calabresi non erano mai stati pericolosi. Quanto al Foggia è stato sicuramente più attivo ma, va detto, nel corso dei primi 45 minuti non ha mai impiegato la giusta convinzione per affondare, soprattutto dal lato di Cavallaro e Agostinone, in altre partite quello più pericoloso.

Due i brividi sul finale di tempo: al 40esimo quando Iemmello viene trattenuto in area di rigore e al 44esimo con protagonista Sarno, la sua conclusione però, al limite dell’area e dopo un bel triangolo disegnato con Iemmello, è alta.

IL SECONDO TEMPO. A inizio ripresa Foggia più determinato: è ancora una volta Sarno l’uomo in più dei rossoneri. Il numero 11 è davvero in palla e ci prova in più di un’occasione, da calcio da fermo (di poco alto) e con una rasoiata interessante, a seguito di una bella giocata in mezzo a due.

Il Catanzaro risponde in contropiede e in una circostanza Narciso deve uscire sui piedi di un avanti ospite, giunto praticamente da solo in area: il numero uno gli copre lo specchio e l’azione sfuma.

A complicare le cose però, è l’uscita forzata del centrocampista rossonero Gerbo, infortunatosi nel corso di un’azione di gioco (speriamo nulla di grave). Al suo posto D’Allocco, spostato a sinistra da De Zerbi con accentramento in mezzo al campo del jolly Agostinone.

IL PAREGGIO DI IEMMELLO. Al 25esimo del primo tempo il Foggia pareggia: cross di D’Allocco dalla sinistra, Rigione (ex Foggia) si addormenta e Pietro Iemmello, proprio lui, appoggia di testa nella porta difesa da Scuffia

. Il 9 rossonero segna ma, da catanzarese doc, non esulta. La squadra di De Zerbi allora ritrova lo smalto delle ultime uscite e dopo il gol va vicino alla seconda segnatura: Loiacono, subentrato ad un Bencivenga un po’ in affanno, trova il collo pieno dal vertice alto dell’area, ma la palla sfiora il palo alla sinistra del portiere.

Alla mezzora ancora un’occasione per il Foggia: Quinto verticalizza, Iemmello arpiona in area e si gira in un fazzoletto, sinistro rapido e respinta dell’estremo difensore catanzarese.

I rossoneri ci credono e pressano fino alla fine, gli ospiti si difendono con tutti gli uomini a disposizione. Nei minuti di recupero, il Catanzaro perde Vacca per somma di ammonizioni: fallo netto su Leonetti lanciato in contropiede. A parte ciò però, non succede nient’altro fino alla fine. E Foggia – Catanzaro termina 1-1.
Un pari che soddisfa sicuramente più gli ospiti, passati in vantaggio al primo tempo su azione dal dischetto e bravi soprattutto a difendere. A pareggiare, per il Foggia, è Pietro Iemmello: catanzarese doc, il numero 9 rossonero sente la partita e al momento della segnatura, per rispetto nei confronti della sua città, non esulta. I rossoneri ci provano fino alla fine ma senza fortuna: il pareggio è giusto.

da Foggiacittaaperta.it

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Lascia un commento

Foggia Calcio, col Catanzaro finisce 1-1

foggiaweb.it/foggiacalcio

Sotto di un gol, i rossoneri impattano grazie a Iemmello. Nel secondo incontro interno consecutivo, il Foggia divide la posta in palio contro il Catanzaro. Allo “Zaccheria” finisce 1-1. Al vantaggio dei calabresi con Russotto su calcio di rigore al 26′ del primo tempo, risponde Iemmello di testa al minuto 25 della ripresa. In classifica i punti dei rossoneri diventano 14.

da Daunianews.it

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento

Le pagelle di Foggia-Catanzaro. Sarno il migliore in campo

foggiaweb.it/foggiacalcio

NARCISO 6,5 – Inoperoso per 90 minuti. Intuisce il rigore anche se viene trafitto e riesce a togliere dai piedi il pallone del 2-0 a Pagano.

BENCIVENGA 5,5 – Non spinge come al solito e soffre parecchio le sgroppate di Russotto sul suo settore. De Zerbi lo sostituisce con LOIACONO (6) che risce a rendersi pericoloso e può contare sulla stanchezza di Russotto.

POTENZA 6 – Non ha particolari problemi anche perché gli attacchi del Catanzaro provengono esclusivamente dalle fasce.

GIGLIOTTI 6 – Come Potenza.

AGOSTINONE 6 – Anche dalle sue parti ci sono grattacapi. A portarli è Pagano. Tuttavia, a differenza di Bencivenga, si applica di più nella spinta offensiva.

AGENLLI 6 – Non certo una delle sue migliori performance. Ma oggi è il centrocampo tutto a risentire della velocità dei calabresi, specie nel primo tempo.

QUINTO 6 – Svolge il compitino e non sbaglia nulla.

GERBO 6 – Anche lui un po’ al di sotto delle precedenti prestazioni. Esce anzitempo per infortunio e gli subentra D’ALLOCCO 6,5 che riesce a distinguersi per il cross che Iemmello trasforma in gol.

SARNO 7 – Sembrerebbe uno sproposito ma rispetto ad altre esibizioni totalmente insufficienti, oggi gioca la miglior partita da quando è a Foggia. Sta recuperando la forma e ha i numeri per fare la differenza. Speriamo non sia episodica la buona prestazione odierna.

IEMMELLO 6,5 – Mezzo voto in meno perché sugli spalti, oggi, molti si chiedevano se fosse un difensore aggiunto del Catanzaro, squadra per cui il bomber tifa. Ma anche stavolta è decisivo e mette la firma con il suo quinto centro stagionale.

CAVALLARO 6 – Abbiamo visto nettamente di meglio in molte altre circostanze. Oggi si vede poco e infastidisce meno.

Leonetti senza voto

Antonello Abbattista da Foggiacalciomania

Pubblicato in Foggia calcio s.r.l. | Contrassegnato | Lascia un commento